5G e diffusione Coronavirus, nel Regno Unito danno fuoco alle torri radio

5G e diffusione Coronavirus, nel Regno Unito danno fuoco alle torri radio

Nel Regno Unito alcune persone hanno attaccato le infrastrutture di rete cellulare convinte che il 5G sia una causa o un agevolatore della diffusione del Coronavirus. Ovviamente si tratta di tesi non sostenute da alcuna prova scientifica.

di pubblicata il , alle 10:58 nel canale Telefonia
 

Tutto il mondo è paese, anche in tempi di distanziamento sociale. Su Internet le notizie corrono veloci, anche le fake news, e non conoscono barriere. Sarà capitato a tutti di leggere qualche nostro compaesano avanzare dubbi sulla diffusione del Coronavirus collegandola alla tecnologia 5G e in particolare all'installazione delle antenne in alcune zone, da Wuhan a Bergamo. Ebbene, questa "teoria" è arrivata nel Regno Unito e sta facendo danni.

Negli ultimi giorni alcune antenne e apparati di rete necessari alla comunicazione cellulare sono state prese di mira a Liverpool, Birmingham e Melling nel Merseyside, nel nord dell'Inghilterra. Un attacco incendiario a una torre di British Telecom installata a Birmingham ha causato danni rilevanti: si trattava però di una torre per la connettività 2G, 3G e 4G, non 5G. Sempre in Inghilterra, i lavoratori impegnati nella posa dei cavi in ​​fibra ottica per le installazioni 5G sono stati importunati da alcune persone, le quali sostenevano che avrebbero "ucciso tutti" con l'accensione della nuova infrastruttura. Sul web sono comparsi inoltre alcuni video, poi rimossi, in cui si vedevano persone attaccare le infrastrutture ed esultare gridando "fuck 5G".

Interrogato su quanto successo, il ministro del governo britannico Michael Gove ha dichiarato che si tratta di "pericolose sciocchezze". Il Dipartimento per il Digitale, la Cultura e i Media (DCMS) ha ribadito su Twitter che "non c'è alcuna prova credibile" di un collegamento tra la diffusione del Coronavirus e il 5G, rilanciando un articolo che approfondisce il tema redatto dalla organizzazione indipendente di fact checking Full Fact.

Stephen Powis, direttore del Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito, ha sottolineato che l'infrastruttura 5G è fondamentale sia per la popolazione in generale a cui viene chiesto di rimanere a casa sia per la risposta sanitaria al virus. "Sono assolutamente indignato e disgustato dal fatto che la gente si scagli contro le infrastrutture di cui abbiamo bisogno per affrontare questa emergenza". Durante un programma radiofonico, ampiamente diffuso sui social, è stato inoltre dato spazio a una persona che asseriva come il 5G stesse sottraendo ossigeno ai polmoni delle persone.

Sono due le cosiddette teorie del complotto che vanno per la maggiore (anche perché rilanciate dal tabloid Daily Star) e collegano la diffusione della pandemia al 5G. La prima è che il 5G sarebbe in grado di sopprimere o fortemente indebolire il sistema immunitario, mentre la seconda sostiene che i virus possono comunicare tramite le onde radio. Entrambe le tesi non sono sostenute da alcuna prova, e va ricordato che il Coronavirus si sta propagando anche in paesi e regioni in cui il 5G non è presente, basti pensare all'Iran o anche il Giappone, dove la rete non è ancora stata accesa.

Come le altre generazioni della rete wireless, anche nel caso del 5G i dati sono trasmessi tramite onde radio. Le onde radio rappresentano una piccola parte di un più ampio spettro elettromagnetico di onde, che emettono tutte energia chiamata radiazione elettromagnetica. Le onde radio si trovano nell'estremità a bassa frequenza dello spettro e, insieme alle microonde, alla luce visibile e al calore, producono solo radiazioni non ionizzanti. Ciò significa che queste onde non possono danneggiare il DNA all'interno delle cellule, al contrario delle ionizzanti (come i raggi X). A tal proposito, l'International commission on non-ionizing radiation protection (Icnirp) ha affermato di non aver raccolto alcuna prova che suggerisce che le tecnologie 5G rappresentino un rischio per la salute umana.

Se quindi si tratta di radiazioni non ionizzanti, perché in molti si sollevano contro i potenziali rischi del 5G? Per migliorare capacità e velocità, la tecnologia 5G usa una frequenza più alta di onde radio rispetto alle generazioni precedenti. A seconda delle applicazioni, il 5G opera nelle bande di frequenza di 700 MHz, da 3,6 e 3,8 GHz e 24-28 GHz. Come affermato dall'Istituto Superiore di Sanità, è proprio la banda 24-28 GHz, molto vicina a quella delle "onde millimetriche" (30-300 GHz), a creare preoccupazione tra le persone.

