Microsoft, annuncio a sorpresa: Windows 10 integrerà un kernel Linux completo

Microsoft, annuncio a sorpresa: Windows 10 integrerà un kernel Linux completo

Microsoft ha dichiarato ufficialmente che a partire da questa estate Windows 10 implementerà un kernel Linux all'interno di Windows Subsystem for Linux (WSL). con vantaggi enormi sia in termini di prestazioni sia in termini di compatibilità

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindowsLinux
 

Questa estate Microsoft avvierà un programma di test per inserire su Windows 10 un kernel Linux completo. Un annuncio a sorpresa, l'ennesimo, che vede l'azienda di Redmond avvicinarsi sempre di più al sistema operativo del pinguino. Di recente Microsoft ha introdotto la shell Bash su Windows, la funzione OpenSSH in maniera nativa su Windows 10, e ha accettato Ubuntu, SUSE Linux e Fedora su Windows Store. L'annuncio di oggi aggiunge un nuovo tassello fondamentale nel rapporto fra Windows e la piattaforma open-source.

Al momento Windows Subsystem for Linux utilizza un kernel scritto e autorizzato da Microsoft che utilizza le stesse API del kernel Linux. Il kernel di Microsoft, in breve, traduce le API di Linux in API per il kernel Windows NT, ma è un approccio che ha diversi compromessi: ad esempio non c'è la possibilità di utilizzare i driver per Linux, come ad esempio quelli relativi al file system, che può avere oggi prestazioni anche di venti volte inferiori rispetto a un ambiente Linux nativo. Il kernel Microsoft si basa inoltre su una versione vecchia del kernel Linux e alcune API non sono state implementate del tutto, mentre altre sono state implementate solo in maniera parziale per far funzionare applicazioni specifiche.

Sono tutti compromessi assenti su Windows Subsystem for Linux 2 che, invece di emulare le API del kernel Linux sull'ambiente Windows NT, funzionerà sulla base di un kernel Linux eseguito all'interno di una virtual machine alleggerita e pensata ad-hoc. Il kernel presente su Windows 10 sarà cucito su misura per l'uso specifico all'interno di Windows 10, con supporto hardware limitato (per quello l'ambiente si baserà sul supporto dell'host) e tempi di avvio velocizzati. Il kernel è inoltre basato su licenza GPL, che richiede che qualsiasi modifica al codice sia pubblicata e resa disponibile alla community.

Microsoft si atterrà a questa clausola pubblicando tutte le patch e le modifiche che effettuerà sul kernel. La piattaforma WSL 2, inoltre, utilizzerà un kernel che sarà fornito con Windows mentre eventuali personalizzazioni potranno essere installate direttamente da Microsoft Store. Utilizzando un kernel Linux completo, sebbene comunque personalizzato da Microsoft, Windows 10 guadagna tutte le feature di Linux con aggiornamenti diretti distribuiti su Windows Update. WSL 2 supporterà i contenitori Docker, tutta l'infrastruttura invisibile del kernel Linux, come i cgroups, e Microsoft non dovrà scrivere una riga di codice.

Si tratta di un valore aggiunto enorme per gli sviluppatori, che otterranno sin da subito un enorme boost prestazionale all'interno di un ambiente che è già stato accolto con favore da parte degli addetti ai lavori, e che avrà sulla carta molti meno problemi di compatibilità rispetto a oggi. La prima versione di anteprima di WSL 2 è prevista per il mese di Giugno, mentre per il rilascio bisognerà aspettare ottobre o novembre con il debutto di Windows 10 19H2.

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

67 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
digieffe07 Maggio 2019, 11:52 #1
mi permetto di dire spiegazione a dir poco "imprecisa" nel primo paio di frasi del secondo paragrafo
jepessen07 Maggio 2019, 11:54 #2
Lo utilizzo abitualmente e non posso che essere contento della cosa. Strategicamente parlando credo che Microsoft con questa mossa pensa sempre ad Azure, permettendo di sviluppare con maggiore facilita' con I suoi strumenti applicazioni da mettere in cloud anche se basate su sistemi operativi diversi, ad esempio testando in locale un microservice che gira su Linux per poi metterlo direttamente in azure. Sarebbe bello se riuscissero ad integrare anche il server X per poter utilizzare anche programmi grafici.
s-y07 Maggio 2019, 12:19 #3
mi piacerebbe disporre di una macchina del tempo

andrà a finire che win diventerà primario lato server e linux lato desktop
Axel.vv07 Maggio 2019, 12:26 #4
L'ho provato ultimamente per fare dei test su alcuni applicativi che girano solo (o meglio) su Linux. Lancio anche qualche applicazione grafica con Xming.
palmy07 Maggio 2019, 13:41 #5
Correva l'anno 2001 quando Steve Ballmer (CEO Microsoft dal 2008 al 2014) esordiva con frasi come queste:

"Linux è un cancro che si attacca, nel senso della proprietà intellettuale, a tutto ciò che tocca"
"questo è il modo con cui la licenza (GPL, NdR) opera"

e sosteneva che la lotta con il software open source “ci sprona ad essere competitivi, a giustificare i prezzi ed il valore che noi offriamo”


Come cambiano le cose eh?!
tolwyn07 Maggio 2019, 14:00 #6
se non puio vincerli...
ivano44407 Maggio 2019, 14:09 #7
All'utente finale che vantaggio porta?
Benjamin Reilly07 Maggio 2019, 14:33 #8
3 anni fa sostenevo che i sistemi windows sarebbero diventati sistemi linux per il semplice fatto che i sistemi linux sono migliori e potenzialmente maggiormente migliori. Il solo limite parzialmente compensato è nel gaming. La realtà per l'utente è che molti si sentono idioti nell'usare sistemi linux, quando basterebbero alcuni giorni di utilizzo per apprezzarne i benefici, proprio perchè microsoft ha allevato degli utilissimi idioti.
GTKM07 Maggio 2019, 14:36 #9
Originariamente inviato da: ivano444
All'utente finale che vantaggio porta?


Agli sviluppatori ne porta tantissimi. Già ora, con WSL, si può usare Visual Studio per sviluppare software che usa API di GNU/Linux. Oltre alla possibilità di avere un piccolo OS Linux senza dover installare ingombranti VM.
SpyroTSK07 Maggio 2019, 14:38 #10
Originariamente inviato da: s-y
mi piacerebbe disporre di una macchina del tempo

andrà a finire che win diventerà primario lato server e linux lato desktop

Quando torni, fammi sapere, perché se mai succedesse mi dovrai prestare la macchina del tempo per sabotare qualsiasi successo di windows da ora in avanti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^