Kodi trasforma Raspberry Pi in un media center

Kodi trasforma Raspberry Pi in un media center

Il team di Kodi, noto software media center open source, presenta il case personalizzato per schede Raspberry Pi. Una soluzione compatta per creare un media-center domestico ad un prezzo relativamente contenuto.

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Sistemi
 

Kodi è il software open source, un tempo noto come XBMC (Xbox Media Center), che ha consentito di trasformare la prima console Xbox in un media center. Il software è stato successivamente sviluppato ed ottimizzato per l'utilizzo su piattaforma Windows, OS X, Linux e tramite le app per iOS e Android. Sino ad ora, Kodi ha rappresentato principalmente un progetto incentrato sul software, ma il team ha deciso di esplorare nuovi orizzonti, presentando il case ufficiale Kodi Edition Raspberry Pi.

kodi media center

Si tratta, in sostanza, di un case progettato per ospitare le schede Raspberry Pi dando vita ad un vero e proprio hub multimediale  Un progetto realizzato in collaborazione con FLIRC che si traduce nel primo prodotto hardware di Kodi. Il case è in alluminio, si caratterizza per la doppia finitura argentata nella parte inferiore e scura con il logo di Kodi in quella superiore ed è stato progettato per dissipare passivamente il calore della CPU della scheda Raspberry Pi 3 - attualmente quella più prestante della linea di mini computer Raspberry.

Un prodotto di facile collocazione in qualsiasi ambiente, grazie alle dimensioni molto contenute (85 x 56 x 17mm 2,5 cm x 3,5 cm x 1 cm), e ottimizzato per gestire il media player di Kodi. A scanso di equivoci, si precisa che il case non comprende la scheda Raspberry che dovrà essere acquistata separatamene. Oltre alla Raspberry Pi 3 sono supportati i modelli Raspberry Pi 2 e Model B+. Per ulteriori informazioni sulle caratteristiche tecniche del prodotto, si consiglia di prendere visione delle FAQ ufficiali a questo indirizzo. 

Il case Kodi Edition per Raspberry Pi è al momento un prodotto realizzato in edizione limitata. Ulteriori unità saranno rese successivamente disponibili per l'acquisto. Il prodotto viene commercializzato al prezzo di 16 sterline (circa 20 euro) tramite il sito ufficiale, e il team di Kodi sottolinea che parte del ricavato sarà devoluto all'USC Norris Comprehensive Cancer Center per portare avanti la ricerca sul cancro. Kodi è un software dedicato alla gestione dei contenuti multimediali conosciuto ed apprezzato soprattutto da chi predilige le soluzioni open source. Gli utenti che non hanno ancora avuto modo di provarlo, possono trovare utili informazioni nel sito ufficiale. 

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
benderchetioffender25 Giugno 2016, 09:38 #1
wow! devono aver infuso la spremuta di miliardi di neuroni per farla questa....scatola??

ma che ca...o! dico io: almeno per distinguersi da qualunque altro banalotto case per il P, ce ne sono migliaia tutti uguali, io supponevo che questo almeno avesse l'alloggiamento per un paio di hard disk da 2,5", o uno da 3,5... così con uno scatolo e una sola alimentazione si riordinava il kaos di cavi....


sarà anche per beneficenza, ma vista la natura di kodi mi sarei sbattuto per qualcosa di meglio...
Dumah Brazorf25 Giugno 2016, 10:15 #2
E come fanno ad entrarci dei dischi in un case da 2,5 x 3,5 x 1 centimetri?
chichino8425 Giugno 2016, 10:33 #3
Vista la collaborazione con FLIRC mi sarei aspettato almeno che fosse incluso il loro ricevitore ir, così non è altro che un qualunque box per Raspberry uguale a tanti altri.

A proposito, qualcuno sa dove acquistare appunto il dongle usb FLIRC? Negli USA costa una fesseria ma trovarlo in Italia a prezzi umani sembra impossibile...
mtk25 Giugno 2016, 11:00 #4
scatolo...
Varg8725 Giugno 2016, 12:22 #5
Il Raspberry non mi sembra proprio la board più indicata per questo tipo di progetto. Non supporta nemmeno gli H.265...
eddie8125 Giugno 2016, 12:49 #6
Originariamente inviato da: chichino84
Vista la collaborazione con FLIRC mi sarei aspettato almeno che fosse incluso il loro ricevitore ir, così non è altro che un qualunque box per Raspberry uguale a tanti altri.

A proposito, qualcuno sa dove acquistare appunto il dongle usb FLIRC? Negli USA costa una fesseria ma trovarlo in Italia a prezzi umani sembra impossibile...


Sul raspberry puoi montare un ricevitore ir sulla gpio con 3 componenti di numero è funziona benissimo. (Io il ricevitore ir lo ho reecuperato da un lettore dvd guasto.)
https://learn.adafruit.com/using-an...center/overview
walterego22125 Giugno 2016, 13:58 #7
Il prodotto viene commercializzato al prezzo di 16 sterline (circa 20 euro)

20 euro per 16 sterline? Vi do 15 euro e ci sto rimettendo!
ssid7925 Giugno 2016, 17:41 #8

Raspberry usa l'interfaccia hdmi per ricevere i comandi

Quindi non serve l'ir. Io utilizz il telecomando della tv per comandare Kodi. Basta collegare il raspberry via hdmi.
masterpol25 Giugno 2016, 21:31 #9
il raspberry è il peggior mediacenter se uno vuole vedere iso BR 3d. questo perchè la schede di rete è una banale 10/100. quando faranno un raspberry pi 4 con scheda di rete gigabit allora lo prenderò in considerazione
Wonder25 Giugno 2016, 22:01 #10
il raspberry è il peggior mediacenter se uno vuole vedere iso BR 3d. questo perchè la schede di rete è una banale 10/100. quando faranno un raspberry pi 4 con scheda di rete gigabit allora lo prenderò in considerazione

Perchè? Che bitrate ha un BR 3D? io prima di dire ste stronzate controllerei a modo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^