WeChat, il WhatsApp cinese avrà un futuro da carta d'identità digitale

WeChat, il WhatsApp cinese avrà un futuro da carta d'identità digitale

Il colosso cinese Tencent acquisisce sempre più potere in Cina: uno dei suoi servizi potrebbe presto essere usato per scopi governativi sull'intera nazione

di pubblicata il , alle 12:51 nel canale Web
Tencent
 

A Canton, capoluogo del Guangdong, alcuni utenti hanno iniziato a collegare la propria carta di identità statale all'account WeChat, il servizio di messaggistica istantanea che in Oriente ha il ruolo che dalle nostre parti detiene WhatsApp. Se quella nel Guangdong può essere vista come una sperimentazione, l'iniziativa sarà presto estesa progressivamente ad altre parti della Cina.

L'iniziativa fa parte di un programma avviato nel mese di dicembre da Tencent, il colosso cinese con valore di mercato superiore ai 500 miliardi di dollari che già in passato ha dimostrato di intrattenere rapporti molto stretti con le istituzioni locali, dalle quali ha ricevuto grossi aiuti anche in termini di concorrenza con WhatsApp. Tencent controlla direttamente WeChat e, nel recente periodo, ha portato il noto servizio digitale a una popolarità notevole, con circa un miliardo di utenti attivi.

WeChat

All'interno dell'app ci sono vari sistemi che permettono di interagire con servizi di varia natura offerti sul territorio: il sistema di riconoscimento facciale, ad esempio, permetterà di registrare l'accesso negli Internet Cafè, particolarmente diffusi in più parti della Cina.

Sul territorio, inoltre, si trovano vari totem con cui sarà possibile interagire tramite l'identità digitale gestita tramite WeChat. Questi totem permettono di curare vari tipi di operazioni come l'apertura di un conto in banca oppure l'instaurazione di un’attività commerciale. Tutte queste operazioni, infatti, vengono normalmente smaltite in Cina tramite riconoscimento facciale.

Tutto questo è possibile grazie all'infrastruttura tecnologica già esistente in mano a Tencent, un colosso che gestisce in Cina network, sistemi di pagamento, social media e che ha molti interessi anche nell'ambito dei videogiochi. WeChat è nata due anni dopo rispetto a WhatsApp, ma offre funzioni maggiormente variegate come uno store interno, servizi da social network e che si può usare per realizzare pagamenti elettronici.

Dopo Canton, l'unione tra carta d'identità tradizionale e digitale tramite WeChat potrebbe essere estesa al resto della Cina. Lo riporta il Financial Times.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LMCH04 Gennaio 2018, 14:25 #1
Spero che il riconoscimento facciale sia usato solo come check aggiuntivo dell'identità o per cose di poco conto, altrimenti prima o poi ci sarà un ondata oceanica di frodi da quelle parti.

A parte questo, sbaglio o questo significa che di fatto in questo modo il governo cinese avrà un accesso privilegiato mai visto prima sino ad ora alle tracce digitali e nella vita reale di chi collega carta di indentità ed account WeChat ?
Nel senso che costerà pochissimo (si appoggiano alle infrastrutture di Tencent) e da un unica fonte otterrano sia dati su cosa fa uno sul web che nella vita reale senza dover incrociare i dati da altre fonti se non per fare verifiche più approfondite).
Sandro kensan04 Gennaio 2018, 16:03 #2
Se non sbaglio in Cina con wechat pagano il conto al chiosco che vende panini.
floc04 Gennaio 2018, 17:12 #3
hanno solo istituzionalizzato quello che da anni il governo usa fa con fb.
recoil04 Gennaio 2018, 17:20 #4
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Se non sbaglio in Cina con wechat pagano il conto al chiosco che vende panini.


è anche un sistema di pagamento
inoltre ha un sistema di "stati" che lo rende una sorta di social network con i like ecc.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^