Bonus 500 euro per PC e connessioni: si parte il 9 novembre

Bonus 500 euro per PC e connessioni: si parte il 9 novembre

Il MISE ha messo a disposizione fino a 500 euro per l'acquisto di un PC, un tablet o per attivare una connessione broadband veloce. Il bonus destinato alle famiglie con un Isee non superiore a 20.000 euro

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Sistemi
Smart Working
 

Del bonus PC se ne parla da tempo e, dopo tanti ritardi, ora ci siamo: a partire dal 9 novembre, le famiglie che ne avranno diritto potranno richiedere un voucher per un massimo di 500 euro da utilizzare per l'acquisto di un computer, un tablet e per dotarsi di connessione veloce a Internet e creare quindi le condizioni per lavorare in smart working.  Al contrario del Buono Mobilità, accessibile da tutti, per accedere a questo bisogna rispettare una serie di requisiti. 

telelavoro-smart-working

Bonus PC 500 euro: chi può chiederlo

Il bonus da 500 euro per l'acquisti di computer o tablet e per dotarsi di connessioni veloci a Internet sarà erogato sotto forma di un voucher e potrà essere richiesto solo in due casi:

  • attivazione di nuovi collegamenti a banda larga
  • passaggio a connessioni più veloci (per esempio, nel caso di chi passa da una ADSL a meno di 30 Mbps a una linea in fibra a 1 Gbps)

Il contributo per la connettività è fra i 200 euro e i 400 euro ed è accessibile a tutte le famiglie che ne faranno richiesta, indipendentemente dall'Isee.
Le famiglie con un Isee inferiore a 20.000 euro, potranno contare su un ulteriore contributo di altri 300 euro (sempre per un massimo di 500) per disporre di un tablet o un computer in comodato d'uso, abbinato quindi alla connettività. Per farla breve, non si potrà usare il voucher per il solo acquisto di un PC: bisognerà usarlo per attivare (o potenziare) una connessione broadband. 

"Il Piano prevede l’erogazione, per le famiglie meno abbienti, di un contributo massimo di 500 euro, che comprende la connettività ad almeno 30 Mbit/s (per una somma non inferiore a 200 euro), dei relativi dispositivi elettronici (CPE) e un tablet o un personal computer fornito dall’Operatore (per una somma non inferiore a 100 euro e non superiore a 300 euro). Il contributo non può essere concesso per l’attribuzione del solo tablet o personal computer, in assenza della sottoscrizione di contratti per la fornitura di servizi di connettività", specifica Infratel, che si occupa dell'accreditamento degli operatori abilitati a fornire connettività e dispositivi.

Se tutti possono quindi richiedere il contributo per la connettività, quello per i dispositivi è limitato alle famiglie meno abbienti. Alcune regioni hanno chiesto delle limitazioni e pertanto in Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria e Toscana il bonus connettività potrà essere richiesto solo in alcuni comuni: a questo link è disponibile la lista dei comuni aderenti. 

Come ottenere il bonus da 500 euro?

Per accedere ai voucher bisognerà contattare direttamente l'operatore (selezionandoli fra quelli che aderiscono al programma). Il contratto dovrà avere una durata minima di un anno e non sarà obbligatorio il rinnovo. Come sottolineato nelle FAQ, "la fornitura del personal computer o tablet deve essere contestuale e direttamente collegata al contratto per l’attivazione del servizio di connettività. Non è possibile acquistare direttamente personal computer o tablet e poi chiedere che il relativo prezzo sia rimborsato tramite voucher".

Il voucher ha un valore massimo di 500 euro che potranno essere utilizzati rispettando queste condizioni: 

a) allo sconto sui servizi di connettività per una durata non inferiore a 12 mesi, può essere destinata una somma compresa tra 200 e 400 euro.

b) allo sconto sulla fornitura di un personal computer o tablet può essere destinata una somma compresa tra 100 e 300 euro.

È prevista una fase 2 di questo progetto, mirata a estendere la misura anche alle famiglie con Isee compreso fra i 20.000 e i 50.000 euro e alle imprese, ma ancora non ci sono informazioni specifiche a riguardo. 

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo indirizzo

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Takuya06 Novembre 2020, 14:00 #1
Ma varrà anche per il passaggio da FTTC a FTTH? Alcuni dicono di sì, altri no
Gandalf7606 Novembre 2020, 14:09 #2
Io vorrei passare da ADSL a FTTH ma quanto tempo ho per farlo? E sopratutto quali sono i gestori a cui richiederlo?
Pandemio06 Novembre 2020, 14:12 #3
Si ma cazzo, scusate la maggior parte delle famiglie ha già la connessione, quello che potrebbe mancare è un PC o un tablet per la didattica e lo smart working, a me servirebbe un portatile per mia figlia ma ho già la connessione e un PC vecchio con la videocamera vecchia che devo riavviare ogni collegamento. Fanno sempre le cose a metà...o male.
sierrodc06 Novembre 2020, 14:23 #4
Ottimo, ma non capisco perchè 500.

