Anonymous contro l'ISIS fa più danni che altro: cresce la preoccupazione online

Anonymous contro l'ISIS fa più danni che altro: cresce la preoccupazione online

Con la dichiarazione di guerra all'ISIS Anonymous è sceso in campo per affrontare digitalmente il terrorismo. Ci sono però preoccupazioni online sull'efficacia dell'operato del collettivo. Ma sono davvero fondate?

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Web
 

In seguito agli attentati di Parigi del 13 novembre il collettivo di hacktivist Anonymous ha dichiarato guerra al terrorismo islamico e all'ISIS usando naturalmente i suoi mezzi digitali. È stata annunciata come la "più grande operazione di sempre" da parte di Anonymous e, nonostante non sia la prima del collettivo nei confronti dello Stato Islamico, è sicuramente la più narrata dai media, anche da quelli più prettamente generalisti.

Cresce una sorta di preoccupazione sull'efficacia dell'operato degli attivisti del web

Se da una parte Anonymous che scende in campo con i suoi mezzi e le sue competenze è una buona notizia sia per i cittadini dei vari stati coinvolti nei truci attentati che per le autorità che cercano di affondare le organizzazioni dell'ISIS, dall'altra cresce una sorta di preoccupazione nei confronti dell'efficacia dell'operato degli attivisti del web. Alcuni pensano sostanzialmente che i tentativi di sconfiggere la jihad compiuti finora da Anonymous stiano facendo più danni che bene.

Di recente gli attivisti hanno proclamato alcune vittorie nei confronti dell'organizzazione dei fondamentalisti, fra cui la divulgazione di 5000 account Twitter che sono stati poi cancellati sul servizio per presunti collegamenti con lo Stato Islamico. The Independent ha riportato tuttavia che molti degli account cancellati appartenevano a individui che in realtà non avevano nulla a che fare con il terrorismo, ed anche l'account legato alla #OpParis ha ammesso l'errore.

"Abbiamo letto l'articolo e vi diamo ragione", ha scritto un portavoce di Anonymous su Twitter. "Non siamo certi al 100% che ogni account sia collegato allo Stato Islamico, ma di contro non è vero che sono tutti slegati dall'organizzazione".

Ancora peggio, c'è il sentore diffuso che le operazioni di Anonymous possano contrastare gli stessi sforzi delle autorità compiuti per debellare l'ISIS. Ha espresso un parere negativo DigitaShadow, il leader dell'organizzazione di hacking GhostSecGroup che aveva sventato in passato alcuni attacchi terroristici. Lo stesso sostiene che gli attacchi di Anonymous siano troppo rudimentali ed estremi: il collettivo usa ad esempio la pratica del DDoS, compromettendo il funzionamento di forum e dei siti sensibili dello Stato Islamico.

Le operazioni di Anonymous potrebbero contrastare gli stessi sforzi delle autorità compiuti per debellare l'ISIS

Se da una parte questo compromette le capacità organizzative dei gruppi di terroristi, dall'altra mette il bastone fra le ruote anche ai servizi di intelligence, che vengono privati di vaste fonti di informazioni online: "Anonymous ha l'abitudine di sparare alla cieca e porre le domande solo dopo", ha commentato DigitaShadow. Di contro, azioni così repressive potrebbero portare l'organizzazione dello Stato Islamico ad aumentare la sicurezza dei propri mezzi di comunicazione, cosa che in parte è già avvenuta con il rilascio agli adepti di linee guida da seguire online.

Molti esperti criticano l'operato del collettivo che, a dispetto degli annunci resi importanti dai grandi numeri, non è di fatto riuscito ad essere realmente d'aiuto nella lotta al terrorismo. L'unica parte positiva della scesa in campo di Anonymous è che le sue azioni potrebbero infliggere un duro colpo alla propaganda dello Stato Islamico e alla sua capacità di reclutare nuovi seguaci. E non crediamo che sia poco, del resto sarebbe assurdo pensare che Anonymous "da solo" possa sconfiggere definitivamente il terrorismo con le sue armi digitali.

Ed è assurdo che quelli che additano oggi il collettivo lo abbiano pensato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco20 Novembre 2015, 16:29 #1
Che imbecilli.
bio.hazard20 Novembre 2015, 16:38 #2
volete fermare Anonymous?

basta dire a papino e mammina di spegnergli il router (visto che la bolletta la pagano loro).
ais00120 Novembre 2015, 16:42 #3
[I]Molti esperti criticano l'operato del collettivo che, a dispetto degli annunci resi importanti dai grandi numeri, non è di fatto riuscito ad essere realmente d'aiuto nella lotta al terrorismo. L'unica parte positiva della scesa in campo di Anonymous è che le sue azioni potrebbero infliggere un duro colpo alla propaganda dello Stato Islamico e alla sua capacità di reclutare nuovi seguaci.[/I]


... chissà perchè i politici e gli "intellettuali" sono sempre contrari a tutto, se sono realmente "esperti" perchè non hanno già risolto il problema da tempo??? (se sono esperti......)

