Ossigeno liquido: dai razzi di SpaceX e Roscosmos ai malati di COVID-19

Ossigeno liquido: dai razzi di SpaceX e Roscosmos ai malati di COVID-19

L'ossigeno liquido viene impiegato come propellente per i razzi spaziali ma anche per supportare i malati di COVID-19 in tutto il Mondo. Questo ha portato a una richiesta superiore alle aspettative secondo quanto dichiarato da SpaceX.

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceXRoscosmos
 

L'ossigeno liquido è uno dei propellenti più utilizzati per i razzi spaziali potendo essere utilizzato come comburente per cherosene, idrogeno o metano (per esempio). Con la pandemia di COVID-19 e con molti malati che necessitano di ossigeno negli ospedali c'è stato un picco nella produzione. A sottolineare il problema è stata Gwynne Shotwell, COO e Presidente di SpaceX, alla quale in queste ore si è unito anche Dmitry Rogozin di Roscosmos.

spacex

La Shotwell ha parlato di questa situazione durante il 36° Simposio Spaziale "quest'anno saremo colpiti dalla mancanza di ossigeno liquido per i lanci. Certamente ci assicureremo che gli ospedali abbiano l'ossigeno di cui hanno bisogno, ma per chiunque abbia ossigeno liquido da dare, mi mandi un'e-mail".

SpaceX alla ricerca di ossigeno liquido, ma non è l'unica

Come scritto, non è solo SpaceX ad avere questo problema. In queste ore anche Dmitry Rogozin (direttore di Roscosmos) ha fatto dichiarazioni simili sottolineando il legame tra i lanci spaziali e le forniture ospedaliere per supportare le terapie dei pazienti ricoverati, anche se non necessariamente colpiti dalla COVID-19.

spacex

Rogozin ha dichiarato in un tweet che "da tre mesi stiamo trasferendo quasi tutto l'ossigeno prodotto dalle nostre imprese alle istituzioni mediche, costringendo a rinviare i test dei motori a razzo. Comprendiamo che la situazione con la COVID è difficile, quindi aiutiamo in ogni modo possibile".

Rispondendo poi a una nota utente di Twitter (in ambito spaziale) la cui nonna è in rianimazione (ma senza necessità di ossigeno), Rogozin ha scritto "sarò infinitamente felice se l'ossigeno prodotto dalle nostre imprese salverà lei e migliaia di altre vite".

La priorità rimane quindi legata alla salute pubblica tanto che anche altre società sono impegnate a fornire supporto agli ospedali in diverse nazioni. Un altro esempio è stato sottolineato da Tory Bruno (presidente di ULA, United Launch Alliance), uno dei fornitori di Azoto Liquido che solitamente rifornisce la base di Vandenberg in California era impegnato negli scorsi giorni a dare supporto alla fornitura di ossigeno liquido agli ospedali della Florida.

Quale sia l'impatto sulla gestione dei lanci spaziali futuri non è ancora chiaro. È probabile che a risentirne inizialmente saranno i test aggiuntivi più che i lanci veri e propri. Questo potrebbe ridurre la velocità di sviluppo di alcuni motori a razzo o navicelle (per esempio Starship utilizza metano liquido e ossigeno liquido) mentre non necessariamente vedremo posticipare per questo motivo lanci già programmati.

Iscriviti subito al nostro canale Instagram!

Perché? Foto, video, backstage e contenuti esclusivi!

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sandro kensan30 Agosto 2021, 16:01 #1
Questo serve anche per dire che il covid non è una normale influenza.
al13530 Agosto 2021, 22:03 #2
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Questo serve anche per dire che il covid non è una normale influenza.


ed è triste dover specificare questa cosa per quattro poveri DEMENTI che credono questo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^