OneDrive, storage ridotto a 1TB per alcuni utenti Office 365. Microsoft: è stato un errore

OneDrive, storage ridotto a 1TB per alcuni utenti Office 365. Microsoft: è stato un errore

Microsoft riduce erroneamente a 1 TB i piani dati di OneDrive per alcuni utenti Office. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore nell'autunno del 2016, ma qualcosa non è andato per il verso giusto. Microsoft conferma di essere al lavoro per ripristinare le soglie originali

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Sistemi
Microsoft
 

La scelta di modificare l'offerta OneDrive, i cui effetti sono stati illustrati da Microsoft in maniera dettagliata nell'autunno 2015, continua ad essere fonte di problemi per la casa di Redmond. Nel corso del'ultimo week-end, nello specifico, diversi utenti Office 365 hanno notato che lo spazio di storage di OneDrive è stato riportato a 1 TB prima dei termini stabiliti da Microsoft.

Una breve digressione è opportuna per contestualizzare la notizia, soprattutto se non sono note le modifiche relative all'offerta OneDrive annunciate sul finire del 2015. Tra i vari provvedimenti adottati dalla casa di Redmond figura, infatti, la decisione di interrompere il bonus di archiviazione illimitato per gli utenti Office 365, Home, Personal e University. In via transitoria, Microsoft ha concesso agli utenti Office 365 che avevano utilizzato OneDrive archiviando un ammontare di dati superiore ad 1 TB di mantenere inalterato lo storage extra per non meno di 12 mesi. Evidentemente qualcosa non è andato secondo i programmi, visto che la riduzione delle soglie di bonus è scattata dopo solo poco più di tre mesi.

Un portavoce di Microsoft ha chiarito che si è trattato di un provvedimento adottato per errore e che l'azienda è al lavoro per correggerlo. Questo quanto dichiarato al sito Zdnet:

Alcuni clienti OneDrive potrebbero essere stati prematuramente migrati ad un piano di archiviazione da 1TB. I dati memorizzati in OneDrive restano al sicuro durante questo processo, e stiamo lavorando duramente per riportare quegli utenti ai loro piani originali il più presto possibile. Tutti gli utenti Office 365 con oltre 1 TB di storage saranno in grado di mantenere quel limite di storage per almeno un anno come precedentemente annunciato.

Un intervento sostanzialmente rassicurante che riconferma quanto precedentemente comunicato e l'impegno per correggere quello che è imputabile ad un semplice errore compiuto dalla casa di Redmond. Non si dispone al momento di statistiche dettagliate per stabilire quanti utenti hanno erroneamente visto ridurre le soglie dati - "alcuni" resta un termine abbastanza vago - ciò che conta è che Microsoft si sta adoperando per ripristinare i piani dati originali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco09 Febbraio 2016, 11:02 #1
Sta storia di onedrive mi sembra sempre piu' tragicomica...
Pier220409 Febbraio 2016, 12:11 #2
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Sta storia di onedrive mi sembra sempre piu' tragicomica...


Io credo che a forza di dare Gigabyte a destra e a manca solo per essersi iscritti hanno messo in crisi lo spazio effettivamente disponibile.

Riguardo gli iscritti a Office 365 non mi risulta, io ho avuto 1 TB e tutt'oggi ho 1 TB, che se aggiungo 100 giga per Surface 2, 25 giga per Lumia e altre cose sono ormai a 1,2 TB...che non so cosa farmene

Perché parliamoci chiaro, nessuno ha dato tale spazio gratuito, ne DropBox, ne Google....

Poi che in Microsoft manca uno con i @@ che una volta che decide mantiene la linea questo è vero, sti ripensamenti fanno incazz... Ai tempi di Bill ste cose non succedevano...
sonnet09 Febbraio 2016, 12:16 #3
Originariamente inviato da: Pier2204
Io credo che a forza di dare Gigabyte a destra e a manca solo per essersi iscritti hanno messo in crisi lo spazio effettivamente disponibile.

Non funziona cosi' ovviamente. Lo spazio che allocano e' solo quello effettivamente utilizzato. Quindi se hai 1 tb ma ne usi solo 100mb, ovviamente ne allocano solo 100mb, ed il resto verra' allocato solo e quando lo utilizzerai.

Qualcosa e' andato storto, ma sicuramente non perche' avessero mancanza di spazio.
Mory09 Febbraio 2016, 12:17 #4
ma il fatto che dal 1 febbraio dovevano ridurre lo spazio? io non ho fatto nulla e ho ancora 30gb
Hooka09 Febbraio 2016, 12:56 #5
Tragicomica?
Io ne ho ancora 230GB e non pago niente, non li uso, ma se devo fare un confronto con gli altri servizi disponibili...
biometallo09 Febbraio 2016, 13:28 #6
Originariamente inviato da: Mory
ma il fatto che dal 1 febbraio dovevano ridurre lo spazio? io non ho fatto nulla e ho ancora 30gb


Non mi pare ci si sia mai stata una data precisa, a memoria ricordo solo un vago "dal 2016", comunque per adesso sembra tutta una pantomima piuttosto ridicola, ma come può una delle adiende più importanti del mondo comportarsi in modo così poco serio?
Mory09 Febbraio 2016, 13:55 #7
Originariamente inviato da: biometallo
Non mi pare ci si sia mai stata una data precisa, a memoria ricordo solo un vago "dal 2016", comunque per adesso sembra tutta una pantomima piuttosto ridicola, ma come può una delle adiende più importanti del mondo comportarsi in modo così poco serio?


ma c'era una pagina Microsoft attiva per segnalare che si voleva mantenere lo spazio acquisito ed era da iscriversi entro il 31 gennaio. io non l'ho fatto perché su OneDrive ho poche decine di mega visto che i fatti miei li tengo nel mio nas quindi pensavo che dal 1 febbraio diminuissero lo spazio
Max(IT)10 Febbraio 2016, 09:03 #8
tutti colpevoli qui....
Da una parte Microsoft, perché se offri un servizio e dopo rimoduli in modo peggiorativo dimostri poca serietà (specie colpendo utenti che pagano per tale servizio).
Dall'altra parte quella schiera di utenti che hanno approfittato del servizio esagerando come spesso accade (si parlava di gente che ha archiviato 75 Tb di film su OneDrive !).

Chi paga come sempre è l'utente comune e corretto...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^