... non credo proprio che degli invasati religiosi abbiano tanta voglia di mettersi ad un tavolo e "discuterne"... anzi si, fanno fuori i politici perdi-tempo facendosi saltare
johnp198320 Novembre 2015, 17:14 #4
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Che imbecilli.


Originariamente inviato da: bio.hazard
volete fermare Anonymous?

basta dire a papino e mammina di spegnergli il router (visto che la bolletta la pagano loro).


Ma no, siete molto "più meglio" voi che scrivete commenti così tecnici e profondi. Tornate a giocare a Fallout, và!
GrowingTentacles20 Novembre 2015, 17:19 #5
ma sinceramente di questi anonymous non si sa praticamente nulla...e' anche difficile dare un giudizio.
pepstain20 Novembre 2015, 17:27 #6
Ma non era meglio agire in silenzio?
Tanti proclami per poi fare solo danni.
s0nnyd3marco20 Novembre 2015, 17:29 #7
Originariamente inviato da: johnp1983
Ma no, siete molto "più meglio" voi che scrivete commenti così tecnici e profondi. Tornate a giocare a Fallout, và!


Senti, anonymous sta peccando di arroganza, se pensa che con un po di hacking on line possano apportare un contributo significativo nella lotta all'ISIS. Non sono delle agenzie governative; non hanno ne budget, ne mezzi, ne know how nella lotta al terrorismo.

Ti basta come argomentazione?
TigerTank20 Novembre 2015, 17:38 #8
Originariamente inviato da: pepstain
Ma non era meglio agire in silenzio?
Tanti proclami per poi fare solo danni.


Eccolo qual'è il male occidentale principale...la dis-informazione cronica.
Giusto che ci sia l'informazione...ma questa ormai viene sempre portata all'estremo, con fin troppi espertoni che dicono la loro in una miriade di talk-show, fatti e verità reinterpretati ad cazzum, titoloni giganti d'impatto pro vendite e click, bei discorsi e 0 fatti, cifre sparate a caso pur di dare delle notizie imprecise il prima possibile, ecc...
E loro in questo ci sguazzano perchè lo scopo è anche il protagonismo mediatico.
DarkmanDestroyer20 Novembre 2015, 18:52 #9
mi pongo un quesito dietro a tutto questo "parlare"....
anonymous ha "scelto di scendere in campo"...
ha i suoi mezzi
lo stesso ne più ne meno fanno i vari stati...
ma se i vari stati avessero da ridire su tale operato, non farebbero prima a reclutare hacker?
per assurdo, io mi son trovato anni fa a litigare con un coreano infiltrato nel mio pc, e 4 capi di stato non trovano gente capace che magari fa saltar fuori coordinate e conti correnti?

passo per complottista, ma direi in questo caso che
A. la situazione nonostante tutto (ed è brutto da scrivere) fa comodo
B. quanto non speso in "intelligence" lo spendono in bombe, tanto il desento è grande, e ad ararlo a mano si fa fatica
Zenida20 Novembre 2015, 19:23 #10
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Senti, anonymous sta peccando di arroganza, se pensa che con un po di hacking on line possano apportare un contributo significativo nella lotta all'ISIS. Non sono delle agenzie governative; non hanno ne budget, ne mezzi, ne know how nella lotta al terrorismo.

Ti basta come argomentazione?


E tu cosa ne sai? Magari invece hanno soldi ed infrastrutture serie, magari ci sono dirigenti d'azienda, magari ci sono personaggi noti, magari c'è Zuckerberg o Snowden.... O magari nulla di tutto questo.
Il fatto è che non lo sai neanche tu! Quindi, non puoi esprimere un giudizio del genere, altrimenti stai dando per scontato una situazione che non conosci con dati puramente inventati dalla tua immaginazione.
Con questo non sto difendendo Anonymous....ma non posso neanche esprimermi contro, perché neanche io so!

Penso che pecchi di ignoranza sia chi si fida di loro sia chi non si fida... Un ragionamento corretto potrebbe esistere solo parlando per ipotesi (tipo: se sono un gruppetto di ragazzini possono intralciare le autorità, ma esprimere un giudizio come una verità assoluta è sbagliato... Altrimenti vogliamo le fonti su cui si basano

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^