La comunità Open-Source viola più di 200 brevetti Microsoft

La comunità Open-Source viola più di 200 brevetti Microsoft

Pesanti dichiarazioni del colosso di Redmond, che per ora pare non voler passare ai fatti. Il mondo del pinguino violerebbe ben 235 brevetti di proprietà di Microsoft

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Programmi
Microsoft
 

Sono ben 235 i brevetti che Microsoft ritene essere violati dal mondo Linux e Open-Source. La vicenda, i cui dettagli sono però ancora scarsamente delineati, si apprende da un' intervista di Fortune pubblicata su CNNMoney.

Il colosso di Redmond avrebbe individuato 42 violazioni all'interno del kernel Linux, 65 relative all'interfaccia del Pinguino (sebbene non sia chiaro se ciò si riferisca ad una specifica GUI o a tutti gli ambienti desktop Linux), 45 brevetti risulterebbero violati da OpenOffice, 15 da programmi di e-mailing e un non meglio specificato insieme di "altri" sistemi operativi violano ulteriori 68 brevetti.

Attualmente Microsoft ha solamente preso atto della situazione, senza voler (almeno per ora) passare ai fatti. La vicenda è infatti particolarmente complessa e spinosa: innanzitutto siamo davanti ad una mole di brevetti infranti (presunte o reali che siano queste infrazioni) mai vista prima, in secondo luogo il sistema operativo del Pinguino, in tutte le sue molteplici incarnazioni, è largamente diffuso nel mondo di aziende, società, colossi del mercato e multinazionali per la gestione dei sistemi informatici. Gran parte di queste aziende, inoltre, sono anche clienti del gigante di Redmond. Alla luce di ciò una battaglia in campo aperto potrebbe generare una serie di ripercussioni a spirale che si ritorcerebbero anche sulla stessa Microsoft.

Quali sono, quindi, le intenzioni di Microsoft? Le dichiarazioni di questi giorni sembrano essere una minaccia agghindata da monito, così come le esternazioni di Steve Ballmer, CEO dell'azienda: "I concorrenti open-source di Microsoft devono rispettare le stesse regole osservate dagli altri protagonisti dell'industria. Viviamo in un mondo dove promuoviamo il rispetto delle proprietà intellettuali e le rispettiamo a nostra volta".

Il mondo Open Source reputa le dichiarazioni del colosso di Redmond un mezzo per instaurare ciò che gli americani chiamano regime di "FUD", ovvero acronimo che sta a significare "Fear, Uncertainty and Doubt", letteralmente "paura, incertezza e dubbio". In altre parole una situazione di "terrore", dove le imprese si sentano minacciate dalla sempiterna ghigliottina della violazione dei brevetti.

Minaccia che potrebbe indurre le stesse imprese a trovare accordi "cordiali" (leggasi: che prevedono esborso di denaro o vantaggi economico/commerciali, spesso unilaterali) con Microsoft onde evitare ripercussioni legali potenzialmente catastrofiche.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

229 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dannyhh15 Maggio 2007, 15:43 #1
IMHO le dirette conseguenze del poter brevettare l'aria fritta.
Minipaolo15 Maggio 2007, 15:48 #2
Prima o poi questo sistema scoppia. Mi sembra evidente.
Skippi15 Maggio 2007, 15:49 #3
significa solo una cosa.... microsoft si è accorta, che negli ultimi due anni tra apple, linux e la loro cazzata di fare un sistema operativo nuovo come vista senza nessuna novità il mercato la sta togliendo di mezzo pian piano.... e ovvimente ora devono trovare qualsiasi mezzo per liberarsi la strada di nuovo... non pensate???
oatmeal15 Maggio 2007, 15:50 #4
Sono dieci anni che ripetono la stessa cosa, ora sono diventati anche noiosi e paranoici!
cyber15 Maggio 2007, 15:52 #5
Dai su, fate ciao ciao con la manina allo zio
diabolik198115 Maggio 2007, 15:53 #6
Originariamente inviato da: Skippi
significa solo una cosa.... microsoft si è accorta, che negli ultimi due anni tra apple, linux e la loro cazzata di fare un sistema operativo nuovo come vista senza nessuna novità il mercato la sta togliendo di mezzo pian piano.... e ovvimente ora devono trovare qualsiasi mezzo per liberarsi la strada di nuovo... non pensate???


no
XSonic15 Maggio 2007, 15:53 #7
Mi raccomando, MS è sempre dalla parte del torto, è una cosa ovvia.

Alla MS come in qualsiasi altra azienda c'è gente che lavora e si tutela con i brevetti, che questi brevetti siano giusti o meno non è specificato, quindi non vedo perchè andare come al solito contro MS. Forse perchè va di moda

Un po' di contegno... lascio la parola a Fx
mineblu15 Maggio 2007, 15:54 #8
Originariamente inviato da: Skippi
significa solo una cosa.... microsoft si è accorta, che negli ultimi due anni tra apple, linux e la loro cazzata di fare un sistema operativo nuovo come vista senza nessuna novità il mercato la sta togliendo di mezzo pian piano.... e ovvimente ora devono trovare qualsiasi mezzo per liberarsi la strada di nuovo... non pensate???



giusto!!
Friend3415 Maggio 2007, 15:54 #9
E se microsoft dimostrasse tutto?? Sarebbe la fine per linux,open office e cagate varie...
Catan15 Maggio 2007, 15:58 #10
io personalmente nn ci vedo nulla di male,sono un azienda hanno brevettato delle cose ed è giusto che pretendano che vada rispettato il loro patrimonio intellettuale.
non hanno preso nessuna iniziativa legale hanno solo fatto vedere come cmq anche l'open source prenda qualcosa che loro hanno fatto prima.
una volta che microsoft ha dichiarato che vengon infranti + di 250 brevetti se è vero saranno le stesse case che pubblicano la release dei programmi a decidere se è il caso di continuare di andare a patti con sonore mazzette a microsoft oppure fare una battaglia legale.
non ci vedo nulla di male in quello che fà microsoft se ha i brevetti e puo ottenere lo stesso risultato solo avvertendo invece di fare battaglie legali xè nn farlo?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^