SpaceX Crew-1: il lancio è avvenuto con successo, direzione ISS!

SpaceX Crew-1: il lancio è avvenuto con successo, direzione ISS!

Dopo i rinvii dovuti alla sostituzione precauzionale dei motori del Falcon 9 e a un ulteriore rinvio per via del tempo, SpaceX Crew-1 è finalmente partita dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center in Florida in direzione della ISS!

di pubblicata il , alle 01:41 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceXNASAJAXA
 

Ne abbiamo scritto più di una volta per via dell'attesa di questo lancio. Ora finalmente, alla 1:27 (ora italiana), dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center in Florida è partita la missione SpaceX Crew-1. Si tratta della prima missione ufficiale, e non di test (a differenza di Demo-2), con equipaggio in direzione della Stazione Spaziale Internazionale. Ancora una volta, gli Stati Uniti tornano nello Spazio da suolo statunitense con razzo statunitense.

SpaceX Crew-1 è un nuovo successo per NASA ed Elon Musk

All'interno della capsula Crew Dragon, chiamata Resilience, sono presenti i quattro astronauti (tre NASA e uno JAXA) Michael Hopkins, Victor Glover, Shannon Walker e Soichi Noguchi che saranno una parte del nuovo equipaggio a bordo della ISS per i prossimi mesi, quando arriverà una nuova missione. A differenza di Demo-2 dove invece gli astronauti erano due, questa volta raddoppia il numero di persone all'interno della navicella, anche se questo non comporterà alcun problema.

spacex crew-1

lancio spacex

Un piccolo ritardo, dovuto a un detrito che si trovava nella guarnizione del portello che ha causato una non perfetta chiusura ermetica, ha creato un po' di apprensione, ma ovviamente "la sicurezza prima di tutto". La situazione si è comunque risolta entro i tempi stabiliti. Anche il tempo meteorologico ha destato qualche preoccupazione ma intorno alla mezzanotte (italiana) è arrivata la conferma che le condizioni erano sicure per il lancio.

spacex

Quando mancavano 43 minuti al lancio, il braccio che collega la piattaforma di lancio alla capsula è stato ritratto, segnalando che tutto procedeva correttamente, pochi minuti dopo invece è iniziato il rifornimento con i propellenti e quasi contemporaneamente gli astronauti hanno abbassato le visiere dei propri caschi.

spacex crew-1 lancio

Adesso che il lancio è avvenuto con successo, bisognerà aspettare ancora (circa) 27 ore prima del docking con la ISS, inizialmente erano invece erano previste 8,5 ore. Interessante notare anche che il Falcon 9 utilizzato per SpaceX Crew-1 sarà riutilizzato per quella Crew-2 insieme alla Crew Dragon utilizzata per Demo-2. Lo scopo della NASA è quello di abbattere sensibilmente i costi di gestione delle missioni dirette verso la ISS, mentre per SpaceX rappresenta un modo per dimostrare, ancora una volta, la riusabilità dei propri sistemi.

nasa spacex lancio

Il Falcon 9 è atterrato nell'Oceano Atlantico

Dopo circa poco più di 9 minuti dalla partenza di SpaceX Crew-1, il primo stadio è atterrato correttamente sulla piattaforma nell'Oceano Atlantico chiamata Just Read the Instructions (JRTI), sorella di Of Course I Still Love You (OCISLY). Come sempre si tratta di un'operazione spettacolare con il primo stadio che rientra dagli strati alti dell'atmosfera modificando la sua traiettoria con le alette presenti sui bordi e con la gestione dei motori. Subito dopo l'atterraggio e lo spegnimento dei motori c'è poi la presa sicura di Octagrabber che si assicura che il razzo non si muova nonostante le onde del mare.

spacex

spacex

Ricordiamo poi che SpaceX aveva già pensato ai viaggi umani utilizzando questo genere di configurazione. La stessa società in un tweet ha dichiarato "Dragon ha completato 22 voli da e per la ISS. È stata progettata fin dall'inizio pensando ai voli spaziali umani: anche la prima  Dragon per i rifornimenti aveva un oblò". Un'altra missione di successo per la NASA, SpaceX ed Elon Musk. Un ulteriore passo in avanti per le missioni con equipaggio ma anche per le società private nello Spazio. La Luna e Marte sono ancora lontani, ma ora anche un po' più vicini.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LMCH16 Novembre 2020, 17:03 #1
Adesso il prossimo passo sarà usare Starship per rifornire la ISS, portare in orbita nuovi moduli, ecc. ecc.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^