Treviso, la presunta antenna 5G allarma i residenti, persone in strada per fermare gli operai

Treviso, la presunta antenna 5G allarma i residenti, persone in strada per fermare gli operai

A Treviso l'installazione di un'antenna 4G di Iliad, scambiata per antenna 5G, fa scendere i residenti di un quartiere in strada contro gli operai. Sempre in un comune del Veneto, un sindaco ha firmato un'ordinanza per bloccare l'installazione delle antenne 5G.

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Telefonia
5G
 

L'isteria anti 5G non riguarda solo il Regno Unito, ma ahinoi anche l'Italia. Non siamo ancora arrivati agli episodi di vandalismo visti oltremanica (e speriamo non si verifichino), ma le errate informazioni circa la pericolosità del 5G corrono veloci sui social e più di qualcuno finisce per crederci. Ed è così che in Veneto, a Treviso, alcuni abitanti di un quartiere si sono riversati in strada - come racconta il Gazzettino - non appena alcuni operai e un camion con due scavatori si sono messi al lavoro per l'installazione di un'antenna.

Gli operai stavano preparando le fondamenta per installare un'antenna 4G di Iliad, ma in questo periodo dove qualcuno ritiene che il Coronavirus non esista, e nel caso in cui esista la sua diffusione venga facilitata dalla rete 5G, i residenti del quartiere hanno visto in quel manipolo di operai pericolosi scagnozzi del New World Order intenti a installare un'antenna 5G.

Il Gazzettino riporta fortunatamente che tra gli operai e i residenti c'è stato un confronto ma "nessuna tensione". L'episodio ha comunque richiesto l'arrivo una pattuglia dei carabinieri e della polizia locale. Una volta identificati i residenti, le auutorità hanno chiesto loro di tornare nelle rispettive abitazioni per evitare assembramenti e poi hanno verificato che gli operai avessero tutte le autorizzazioni del caso. I lavori sono stati sospesi perché è necessario abbattere una pianta (perché d'intralcio) per proseguire.

"Non capiamo la necessità di questa antenna: ne abbiamo già una a Carbonera, poco distante da dove abitiamo, e un'altra subito dopo il sottopasso. Una terza a distanza così ravvicinata ci sembra in più, considerando la zona residenziale e la vicinanza della scuola", ha affermato una residente. "Non è 5G? Va bene, ma tutti quei tralicci poi possono utilizzare anche questa tecnologia di cui ancora nessuno sa quali siano gli effetti. Comunque, appena possibile, organizzeremo un comitato e faremo una raccolta di firme".

Sempre in Veneto, a Cadoneghe, il sindaco ha firmato un'ordinanza che vieta l'installazione sul territorio comunale di impianti con tecnologie 5G e le sue varianti (4G+, 4GPlus, 4G Evoluto). "Non siamo contrari a prescindere a questa nuova tecnologia, ma la sperimentazione non può essere calata sui territori senza informare le popolazioni interessate, in mancanza di una discussione e di un voto democratico, nonché di un approfondito dibattito pubblico sul tema (finora completamente assente sia a livello nazionale che locale). Non è così che si decide del futuro di noi tutti. Soprattutto, non è ammissibile l'impiego di nuove tecnologie in mancanza di studi scientifici definitivi, che stabiliscano oltre ogni ragionevole dubbio la loro sicurezza dal punto di vista della salute, oltre che della protezione dei dati personali. I cittadini non sono cavie", scrive il sindaco sul profilo Facebook.

In realtà vi sono centinaia di studi, ma finora non è emersa alcuna prova certa della pericolosità della rete 5G per la salute e tanto meno che agevoli il Coronavirus minando il sistema immunitario. Molte persone puntano il dito sulle frequenze più alte usate dalla rete 5G e il numero di antenne necessarie per garantire la copertura e le maggiori velocità.

L'Istituto Superiore di Sanità ha spiegato chiaramente la situazione, facendo capire come anzi l'irradiazione elettromagnetica, concentrata in fasci diretti, appare meno preoccupante persino della vecchia generazione. Anche il presidente dell'AGCOM Cardani, il novembre scorso, si espresse in termini del tutto simili.

"Onde elettromagnetiche di così elevata frequenza, durante la loro propagazione, non riescono a penetrare attraverso edifici o comunque a superare ostacoli, ed inoltre vengono facilmente assorbite dalla pioggia o dalle foglie. Per questo motivo l'utilizzo di tali onde renderà necessario installare numerosi ripetitori che serviranno le cosiddette small cells, aree di territorio dal raggio che può andare da poche decine di metri a circa 2 km. La previsione di una proliferazione di antenne sembra essere la principale causa di preoccupazione riguardo all'introduzione del 5G. Le dimensioni più piccole delle celle rispetto a quelle attualmente utilizzate per la telefonia cellulare comporteranno delle potenze di emissione più basse di quelle attuali, con una distribuzione dei livelli di esposizione più uniforme e con picchi di emissione più bassi nelle zone in prossimità delle antenne rispetto a quanto avviene attualmente".

"Le onde millimetriche sono riflesse o assorbite solo superficialmente a livello della pelle, senza quindi penetrare all'interno del corpo. D'altra parte, le conoscenze scientifiche sugli effetti a lungo termine delle onde millimetriche provengono da un numero di studi molto più limitato rispetto alle frequenze attualmente utilizzate in quanto le applicazioni sono finora state più rare".

"Se da un lato aumenteranno sul territorio i punti di emissione di segnali elettromagnetici, dall'altro questo aumento porterà a potenze medie degli impianti emittenti più basse. Un'ulteriore riduzione dei livelli medi di campo sarà dovuta alla rapida variazione temporale dei segnali. Una valutazione adeguata dell'impatto di questa nuova tecnologia potrà essere effettuata solo a seguito di una conoscenza dettagliata delle caratteristiche tecniche degli impianti e della loro distribuzione sul territorio".

