AjaxWrite "il sostituto di Microsoft Word"

AjaxWrite "il sostituto di Microsoft Word"

Michael Robertson presenta un nuovo progetto legato allo sviluppo di applicativi Ajax, semplici da usare e gratuiti. Al momento è disponibile il word processor AjaxWrite ma nelle prossime settimane sono annunciati nuovi rilasci

di pubblicata il , alle 17:05 nel canale Programmi
Microsoft
 

Qualche tempo fa è stata presentata l'innovativa tecnica AJAX (Asynchronous JavaScript and XML) attraverso cui è possibile sviluppare applicazioni web interattive e dinamiche. I primi esempi di tali lavori furono accolti dai favori del pubblico e l'argomento rimane di grande attualità.

Anche Michael Robertson, famoso per le iniziative legate a Linspire e alla musica online, ha presentato un' iniziativa che lo vede protagonista. In questa pagina viene a grandi linee presentato un progetto che prevede il rilascio nelle prossime settimane di svariati applicativi AJAX.

Al momento è disponibile AjaxWrite, un word processor che viene presentato come "il sostituto di Microsoft Word" i cui dettagli sono presentati a questo indirizzo.

AjaxWrite permette di creare documenti compatibili con le più diffuse suite di produttività personale, ma permette anche di aprire file .doc preesistenti oppure di salvare i propri lavori in formato PDF. Tutto ciò è possibile senza installare alcun applicativo sul sistema, semplicemente accedendo a un apposito indirizzo web.

Il servizio è gratuito e al momento viene garantito il funzionamento con Firefox 1.5.

L'iniziativa di Robertson non è certo l'unica soluzione di word processor Ajax esistente sul web; la stessa Google solo poche settimane fa ha annunciato l'acquisizione di Writely. Ciò che rende interessante AjaxWrite è l'interfaccia grafica adottata che ricorda gli strumenti tipici di un applicativo installato su un pc e non, come in molti altri esempi, una pagina web al cui interno sono presenti alcuni pulsanti.

Dalle pagine del progetto si evince che la scelta di un'interfaccia grafica essenziale si basa su una considerazione assai semplice: la grande maggioranza degli utenti di un word processor utilizza ben pochi strumenti, il più delle volte ignorando il potenziale di certe applicazioni.

Lo slogan scelto dai promotori di AjaxWrite recita: "Bye Bye Microsoft Word, Hello ajaxWrite". Espressione di sicuro effetto mediatico ma meritevole di qualche considerazione. Le opportunità offerte da un'applicazione Ajax sono parecchie per l'utente finale o per l'home user, mentre per realtà professionali o aziendali si evidenziano delle criticità al momento irrisolte.

AjaxWrite non offre ad esempio alcun supporto all'utenza, mentre per certe aziende potrebbe risultare problematico gestire dati sensibili utilizzando risorse di rete su cui non si ha controllo. Le potenzialità per queste applicazioni rimangono comunque elevatissime: pensare ad esempio all'installazione di uno strumento simile ad AjaxWrite su un server aziendale deve far ripensare ai possibili scenari futuri.

Michael Robertson invita a leggere e controllare anche nelle prossime settimane le pagine di AjaxLaunch dove non mancheranno nuove sorprese.

Fonte: ArsTechnica.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

55 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor24 Marzo 2006, 17:17 #1
ma devo essere conneso a internet per scrivere un testo!?
xlinux24 Marzo 2006, 17:20 #2
ma è un mio problema o i link non funzionano?
chetidolanimale24 Marzo 2006, 17:20 #3
io penso proprio di sì..
chetidolanimale24 Marzo 2006, 17:21 #4
manco a me funzionano i link
ripper7124 Marzo 2006, 17:25 #5
forse è banale, ma visto che gli strumenti sono ridotti al necessario, tanto vale usare il write incluso in windows.... sbaglio?
Soul_to_Soul24 Marzo 2006, 17:25 #6
Come diceva Henry Ford, il progresso è tale quando diventa patrimonio di tutti.
Anche chi non vorrà acquistare la suite MammaMicrosoft ora potrà contare su un elementare word processor che assicura la compatibilità con il formato "padre", evitando dunque problemi di compatibilità, e cosa da non trascurare, senza installare alcunchè (OpenOffice va cmq installato, questo no)

Se ci riflettete, ci sono utenze che stampano poche decine di documenti l'anno, o magari hanno bisogno di poter creare estemporaneamente un documento "on the fly".

La tendenza è che attraverso la rete si potrà fruire di un numero sempre maggiore di servizi.
Mi chiedo, ideologicamente, se questa tendenza non trasformerà progressivamente i nostri PC casalinghi in Dumbterminals.

bartolomeo_ita24 Marzo 2006, 17:33 #7
il progresso è tale quando diventa patrimonio di tutti.


il problema è quando il patrimonio di tutti diventa obbiettivo di progresso ...
bartolomeo_ita24 Marzo 2006, 17:35 #8
comunque, trovo che il "mercato opensource" parallelo alla MS sia sicuramente una scelta migliore.

IE - FF
Office - Oo
MSN Messanger - Gaim (che vale anche per ICQ et affini)

e avanti così
Fx24 Marzo 2006, 17:35 #9
Originariamente inviato da: Soul_to_Soul
Come diceva Henry Ford, il progresso è tale quando diventa patrimonio di tutti.


il problema è se definire questo un progresso, con tutto il rispetto per il progetto ma penso che per la massa sia davvero molto più appetibile il wordeditor sgrauso che c'è in bundle con XP che questo giocattolo
Soul_to_Soul24 Marzo 2006, 17:40 #10
Tu dici? e se sei in movimento e hai bisogno di creare un documento con un PDA o con il cellulare? Dove o trovi il Wordeditor sgrauso di XP?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^