Windows 10 May 2020 Update potrebbe accorciare la vita degli SSD: come rimediare

Windows 10 May 2020 Update potrebbe accorciare la vita degli SSD: come rimediare

Il nuovo aggiornamento adotta una pratica fin troppo aggressiva nella manutenzione delle unità di archiviazione, che alla lunga potrebbe essere deleterio per la salute dei drive. Si aspetta, quindi, un fix da parte di Microsoft

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Secondo diverse segnalazioni Windows 10 May 2020 Update avrebbe diversi problemi nella gestione delle unità di archiviazione, che potrebbe ridurre sensibilmente la vita degli SSD. Nello specifico il sistema non ricorda quando ha eseguito l'ultima ottimizzazione del drive, eseguendo fin troppo spesso la deframmentazione sugli SSD, e il comando TRIM sugli hard-disk.

Il problema è presente nella gestione della Manutenzione automatica, un sistema che consente di mantenere in ordine le prestazioni delle unità di storage eseguendo, a cadenza periodica, alcune operazioni sulle stesse. Una volta ottimizzati i dischi o gli SSD il tool salva la data indicando al sistema operativo che non deve più eseguire operazioni di manutenzione sui dischi interessati in modo da non impattare troppo sull'esperienza d'uso del sistema e prolungare la durata degli stessi.

WilderSecurity, però, fa notare che il sistema non funziona come atteso su Windows 10 versione 2004: lo strumento salva la data, ma quando si accede alla funzione Ottimizza unità si nota che tutti gli SSD vengono impostati come Ottimizzazione necessaria anche se la manutenzione è stata eseguita poche ore prima. Si tratta di un problema noto e già corretto sulla build 19551 di Windows 10 nel programma Insider, ma ancora presente sulla build 19041.329 pubblica.

Di norma su un SSD non è necessario eseguire la deframmentazione dei file, perché ci sono più svantaggi (usura dell'unità, fra questi) che vantaggi. Secondo Microsoft, tuttavia, le prestazioni delle unità a stato solido potrebbero essere pesantemente compromesse in caso di frammentazione massiccia dei file, pertanto Windows 10 impone che il processo di deframmentazione venga eseguito mensilmente sulle unità SSD. May 2020 Update, tuttavia, "dimentica" la data in cui viene eseguita questa manutenzione ordinaria, e quindi obbliga l'SSD a subire la deframmentazione dei file molto più spesso di quanto necessario, sacrificandone sensibilmente la durata nel tempo.

Windows 10 e deframmentazione continua degli SSD: cosa fare

Fino a quando Microsoft non rilascia pubblicamente il fix è consigliabile disattivare la Manutenzione automatica delle unità di storage, visto che il sistema potrebbe imporre una deframmentazione agli SSD anche ad ogni riavvio. Di seguito la procedura:

  • Accedere alle opzioni Deframmenta e ottimizza unità dal vecchio Pannello di controllo, o scrivendo Deframmenta via Menu Start e selezionando la voce specifica.
  • Nella schermata è possibile notare che lo stato degli SSD presenti nel sistema è Ottimizzazione necessaria
  • Se sì, sul sistema è presente il bug. In questo caso selezionare premere su Modifica impostazioni, poi sul tasto Scegli e deselezionare tutti gli SSD installati sul sistema.
  • Chiudere la schermata Ottimizza unità

Comando TRIM sugli hard-disk

La Manutenzione automatica di Windows 10 si comporta in maniera anomala anche in un altro caso, eseguendo il comando TRIM sugli hard-disk. Si tratta di una procedura pensata per gli SSD e, ovviamente, causa un messaggio di errore nel sistema quando viene forzata su un disco meccanico. La feature consente al sistema operativo di indicare al controller dell'SSD quando i blocchi di un'unità non sono più in uso (dopo la cancellazione dei file presenti, ad esempio), in modo che possano non essere più considerati. Al momento il bug non ha un fix ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8816 Giugno 2020, 15:33 #1
Ma c'è veramente qualcuno che tiene la deframmentazione ( aka manutenzione ) attiva in presenza di SSD ?
frankie16 Giugno 2020, 15:33 #2
Ho controllato e a me compare come in foto:
ottimizzazione necessaria, ma la data è "mai eseguita"
Quindi il problema non sussiste.

Anzi c'è il problema contrario, anche se programmata non è mai stata eseguita
Ginopilot16 Giugno 2020, 15:45 #3
Originariamente inviato da: frankie
Ho controllato e a me compare come in foto:
ottimizzazione necessaria, ma la data è "mai eseguita"
Quindi il problema non sussiste.

