Stereoscopia anche nel mondo professionale?

Stereoscopia anche nel mondo professionale?

Il CEO di NVIDIA crede molto nelle tecnologie stereoscopiche e afferma che verranno presto adottate anche dall'utenza professionale

di pubblicata il , alle 09:54 nel canale Schede Video
NVIDIA
 

Le tecnologie e le tecniche per la visione tridimensionale stereoscopica sono state uno dei temi caldi del Consumer Electronics Show di Las Vegas ad inizio gennaio, la più importante manifestazione legata al mondo dell'elettronica di consumo.

Questo tipo di tecnologie, tuttavia, non saranno riservate esclusivamente al mondo consumer. Come riporta il sito web Xbitlabs, in occasione della conferenza stampa sui risultati trimestrali il CEO di NVIDIA, Jen-Hsun Huang, ha infatti dichiarato che le tecnologie di visualizzazione stereoscopica verranno adottate anche dal pubblico dei pubblico dei professionisti.

Con l'obiettivo di impiegare la tecnologia 3D Vision per ridefinire il mercato dei PC destinati all'ambito gaming, e con l'intenzione di inserire questa tecnologia anche nella linea dei prodotti NVIDIA Quadro, Huang ha commentato: "Il 3D è un fenomeno che sta crescendo in maniera considerevole e si appresta a ridefinire che cosa siano un PC e un notebook da gioco. 3D Vision farà ciò che SLI ha fatto qualche anno fa. Ci aspettiamo che 3D Vision venga adottato da quasi tutti PC OEM nel mondo. E verrà inoltre adottato dal mercato workstation, per questo l'importanza di 3D Vision sta crescendo".

In realtà la posizione di Huang è piuttosto ovvia: i professionisti che progettano videogiochi stereoscopici o producono film stereo-3D devono poter utilizzare un qualche genere di tecnologia 3D per poter verificare come sia il risultato finale del prodotto, allo stesso modo in cui verrà fruito dall'utente.

In realtà l'interrogativo più pressante è capire quale saranno gli effetti sulla salute che gli occhialini ad otturatore elettronico, come quelli che fanno parte del kit 3D Vision di NVIDIA, potranno causare dopo un utilizzo prolungato nel tempo. Già in occasione della nostra prova avevamo sollevato qualche dubbio proprio sugli effetti di affaticamento sensoriale provocati dall'utilizzo di 3D Vision. Proprio per questo motivo sarà poco verosimile l'adozione delle tecnologie stereoscopiche in ambiti differenti da quelli sopra indicati (eccezion fatta per determinati ambiti di progettazione CAD/CAM e modellazione 3D) e pertanto l'impatto di 3D Vision sulle vendite di schede NVIDIA Quadro non dovrebbe essere sovrastimato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ironashram19 Febbraio 2010, 10:01 #1
ma che boiata......perchè questo tizio le spara sempre enormi
yume the ronin19 Febbraio 2010, 10:05 #2
bhà, continuo a pensare che il 3d sia una moda passeggera super pompata dalle major per rifocillare il mercato dell' entertainment

nell' utilizzo comune, finchè non esisteranno display 3d privi dell' uso con gli occhiali secondo me nn si diffonderà come vogliono farci credere, per l' utente medio la praticità e la comodità sono tutto ed è attualmente ciò che manca a questi sistemi

poi personalmente proprio il 3d di oggi non mi piace, non mi piace il vision di nvidia come non mi è piaciuto il 3d di avatar
g.luca86x19 Febbraio 2010, 10:10 #3
Originariamente inviato da: ironashram
ma che boiata......perchè questo tizio le spara sempre enormi


perchè fino a quando presenterà bilanci come quello di ieri la gente si dimenticherà persino che presenta dumping board spacciandole per vere e che sono secoli che non presenta un nuovo prodotto...
esese10k19 Febbraio 2010, 10:14 #4
3d con occhiali = mal di testa e problemi di vista. Ognuno sceglie come vivere e morire!
Human_Sorrow19 Febbraio 2010, 10:28 #5
Originariamente inviato da: esese10k
3d con occhiali = mal di testa e problemi di vista. Ognuno sceglie come vivere e morire!