"Onde elettromagnetiche di così elevata frequenza, durante la loro propagazione, non riescono a penetrare attraverso edifici o comunque a superare ostacoli, ed inoltre vengono facilmente assorbite dalla pioggia o dalle foglie. Per questo motivo l'utilizzo di tali onde renderà necessario installare numerosi ripetitori che serviranno le cosiddette small cells, aree di territorio dal raggio che può andare da poche decine di metri a circa 2 km. La previsione di una proliferazione di antenne sembra essere la principale causa di preoccupazione riguardo all'introduzione del 5G. Le dimensioni più piccole delle celle rispetto a quelle attualmente utilizzate per la telefonia cellulare comporteranno delle potenze di emissione più basse di quelle attuali, con una distribuzione dei livelli di esposizione più uniforme e con picchi di emissione più bassi nelle zone in prossimità delle antenne rispetto a quanto avviene attualmente".

"Le onde millimetriche sono riflesse o assorbite solo superficialmente a livello della pelle, senza quindi penetrare all'interno del corpo. D'altra parte, le conoscenze scientifiche sugli effetti a lungo termine delle onde millimetriche provengono da un numero di studi molto più limitato rispetto alle frequenze attualmente utilizzate in quanto le applicazioni sono finora state più rare".

"Se da un lato aumenteranno sul territorio i punti di emissione di segnali elettromagnetici, dall'altro questo aumento porterà a potenze medie degli impianti emittenti più basse. Un'ulteriore riduzione dei livelli medi di campo sarà dovuta alla rapida variazione temporale dei segnali. Una valutazione adeguata dell'impatto di questa nuova tecnologia potrà essere effettuata solo a seguito di una conoscenza dettagliata delle caratteristiche tecniche degli impianti e della loro distribuzione sul territorio".

Insomma, a oggi non c'è alcuna dimostrazione di un problema per la salute (ma giustamente gli studi proseguiranno) né tanto meno che la diffusione del Coronavirus sia facilitata da una riduzione delle difese immunitarie legata al 5G. Nonostante i cambiamenti rispetto al passato, la frequenza rimane comunque molto bassa: i livelli massimi di radiazione elettromagnetica misurati dall'Ofcom (l'autorità competente e regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito) sono stati 66 volte inferiori ai limiti di sicurezza indicati dalle linee guida internazionali. Anche l'ARPA del Friuli Venezia Giulia ha recentemente concluso che non ci sono pericoli per la salute.

Per quanto concerne la teoria dei virus che parlano l'un l'altro tra loro per prendere decisioni su come e chi infettare, anche in questo caso è una stortura. Si origina da un documento di ricerca del 2011 della Northeastern University di Boston e di quella di Perugia che suggerisce come i batteri potrebbero produrre segnali elettromagnetici per comunicare con altri batteri. È uno studio contestato, non conclusivo, e si riferisce ai batteri, non ai virus.

Il Coronavirus si sta semplicemente diffondendo in aree densamente popolate, come il Nord Italia, per tutt'altre ragioni rispetto a quelle indicate da queste teorie. Incidentalmente alcune di queste aree, per ragioni economiche, sono anche quelle in cui si è sperimentato e accesa per prima la rete 5G. Fanno bene le autorità competenti a continuare i test sulla tecnologia, ma per avanzare tesi servono prove concrete, che a oggi non ci sono. Purtroppo la chiacchiera facile e la voglia di protagonismo imperano anche nel nostro paese: ha fatto parecchio scalpore nelle scorse settimane un tweet di Gunter Pauli, il consigliere economico di Giuseppe Conte.

"La scienza deve dimostrare e spiegare la causa e l'effetto. Ma la scienza prima osserva le correlazioni: fenomeni che sono apparentemente associati. Applichiamo la logica della scienza. Qual è stata la prima città al mondo coperta dal 5G? Wuhan! E quale la prima regione 5G d'Europa? Il Nord Italia".

Un messaggio gettato in rete, senza prove, e che ha provocato giustamente angoscia e sospetti nella gente, specie se diffuso da una persona nella posizione di Pauli. L'unica cosa certa per rallentare la diffusione del virus è praticare il distanziamento sociale, uscire solo se assolutamente necessario con tutte le protezioni del caso e lavarsi spesso le mani. Se volete approfondire il tema del 5G e salute, un altro articolo che si occupa delle "teorie del complotto" con alcuni spunti interessanti lo trovate su Open.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

566 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MiKeLezZ05 Aprile 2020, 11:23 #1
Sinceramente NON mi sento di dire che abbiano torto.

Sospenderei la diffusione del 5G per qualche anno, aspettando più studi e dati.