Come già fatto per tutte le altre generazioni della tecnologia, i test continueranno a essere svolti (l'ARPA del Friuli Venezia Giulia ne ha fatto uno di recente), ma avanzare teorie senza prove spacciandole per verità assolute, oggi non è possibile. Chi lo fa instilla immotivata (stando alle prove attuali) paura negli altri, scatenando episodi come quello di Treviso o peggio ancora come quelli nel Regno Unito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

105 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
onka20 Aprile 2020, 08:38 #1
il sindaco non poteva che essere di destra...
Marko_00120 Aprile 2020, 08:48 #2
ma non esiste più il reato di procurato allarme?
e le persone che si sono riversate in strada, quando sono arrivati
i poliziotti, che giustificazione hanno dato, tra le 3 possibili
per potere essere fuori dal domicilio?
perché non sono state sanzionate? chi va dalla fidanzata è sanzionabile,
mentre chi fa assembramenti con motivazioni ridicole no?
DanieleG20 Aprile 2020, 08:48 #3
Che vergogna.
E io con sta gente ci litigo tutti i giorni
CYRANO20 Aprile 2020, 08:51 #4
Astinenza da goti al bar...



Cknsksknknslknslkns
Sp3cialFx20 Aprile 2020, 08:52 #5
Al di là che fa sempre ridere pensare che il megacomplotto ordito da entità di cattivissimi con risorse illimitate, in grado di mettere a tacere / portare dalla propria parte chiunque a tutti i livelli, venga infine svelato al mondo da Peppe Peppereppappà di Mondovì mentre cazzeggia su Facebook intanto che defeca nel suo cesso;
ci sono una serie di studi che CONFERMANO l'estrema pericolosità dell'uomo di:
- fumo attivo e passivo
- inquinamento
- alcol
- cattiva alimentazione
- scarsa attività fisica
[mi fermo qui]

La priorità per laggente:
- vaccini
- scie chimiche
- 5G
- privacy dell'app "immuni" intanto che confermano tutti i permessi al device all'app "che frutto sei?"
Abalfor20 Aprile 2020, 08:54 #6
Originariamente inviato da: Manolo De Agostini]ma ahinoi anche l'Italia[/quote]
giornalismo schierato, quelli più
ma le errate informazioni circa la pericolosità del 5G

confutate grazie a quali studi?
Originariamente inviato da: Manolo De Agostini]e nel caso in cui esista la sua diffusione venga facilitata dalla rete 5G, i residenti del quartiere hanno visto in quel manipolo di operai pericolosi scagnozzi del New World Order intenti a installare un'antenna 5G[/quote]
i movimenti anti 5g esistono da prima che si manifestasse il problema del covid19 ed hanno altri argomenti a sostegno.
Originariamente inviato da: Manolo De Agostini]In realtà
potresti citare quali sono le centinaia di studi che hanno determinato l'innocuità
D'altra parte, le conoscenze scientifiche sugli effetti a lungo termine delle onde millimetriche provengono da un numero di studi molto più limitato rispetto alle frequenze attualmente utilizzate in quanto le applicazioni sono finora state più rare".

ma non erano centinaia? capisco, il numero "molto più limitato" non smentisce che siano centinaia. di conseguenza gli studi che riguardano le altre tecnologie saranno qualche milione o qualche miliardo.
[quote=Manolo De Agostini]ma avanzare teorie senza prove spacciandole per verità assolute

il bue che dice cornuto all'asino?
s0nnyd3marco20 Aprile 2020, 08:54 #7
Originariamente inviato da: onka
il sindaco non poteva che essere di destra...


Perche' se era di sinistra cosa cambiava?Avrebbero organizzato una discussione con intellettuali e scienziati in una casa del popolo per tranquilizzare i cittadini? Smettiamola con gli stereotipi

Un sindaco essendo la figura politica piu' vicina al territorio deve ascoltare i propri cittadini, i quali hanno manifestato una preoccupazione sull'installazione di un altra antenna in un territorio in cui gia' c'e' ne sono due vicine. A loro per ora il servizio va bene cosi.

Ovviamente ritengo assolutamente folle la correlazione tra 5G e coronavirus. Per gli effetti delle frequenze utilizzate dal 5G sull'organismo mi attengo agli studi ufficiali che per ora non hanno evidenziato nessuna correlazione con danni alla salute.
mattia.l20 Aprile 2020, 08:56 #8
"Non capiamo la necessità di questa antenna: ne abbiamo già una a Carbonera, poco distante da dove abitiamo, e un'altra subito dopo il sottopasso. Una terza a distanza così ravvicinata ci sembra in più, considerando la zona residenziale e la vicinanza della scuola"


Giustamente un'azienda decide di fare un investimento e la signora Maria capisce all'istante che è sbagliato. Dovrebbe assumerla Iliad, sai quanti soldi farebbe risparmiare?
CYRANO20 Aprile 2020, 08:59 #9
Originariamente inviato da: mattia.l
Giustamente un'azienda decide di fare un investimento e la signora Maria capisce all'istante che è sbagliato. Dovrebbe assumerla Iliad, sai quanti soldi farebbe risparmiare?


Poi magari sono gli stessi che dicono " ah iliad non prende niente, dovrebbe ampliare le infrastrutture!"




Càsò,àò,àsò,àsò,às
[?]20 Aprile 2020, 09:10 #10
Originariamente inviato da: onka
il sindaco non poteva che essere di destra...


Se qualcuno si dovesse chiedere ancora perchè l'italia è in ginocchio... la risposta è nel post sopra.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^