Anzi c'è il problema contrario, anche se programmata non è mai stata eseguita


Forse invece il problema e' proprio quello, non memorizza l'ultima data di esecuzione.
yeppala16 Giugno 2020, 15:47 #4
Se si va a vedere nell'Utilità di Pianificazione di Windows, risulta che il Defrag NON è mai stato eseguito (ultima esecuzione 30/11/1999), quindi il pericolo non sussiste
WarDuck16 Giugno 2020, 15:47 #5
Non mi risulta che gli SSD in Windows vengano deframmentati in automatico.

L'unica operazione che viene fatta è proprio il TRIM (chiamata anche "ottimizzazione".
Unrealizer16 Giugno 2020, 15:51 #6
Originariamente inviato da: nickname88
Ma c'è veramente qualcuno che tiene la deframmentazione ( aka manutenzione ) attiva in presenza di SSD ?


Originariamente inviato da: WarDuck
Non mi risulta che gli SSD in Windows vengano deframmentati in automatico.

L'unica operazione che viene fatta è proprio il TRIM (chiamata anche "ottimizzazione".


la deframmentazione serve anche sugli SSD, anche se non per gli stessi motivi degli HDD

prima era soprattutto per velocizzare l'accesso ai file (evitavi un seek della testina ogni pochi KB, con un grosso impatto sulle performance), ma adesso ha senso comunque perché se il filesystem arriva al suo limite di frammentazione non è più possibile creare file, problema anche esistente sugli HDD ma il calo di performance si sentiva prima e quindi non arrivavi mai a quel punto

lo spiega meglio Scott Hanselman: https://www.hanselman.com/blog/TheR...entYourSSD.aspx

(ovviamente quello della notizia è un altro discorso, lì è chiaramente un bug)
aldo87mi16 Giugno 2020, 16:08 #7
L'ho sempre detto io che questi update di Win10 accrescono i problemi anziché risolverli. Che darei per poter continuare a usare 7 o Xp per altri dieci anni con compatibilità a tutti i programmi futuri e senza essere costretto agli aggiornamenti automatici. Trovo certe forzature di Win10 veramente ridicole, come quelle sulla virus protection in cui sono incappato di recente: mi mette in quarantena e mi rimuove files pur rimettendoli io ogni volta in Restore e Allow. Come uno stupido OS mi ripete "program has been allowed and it will not be remediated in the future " e invece...tempo due giorni e mi elimina di nuovo i files rimettendoli in quarantena, e purtroppo lo fa anche con programmi client di uso aziendale che mi servono per lavoro, rendendomi la vita difficile, costringendomi a continui backups. E purtroppo non posso usare neanche Linux perché questo tipo di programmi la mia ditta li ha resi compatibili soltanto con Win10. Maledetta Microsoft, quanto ho iiniziato ad odiarla negli ultimi cinque anni
nickname8816 Giugno 2020, 16:21 #8
Originariamente inviato da: Unrealizer
la deframmentazione serve anche sugli SSD

Serve per creare operazioni di riscrittura utili solo a velocizzare il degrado degli SSD.

se il filesystem arriva al suo limite di frammentazione non è più possibile creare file
E' dal quando comperai il mio primo OCZ da 60GB che tengo la deframmentazione disattiva, la prima cosa che faccio al primo avvio di Windows.
Il mio muletto è arrivato a consumare completamente un SSD in 6 anni di attività senza mai riformattarlo e nemmeno lì mai avuto problemi nè mai deframmentato.
Nicodemo Timoteo Taddeo16 Giugno 2020, 16:35 #9
Originariamente inviato da: aldo87mi
L'ho sempre detto io che questi update di Win10 accrescono i problemi anziché risolverli. Che darei per poter continuare a usare 7 o Xp per altri dieci anni con compatibilità a tutti i programmi futuri e senza essere costretto agli aggiornamenti automatici.


Puoi bloccare Windows Update con una delle tante utility in circolazione, tra cui alcune che consentono non solo di bloccare tout court l'installazione automatica degli aggiornamenti ma anche di scegliere cosa aggiornare e cosa no. Cioè riprendere il controllo completo sugli aggiornamenti, com'era prima di 10.

E visto il proseguo del tuo post puoi bloccare anche Windows Defender o installare un altro antivirus.
calabar16 Giugno 2020, 16:47 #10
Originariamente inviato da: nickname88
Serve per creare operazioni di riscrittura utili solo a velocizzare il degrado degli SSD.

Non so, ma credo che l'opinione di un interno a Microsoft, che ha consultato il "Windows storage team" per poter scrivere un articolo con cognizione di causa, sia più autorevole.
Hai letto l'articolo? Sarebbe già un inizio capire quale tipo di ottimizzazione Windows esegue sugli SSD.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^