Già il fatto che tagliano gli alberi delle città perché impediscono la propagazione delle onde radio, assorbendole, è un bel campanello d'allarme. Anche perché lo stesso fa il nostro corpo.
Marko_00105 Aprile 2020, 11:23 #2
"i virus possono comunicare tramite le onde radio"
ma hanno pure intercettato cosa si dicono?
o gli manca il traduttore su google?
se non fosse che queste persone sono fonte di trasmissione per una malattia
altrettanto pericolosa, l'ignoranza, ci sarebbe da ridere.
Wolland05 Aprile 2020, 11:33 #3
Considerando che anche su questo forum c'erano, e ci sono, pagliacci che fanno disinformazione sul 5G senza nemmeno sapere cosa sia una frequenza, e contando che questo dovrebbe essere un luogo per appassionati di tecnologia (se non per esperti), chissà cosa può esserci in giro fra la gente "comune".
Alfhw05 Aprile 2020, 11:37 #4
Ma questo Gunter Pauli è veramente il consigliere economico del premier??? Questo non capisce neanche cos'è una correlazione ma soprattutto non capisce che un'affermazione deve essere prima di tutto dimostrata in modo rigoroso! Tipico esempio di persona che non sa ragionare in maniera logica.
In quanto consigliere economico del premier chissà quanto prenderà di stipendio per raccontare queste bufale...
Perseverance05 Aprile 2020, 11:39 #5
Purtroppo è molto facile dare la colpa a qualcuno o qualcosa: lo si isola, lo si massacra, lo si brucia, si alzano barriere e si difendono i confini; invece è molto più difficile ammettere e comprendere come la realtà sia ben più complessa e articolata e che gli equilibri e gli ecosistemi una volta compromessi, stressati, estremizzati alla fine portano a dei rischi oltre che a delle perdite.

Da 10 anni si sapeva a livello mondiale che sarebbe scoppiata una nuova pandemia (ed ora ce lo vengono a dire pubblicamente) ma chi doveva agire politicamente e strutturalmente per prepararsi non l'ha fatto, quasi nessuno. L'OMS da molti anni diceva di fare tot cose ma in poche nazioni l'hanno voluto recepire: Germania, Cuba, Venezuela, Cina, Taiwan, Corea e poche altre ancora.

Siamo al 5 aprile 2020 e siamo la nazione con più morti ufficiali di tutto il mondo. Non sono stati recepiti i piani nazionali per le emergenze, non sono mai stati attuati ne preparati. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

Si è spinto l'acceleratore sui tagli alla sanità pubblica, sui tagli agli investimenti pubblici e sulla ricerca, in virtù della tanto acclamata superiorità ed avanguardia della sanità privata...sisi

Intanto qui come nel resto del mondo chi ti garantisce la vita è l'ospedale pubblico, e ci và anche chi fino al giorno prima lo denigrava tanto, sia in italia sia all'estero. Notizie di qualche giorno fà in Venezuela la gente rimasta fuori costretta a morire xkè non può permettersi di pagare una clinica privata per vivere implora e s'inginocchia al governo Maduro che gli mandi a spese dello stato voli di rientro e letti pronti negli ospedali pubblici venezuelani. Gli stessi che prima lo avrebbero assassinato. Io li farei morì...volevate la sanità privata? Nn ciavete soldi? Allora morite!

Non c'è un'emergenza virale, c'è un'emergenza sanitaria e politica ed in questa situazione ci hanno portato scellerate logiche capitaliste mosse dagli interessi dell'alta finanza e avvallate dai governi di turno di tutti i colori di tutto il mondo.

Bruciate i ricchi non le torri 5G.
elgabro.05 Aprile 2020, 11:57 #6
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Sinceramente NON mi sento di dire che abbiano torto.

Sospenderei la diffusione del 5G per qualche anno, aspettando più studi e dati.

Già il fatto che tagliano gli alberi delle città perché impediscono la propagazione delle onde radio, assorbendole, è un bel campanello d'allarme. Anche perché lo stesso fa il nostro corpo.


No comment
elgabro.05 Aprile 2020, 11:58 #7
Bisogna prendere chi ha bruciato la torre e appenderlo per le palle, così magari gli passa la voglia.
300005 Aprile 2020, 12:13 #8
La Svizzera ha bloccato il 5G, anche la stessa Sindaco di Bruxelles l'ha bloccato affermando che occorrono altri test e di certo non saranno fatti sui suoi Cittadini, che in città oramai abbattano alberi in previsione del 5G l'anno capito anche le pietre e che la stessa umidità atmosferica si divenuta omogenea, con queste velature artificiali, è un dato di fatto.
Non ci aspettano bei tempi.
TheDarkAngel05 Aprile 2020, 12:14 #9
Che vergogna... senza parole.
cicastol05 Aprile 2020, 12:37 #10
Originariamente inviato da: 3000
La Svizzera ha bloccato il 5G, anche la stessa Sindaco di Bruxelles l'ha bloccato affermando che occorrono altri test e di certo non saranno fatti sui suoi Cittadini, che in città oramai abbattano alberi in previsione del 5G l'anno capito anche le pietre e che la stessa umidità atmosferica si divenuta omogenea, con queste velature artificiali, è un dato di fatto.
Non ci aspettano bei tempi.


Non hanno bloccato nulla, in Svizzera è già operativo(90% popolazione raggiunta) e il Lux in rollout,
altre fake news dei naziecologisti e beoti di turno vari......... ma vedo che pure qui abbondano.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^