Il Black Friday si terrà come da programma, nessun rinvio in vista

Il Black Friday si terrà come da programma, nessun rinvio in vista

Dopo la notizia del rinvio del Black Friday di una settimana in Francia, anche in Italia è stata affrontata questa possibilità: tra favorevoli e contrari, il Governo non ha riscontrato una posizione unitaria delle parti coinvolte. Per ora quindi nessun slittamento a dicembre.

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Mercato
Amazon
 

Mentre in Francia il Black Friday previsto per il 27 novembre è stato rinviato di una settimana al 4 dicembre, con Amazon che si è allineata ad altri rivenditori online affinché i negozi tradizionali possano riaprire e quindi partecipare alla stagione delle vendite natalizie, in Italia non sembra che si farà altrettanto, salvo cambiamenti dei prossimi giorni.

Black Friday in tempo di COVID, un vantaggio per il web?

Confesercenti aveva lanciato l'allarme nei giorni scorsi: "se continua così fino a Natale il web sottrarrà ai negozi oltre 4 miliardi di euro di vendite, servono regole per riequilibrare concorrenza", si legge in una nota stampa. "In occasione della promozione circa 700 milioni di euro verranno travasati dai negozi reali a quelli sul web. Inoltre, se le restrizioni dovessero continuare fino alla fine dell'anno, il web potrebbe strappare ai negozi reali fino ad ulteriori 3,5 miliardi di euro di spesa dei consumatori per i regali e per l'acquisto di beni per la casa e la famiglia".

Pur sottolineando oome l'ecommerce rappresenti un "canale di vendita importante anche per le imprese di vicinato", si sottolinea come "i primi venti siti web del commercio elettronico italiano totalizzano il 71% del totale delle vendite, e i primi 200 il 95%. Non solo: chi vende online, oltre a godere spesso - nel caso di piattaforme internazionali - di un fisco decisamente più leggero di quello del retail fisico, ha a disposizione anche ingenti risorse per la promozione. Non a caso le più importanti piattaforme di vendita sul web hanno avviato gli sconti del Black Friday già da fine ottobre, a quasi un mese di distanza dalla ricorrenza".

"Il rischio è che il commercio, un settore già in crisi da circa un decennio, venga definitivamente condannato a morte, portando al collasso le attività che hanno reso famose e invidiate le vie dello shopping delle città italiane. Il problema non è impedire le vendite online, ma la necessità non più differibile di garantire un mercato realmente concorrenziale, nel rispetto del pluralismo distributivo. A maggior ragione nella situazione attuale, che vede le imprese di vicinato chiuse per scelta amministrativa, con un'ulteriore alterazione delle condizioni a danno delle attività più deboli ed in difficoltà. Governo e Garante della Concorrenza devono intervenire: siamo di fronte ad una distorsione gravissima della concorrenza, che dobbiamo correggere al più presto".

Anche il Codacons, l'associazione per la tutela dei consumatori, ha chiesto "di rinviare il Black Friday italiano all'8 dicembre, seguendo l'esempio della Francia.

Amazon controbatte: metà delle vendite legate alle PMI

Amazon dal canto suo non sembra intenzionata a cambiare il suo programma. "Sin dall'inizio della pandemia, abbiamo lavorato duramente per garantire la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, supportando le 14.000 piccole imprese italiane che vendono nel nostro negozio e fornendo un servizio su cui i nostri clienti italiani fanno affidamento e che apprezzano", ha spiegato il colosso dell'e-commerce. "Il Black Friday è un importante evento di vendita per le piccole imprese, con oltre la metà di tutte le vendite annuali su Amazon provenienti dalle PMI".

Nel 2019, ricorda Amazon Italia, "quasi 600 piccole imprese italiane hanno superato il milione di dollari di vendite su Amazon, mentre le vendite export totali dei nostri partner di vendita italiani hanno superato i 500 milioni di euro. Abbiamo investito più di 5,8 miliardi di euro in Italia dal 2010 e abbiamo creato oltre 1.600 posti di lavoro nel 2020. Ora abbiamo più di 8.500 dipendenti in Italia".

Fonti del Governo: nessun rinvio in vista

E il Governo in tutta questa partita, da che parte si schiera? Ieri c'è stato, come spiegato dall'ANSA, un confronto informale tra il Governo e le associazioni commerciali, ma ad oggi "non ci sono le condizioni per uno spostamento in avanti della data". I Ministeri dell'Economia e dello Sviluppo Economico hanno sentito le parti coinvolte e non hanno riscontrato una posizione unitaria.

Davide Rossi, direttore generale di Aires Confcommercio, ha definito "misera, tardiva, sostanzialmente inutile e un po' penosa" la proposta di rinviare il Black Friday. "Non abbiamo nessun interesse in questa iniziativa: è più importante per noi avere norme per competere ad armi pari", ha aggiunto puntando il dito sul tema fiscale e la responsabilità verso i consumatori.

Codacons: commercianti, ribellatevi

Il tema sarà sicuramente oggetto di dibattito nei prossimi giorni, con il Codacons che ritiene il mancato rinvio, "una pessima notizia per i piccoli negozi italiani, che dovranno subire lo strapotere dell'e-commerce e perderanno miliardi di euro del giro d'affari legato al Natale".