Mai avuto mal di testa vedendo un film in 3D ... e i problemi di vista vengono anche facendosi le se**e

LUKE8812319 Febbraio 2010, 10:35 #6
Per alcuni giochi sarebbe carina (a parro che i giochi siano progettati in 3d, non come il test che avevano fatto con ut3, in cui praticamente si limitava a raddoppiare l'immagine, solo spostandola + a destra..sono curioso di vedere i commenti su metro 2033 in 3d..comunque per vedersi u1 film ogni tanto, o fare una partita con 1 particolare gioco qualche volta, ok;: però l'uso di massa direi di no..( io comunque non ho mai avuto dei mal di testa, ma la vista oggettivamente viene affaticata)
sna69619 Febbraio 2010, 10:37 #7
qualcuno si sorprende se dico che un'intera serie di schede madri NON DESTINATE AL MERCATO con chipset nvidia è comunque in giro?
questa notizia l'avevo letta mesi e mesi fa su internet e credevo non mi avesse toccato, invece ne ho trovata una proprio dentro un pc brand a casa di un cliente: quando avvii il pc esce una bella scritta grossa (dos mode): "NVIDIA 610 ..... alcune scritte ... ENGINEERING SAMPLE"
certo! vendono pure queste ciofeche, credo pure io che poi il bilancio è sempre positivo...
djfix1319 Febbraio 2010, 10:55 #8
quoto appieno...mai avuto problemi con il 3d...Avatar poi è stata una Visione Fenomenale!! W il 3D

...vero cmq che la tecnologia va migliorata un po' perchè a mio parere 60Hz non sono poi il massimo...ricordo quando avevamo i monitor che potevano essere settati a 75Hz come migliorava l'aspetto delle immagini...direi che il target sarà anche lì salire di frequenza per migliorare la visione e la nitidezza...150Hz quindi sarebbero l'ideale con questa tecnologia...resta anche il fatto che nella vita di tutti i giorni il 3D è dinamico e non statico come sugli schermi:

il 3d dinamico è relativo all'osservatore e al punto di messa a fuoco della persona che guarda.
il 3d statico dei film porta a un livello di profondità di campo predefinita dal regista che come è ovvio non tiene conto nè della posizione fisica dell'osservatore (anche in sala cinema non si è sempre nel mezzo) nè del desidero naturale dell'osservatore di cambiare punto di riferimento nella scena (se il regista riprende l'attore e noi vogliamo osservare altri particolari della scena si noterà una certa distorsione del fuoco e dell'immagine che causa a qualcuno mal di testa e convulsioni seppur leggere) senza contare che scene di azione molto veloci contrastano con la frequenza degli occhiali generando aloni e immagini poco fluide.

cmq siamo agli inizi e come ogni tecnologia è destinata in pochi anni alla maturazione (probabilmente basteranno 2 anni per renderla accettabile alla maggior parte degli spettatori)
LUKE8812319 Febbraio 2010, 10:59 #9
si, ma prova a pensare che con 75hz, la scheda grafica dovrà renderizzare 150 fps...una cosa allucinante..ti ci vorrebbero 2 ati 5900(o 800, non ricordo quale sia la + potente) in crosfire (se sdupportassero la tecnologia 3d)
calabar19 Febbraio 2010, 11:50 #10
@djfix13
Confondi due cose completamente differenti. L'aumento della frequenza nei monitor CRT aveva altre implicazioni legate al tipo di tecnologia, ma non sono valide in generale (entro certi limiti ovviamente).
Al cinema comunque la frequenza è di 144 fps, e gli aloni non sono di norma percepibili.


A mio parere la tecnologia 3D se ben utilizzata non è male, il miglior tipo di utilizzo che mi viene in mente è quello legato alle interfacce 3D a manipolazione diretta (qualcuno ha detto minority report?): basterebbe un sistema 3D, una webcam e un semplice motore fisico che gestisca l'interazione degli oggetti nell'interfaccia.

A questo scopo molto meglio secondo me le tecnologie passive. Nonostante una perdita lievemente maggiore di luminosità (che tra l'altro io non ho notato a livello pratico), permetterebbe di avere molte paia di occhialini estremamente economici per chiunque si approcci al pc, e persino magari delle lenti a contatto personali che permetterebbero di evitare l'uso degli occhiali e farebbero dimenticare il problema del campo visivo. Oltre al fatto che dovrebbero essere più riposanti.

Tutto questo naturalmente in attesa di pannelli 3D con visione naturale prima e in seguito tecnologie olografiche, che però vedo ancora molto distanti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^