Linspire torna dall'oltretomba dopo dieci anni: ecco la versione 7.0

Linspire torna dall'oltretomba dopo dieci anni: ecco la versione 7.0

Linspire, nota precedentemente come Lindows, fu abbandonata nel 2007. La distribuzione Linux nata per i netbook (ma non solo) rinasce ora e diventa una derivata di Ubuntu... con un cartellino del prezzo di 80$

di pubblicata il , alle 12:11 nel canale Sistemi Operativi
Linux
 

Lindows fu una distribuzione Linux che aveva l'intento di fornire un ambiente facile da usare e con tutti i principali software di cui l'utente avrebbe avuto bisogno. Dopo un diverbio con Microsoft, il nome fu cambiato in Linspire, e la distribuzione morì nel 2007 con la versione 6.0. La versione 7.0 è stata ora rilasciata dopo dieci anni, con numerosi cambiamenti.

Il primo e più importante è il passaggio di mano del marchio: Phoronix riporta come Linspire, e il marchio gemello Freespire, sia passato in mano a PC/OpenSystems LLC, azienda che è già dietro Black Lab Enterprise Linux.

Di fatto Linspire è una derivata di Ubuntu, con una serie di software aggiuntivi già preinstallati: tra gli altri si segnalano Chrome, VirtualBox, VLC, Wine (per offrire supporto agli eseguibili per Windows) e Bleachbit. È probabile che siano già installati anche i codec proprietari per la gestione di file multimediali. L'ambiente desktop scelto è XFCE.

PC/OpenSystems LLC intende ottenere dei profitti da Linspire e vende infatti le licenze del sistema a 80$ l'una. La licenza permette di ottenere supporto via telefono e email per dodici mesi, più tutti gli aggiornamenti del sistema nel periodo di supporto (fino al 2025). Da notare, però, che versioni successive non sono incluse nella licenza e un'eventuale Linspire 8.0 sarebbe da acquistare nuovamente. Freespire, di contro, è la versione gratuita che offre le stesse caratteristiche a esclusione del supporto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Saturn04 Gennaio 2018, 12:34 #2
Vorrei commentare anch'io e allo stesso tempo non vorrei...è strano... Fortuna che demon77 ha già espresso in maniera esemplare quello che è il mio pensiero.
s0nnyd3marco04 Gennaio 2018, 12:51 #3
Originariamente inviato da: demon77


* Non hanno speranze...
Phoenix Fire04 Gennaio 2018, 13:21 #4
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
* Non hanno speranze...


la penso allo stesso modo
s0nnyd3marco04 Gennaio 2018, 13:24 #5
Originariamente inviato da: Phoenix Fire
la penso allo stesso modo


Mi chiedo perche' uno dovrebbe seguire il loro modello di business. Specialmente considerando i costi di licenza di windows 10.
mattia.l04 Gennaio 2018, 15:01 #6
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Mi chiedo perche' uno dovrebbe seguire il loro modello di business. Specialmente considerando i costi di licenza di windows 10.


l'unica che mi viene in mente è per non regalare soldi a M$
GG16704 Gennaio 2018, 15:24 #7
Perchè pagare per qualcosa che normalmente si trova completamente gratis?
fano04 Gennaio 2018, 15:46 #8
Perché pagare qualcosa che non funziona?
nitro8904 Gennaio 2018, 15:55 #9
Che fail
Opteranium04 Gennaio 2018, 16:01 #10
Originariamente inviato da: demon77

non c'è altro da dire

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^