Perseverance e Ingenuity sono meno potenti del tuo smartphone

Perseverance e Ingenuity sono meno potenti del tuo smartphone

Il rover e il drone-elicottero appena ammartati sul Pianeta Rosso hanno strumentazione di alta tecnologia per svolgere le rispettive rilevazioni, ma l'hardware a bordo è tutto fuorché speciale. Vediamo cosa "muove" i due nuovi visitatori di Marte.

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Perseverance e il suo "drone-elicottero" Ingenuity potrebbero darci nuove informazioni su Marte e forse svelarci se in passato (o perché no, magari anche oggi) vi sia stata vita, seppur elementare. Un compito che richiede una strumentazione particolare, di precisione, ma non una potenza di calcolo incredibile. Anzi, è molto probabile che lo smartphone tra le vostre mani sia ben più potente delle piattaforme a bordo del rover e del drone. D'altronde, il requisito fondamentale è l'affidabilità e la resistenza a fronte delle condizioni ambientali difficili, a fronte di una potenza adeguata a svolgere determinati compiti, già prestabiliti.

Sul fatto che il vostro smartphone sia più potente della piattaforma che muove Perseverance, ci sono pochi dubbi. Stando a quanto rivelato dalla NASA, il rover si basa su un sistema Bae Rad750, studiato per resistere alle radiazioni che colpiscono il Pianeta Rosso e che al centro vede un vecchio processore PowerPC 750 a 200 MHz, affiancato da 256MB di RAM, 256 KB di EPROM e 2 GB di storage. Una potenza che si può paragonare a quella di un iMac del 1998. I 200 MHz possono sembrare molto pochi, ma sono pari a 10 volte la frequenza del "cervello" dei rover Spirit e Opportunity. Anche i 2 GB di memoria flash a bordo rappresentano 8 volte la capacità a bordo di Spirit e Opportunity.

Per quanto riguarda Ingenuity, il primo drone a volare in modo autonomo su Marte (il mese prossimo) è basato su una piattaforma Qualcomm Snapdragon Flight, al cui centro troviamo uno Snapdragon 801. La piattaforma fu presentata nel 2015, e il chip è un quad-core a 2,26 GHz, con GPU Adreno 330 e capacità di catturare filmato 4K. Il SoC è lo stesso di smartphone come il OnePlus One o il Samsung Galaxy S5.

Ingenuity è quindi dotato di una piattaforma hardware molto più potente di quella del rover, ma questo si deve al fatto che deve volare in autonomia, prendendo "decisioni" in tempo reale in base alle circostanze. Parallelamente, il drone-elicottero deve capire come riscaldarsi, assicurarsi che sia carico, controllare pale e motori, e poi volare e atterrare, il tutto senza il diretto coinvolgimento dell'uomo. Secondo la NASA Ingenuity raggiungerà un'altezza di circa 16 piedi (poco meno di 5 metri) e volerà ogni volta per 90 secondi. L'elicottero ha una fotocamera di navigazione da 0,5 megapixel rivolta verso il basso e una fotocamera frontale da 13 megapixel per aiutarlo a orientarsi nell'ambiente circostante. 

53 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
randorama22 Febbraio 2021, 12:08 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: https://www.hwupgrade.it/news/scien...hone_95717.html

Il rover e il drone-elicottero appena ammartati sul Pianeta Rosso hanno strumentazione di alta tecnologia per svolgere le rispettive rilevazioni, ma l'hardware a bordo è tutto fuorché speciale. Vediamo cosa "muove" i due nuovi visitatori di Marte.

Click sul link per visualizzare la notizia.


ammartati...
nitro8922 Febbraio 2021, 12:19 #2
Originariamente inviato da: randorama
ammartati...


https://www.treccani.it/vocabolario...8Neologismi%29/
Giuss22 Febbraio 2021, 12:25 #3
"L'hardware a bordo è tutto fuorché speciale"???

Avete idea dei motivi per cui è fatto così e dei costi?
Lanfi22 Febbraio 2021, 12:39 #4
Sinceramente non mi stupisce la piattaforma apparentemente antiquata di perseverance ma piuttosto il fatto che il chipset che governa ingenuity sia mutuato così tranquillamente da un prodotto consumer.

Forse contano sul fatto che rimanga esposto all'ambiente marziano per meno tempo?
Korn22 Febbraio 2021, 12:39 #5
Originariamente inviato da: Giuss
"L'hardware a bordo è tutto fuorché speciale"???

Avete idea dei motivi per cui è fatto così e dei costi?


c'è scritto
Sp3cialFx22 Febbraio 2021, 12:59 #6
Mica devono giocarci a Fortnite.

(hwupgrade non è più quello di una volta sennò trovavamo i benchmark anche dei rover con i grafici a barre per fare i paragoni. Ahh ma io vi tolgo il like)
deggial22 Febbraio 2021, 13:01 #7
ci gira Crysis?
deggial22 Febbraio 2021, 13:03 #8
[SIZE="7"]scaffale.[/SIZE]
WarDuck22 Febbraio 2021, 13:05 #9
Bisogna considerare che la caratteristica fondamentale di questi sistemi è quella di essere real-time, ovvero l'importante è essere predicibili nell'esecuzione dei task e rispettare le deadline.

Chiaramente ciascun task può essere modellato a-priori e le caratteristiche dunque si conoscono prima. Una eccezione possono essere i task asincroni, che tuttavia cambiano solo parzialmente lo studio di schedulabilità (comunque si dovrebbe sapere per quanto tempo eseguiranno nel caso peggiore, magari è incerto invece il suo rilascio, pensate agli interrupt di una scheda di rete in cui non sai quando ti arriveranno i pacchetti).

Stiamo parlando di sistemi dedicati a scopi ben precisi, dunque una volta stabilito un modello dei task è chiaro che si può dimensionare l'hardware per lo scopo desiderato.

Senza considerare che presumibilmente avranno lasciato un certo margine operativo, ergo è anche possibile che in realtà l'utilizzazione sia di molto inferiore a quanto può offrire l'hardware stesso (per dire magari con lo stesso processore a 100Mhz ce l'avrebbero fatta lo stesso).

Notate anche che tutti questi processori sono singolo core, infatti per i sistemi multi-core real time è molto più difficile garantire il rispetto delle deadline dei task, a causa delle interferenze causate da accessi concorrenti a bus, memorie e cache.
Giuss22 Febbraio 2021, 13:17 #10
Originariamente inviato da: Korn
c'è scritto


Nell'articolo c'è scritto ben poco

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^