Un pc per fare videoconferenza costa anche meno. Stessa cosa per il bonus monopattino/bicicletta. Alla fine tutti a comprarsi la bicicletta da 800 per ottenere il massimo rimborso. Va beh.
sintopatataelettronica06 Novembre 2020, 14:24 #5
Originariamente inviato da: Pandemio
Si ma cazzo, scusate la maggior parte delle famiglie ha già la connessione, quello che potrebbe mancare è un PC o un tablet per la didattica e lo smart working, a me servirebbe un portatile per mia figlia ma ho già la connessione e un PC vecchio con la videocamera vecchia che devo riavviare ogni collegamento. Fanno sempre le cose a metà...o male.


Da quel poco che si capisce (é tutto molto confusionario e inutilmente complicato) sembra più un favore fatto agli operatori telefonici e ai provider che alle famiglie..
sintopatataelettronica06 Novembre 2020, 14:28 #6
Originariamente inviato da: sierrodc
Ottimo, ma non capisco perchè 500€.

Un pc per fare videoconferenza costa anche meno. Stessa cosa per il bonus monopattino/bicicletta. Alla fine tutti a comprarsi la bicicletta da 800€ per ottenere il massimo rimborso. Va beh.


In teoria (visto che é tutto abbastanza confusionario a riguardo) questo bonus che vorrebbe ridurre il digital-divide consiste in : un importo di 200-300 euro per attivare (e pagare i primi mesi in pratica) di una connessione in fibra (ma bisogna non avercela già PIÚ un restante 200-300 euro (con un tetto massimo come somma di entrambi i bonus di 500 euro) per l'acquisto di un tablet/PC.. che vi sarà venduto dall'operatore/provider con cui si procede all'attivazione della connessione.
paoloff06 Novembre 2020, 14:32 #7

tastiera non presente, premere f1

in pratica devi avere: una connessione internet (meglio se adsl) per chiedere il bonus internet veloce...poi un computer per chiedere il computer... ok "chiunque ritenga di essere pazzo può essere esentato dall'andare in battaglia, ma chiunque chieda di non andare in battaglia non è pazzo" (cit.)
386DX4006 Novembre 2020, 15:07 #8
Il famoso "Errore tastiera, premere F1 per continuare" era un classico nei vecchi bios di una volta.

Comunque imho il problema non si porrebbe in termini di hardware quanto piu' di connessioni. Volendo si puo' usare linux in versioni leggere e un computer di piu' di un decennio fa ed avere una macchina se configurata in un certo modo perfettamente utilizzabile come home computer, perche' non c'e' bisogno di videoconferenze FullHD o 4K quando poi il problema e' la connessione.
Di recente ho costruito una macchina home partendo da un Pentium 4 Northwood a 3,2Ghz (si parla del 2003) e portando al massimo tutti i componenti aggiornabili alla fine pur macchina da discarica risultava perfettamente utilizzabile e aggiornata agli ultimi update possibili (su linux) sebbene con una cpu single core e ram DDR1 per dire.

Semmai come dicevo il problema sono le connessioni: se boh presumo l'80% delle connessioni saranno mobile, tra tariffe con giga comunque limitati, velocita' che lasciano a desiderare laddove giorni in 4G e tacche al massimo scarica piu' lento di un 3G con tacche medie e/o viceversa giorni in cui il 3G basterebbe perfettamente ... questa "variabilità" non e' lato utente o telefono o modem ma e' lato connessioni attive dall' operatore/ripetitore/quel che sia... imho preferirei si una linea fissa terrestre ma che comunque si andra' ad aggiungere alle spese di quella mobile.
gd350turbo06 Novembre 2020, 15:15 #9
e come per il bonus mobilità anche qui non becco niente
pabloski06 Novembre 2020, 15:40 #10
Originariamente inviato da: sintopatataelettronica
Da quel poco che si capisce (é tutto molto confusionario e inutilmente complicato) sembra più un favore fatto agli operatori telefonici e ai provider che alle famiglie..


Dio ti benedica ragazzo

Finalmente qualcuno che ha capito come funziona questo governo. I grandi favoriti sono gli oligarchi "de' sinistra", proprietari delle telco. Al popolino, come al solito, solo noccioline ( coi soldi delle sue tasse ).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^