"Il mancato rinvio del Black Friday affosserà le vendite dei negozi nell'intero periodo natalizio, con danni miliardari per il commercio tradizionale", spiega il presidente Carlo Rienzi, "Questo perché più di un regalo su 3 (il 35% circa secondo i calcoli del Codacons) sarà acquistato quest'anno proprio durante il Black Friday, a causa delle restrizioni Covid che impediscono spostamenti e limitano le aperture dei negozi".

"A fare le spese di tale situazione saranno soprattutto i piccoli negozi, che vedranno calare enormemente il proprio giro d'affari: per questo invitiamo i commercianti di tutta Italia a ribellarsi avviando dal prossimo 3 dicembre sconti e promozioni su tutta la merce in vendita, anticipando i saldi per concorrere ad armi pari con i giganti dell'e-commerce", conclude Rienzi.

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen23 Novembre 2020, 11:29 #1
I negozietti potrebbero comunque appoggiarsi ad amazon per vendere i propri prodotti anche online come fanno un sacco di altri negozi.

Lamentarsi sempre, adattarsi mai...

Capisco che non sia facile, capisco che c'e' un danno economico, ma diciamocela tutta, questo lockdown sta solamente accentuando una tendenza gia' presente da tempo per quanto riguarda l'incremento di acquisti online. Inutile lamentarsi, la tendenza del mercato e' quella.

Come i negozi hanno ammazzato gli artigiani, i centri commerciali stanno ammazzando i negozi, adesso l'online sta progredendo (ammazzando ancora no) nei confronti dell'acquisto fisico. Non sara' una ribellione (che poi mi devono spiegare come si dovrebbero ribellare) a fermare le cose.
DjLode23 Novembre 2020, 11:34 #2
Cosa significa "spostare il Black Friday"? Se da sempre è il primo venerdì successivo al giorno del ringraziamento e il giorno del ringraziamento ha una data...
Al massimo, se non fosse possibile, dare la possibilità di fare vendite promozionali in ogni periodo... ma l'usanza americana del Black Friday o la "importi" in toto oppure amen...
CYRANO23 Novembre 2020, 11:39 #3
Vero, sarebbe come spostare Halloween al 15 novembre...


Còlslmsòlmsòòsòms
Mister2423 Novembre 2020, 11:52 #4
Comunque questa decisione andava presa un mese fa. Allo stato attuale ci sono già alcuni prodotti in offerta, sui siti viene già tutto publicizzato e a 5 giorni vorrebbero rimandare?
frankie23 Novembre 2020, 12:01 #5
è un mese che è iniziato il mese, la settimana e chi lo sa del black friday.

Anzi vorrei il fry-day.
canislupus23 Novembre 2020, 12:03 #6
Più che altro trovo allucinante che durante una pandemia, il primo problema sia quando permettere alle persone di fare i soliti consumi compulsivi.
D'accordo che siamo in una società capitalistica basata sugli acquisti... ma sarebbe un dramma epocale non riuscire a fare un black friday ???(usanza discutibile importata come tante mode dagli USA).
Poi sarà che salvo rarissimi casi, ormai i miei regali sono incentrati al 99% per i miei figli... quindi il black friday lo faccio in più momenti dell'anno
The_Hypersonic23 Novembre 2020, 12:07 #7
Probabilmente un giorno arriveranno a capire che il commercio di vicinato è finito da un pezzo. Non dico che sia bello o che sia giusto ma è così. Chi acquista nel negozio sotto casa è generalmente una persona che ha un target d'età avanzato e rientra nelle categorie di chi non utilizza lo strumento informatico per fare acquisti online.

Mio padre ha 70 anni e compra su Amazon o su altri siti con la stessa facilità con cui comprava nei negozi fisici. E per me è anche meglio con una pandemia in giro, almeno so che è al sicuro a casa.

Anche il piccolo commerciante deve evolversi: vendere su Amazon ha costi inferiori rispetto al negozio fisico.
bancodeipugni23 Novembre 2020, 12:22 #8
ecco sapevo...
bancodeipugni23 Novembre 2020, 12:21 #9
io invece sposterei il natale

troppo vicino a capodanno e la befana, si sovrappone troppo l'effetto mediatico e comunicativo, uno spreco che nei tempi moderni non ci si puo' permettere

lo farei il 25 gennaio, un mese dopo: lontano abbastanza da capodanno carnevale e pasqua ed è più facile che ci sia la neve
DjLode23 Novembre 2020, 12:23 #10
Originariamente inviato da: The_Hypersonic
Probabilmente un giorno arriveranno a capire che il commercio di vicinato è finito da un pezzo. Non dico che sia bello o che sia giusto ma è così. Chi acquista nel negozio sotto casa è generalmente una persona che ha un target d'età avanzato e rientra nelle categorie di chi non utilizza lo strumento informatico per fare acquisti online.


Perdonami ma non sono assolutamente d'accordo. Ci sono ancora alcune tipologie di acquisto che non si sposano bene con l'online o con l'assenza di un contatto "fisico". E sono uno che acquista su internet da quando praticamente è possibile.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^