Dal calore alla corrente elettrica grazie ad un chip

Dal calore alla corrente elettrica grazie ad un chip

Una giovane azienda statunitense ha progettato un dispositivo in grado di recuperare energia elettrica dalla dissipazione di energia termica. Rivoluzione in arrivo per i portatili?

di pubblicata il , alle 14:53 nel canale Portatili
 

In un futuro non troppo lontano sarà possibile fruire di dispositivi elettronici in grado di recuperare corrente elettrica dall'energia termica, grazie ad un progetto sviluppato da Eneco, una startup americana che ha studiato un sistema di conversione in grado di trasformare il calore in energia elettrica.

Il progetto è stato annunciato a Londra la scorsa settimana, in occasione di una conferenza durante la quale il CEO di Eneco ha spiegato che l'azienda ha sviluppato un non meglio precisato chip per la conversione di energia il quale è inoltre in grado, come impiego alternativo di esercitare un'azione refrigerante quando viene ad esso applicata una corrente elettrica.

Secondo le informazioni disponibili, tale chip è stato realizzato basandone la progettazione sui principi dell'effetto termoionico, secondo il quale un metallo riscaldato è in grado di emettere elettroni poiché questi acquistano un'energia termica superiore al lavoro di estrazione, ovvero l'energia minima necessaria per estrarre un elettrone da un metallo. Ponendo questo metallo all'interno di un contenitore nel quale è stato creato il vuoto e contrapponendo ad esso un'altro elemento metallico, si viene a creare un flusso di elettroni (corrente) che può essere incanalata in qualche modo.

Il problema principale nella progettazione di questo sistema risiede nella possibilità di creare il vuoto tra i due metalli, ovviamente mantenendo il dispositivo di dimensioni ridotte. Eneco ha quindi pensato di frapporre tra i due metalli un particolare semiconduttore termoelettrico in grado di poter sostenere il differenziale termico tra i due metalli. Secondo quanto dichiarato dall'azienda, tale "chip", che è in grado di operare fino a temperature di 600 gradi Celsius, è caratterizzato da un'efficienza di conversione tra il 20% e il 30%.

Sebbene l'obiettivo primario di Eneco sia quello di proporre questo nuovo dispositivo nel mercato delle soluzioni termoelettriche, il passo successivo potrebbe essere rappresentato dallo sdoganamento anche nel settore dei dispositivi di alimentazione portatile, ovvero quello che attualmente è dominato dalle batterie agli ioni e polimeri di litio.

In questo senso due colossi del settore IT, Dell e Apple, si sono mostrati particolarmente interessati al progetto, avviando colloqui con Eneco per valutare in che misura il nuovo dispositivo possa essere integrato in soluzioni notebook, sfruttando ad esempio il calore generato dal processore per ricavare corrente elettrica che possa alimentare dispositivi a basso consumo come, ad esempio, le ventole di aerazione.

E' comunque necessario attendere il prossimo passo, rappresentato dalla produzione di un esemplare pilota funzionante. Secondo Eneco questa fase sarà raggiunta non prima della conclusione del prossimo anno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

54 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
int main ()22 Novembre 2006, 14:54 #1
queste si ke sono le vere invenzioni!!!! bisogna cercare di sfruttare al max tutto ciò ke c circonda senza sprecare niente!!! è davvero un ottima cosa questa del chip recupera energia
Gerardo Emanuele Giorgio22 Novembre 2006, 14:57 #2
ecco questa è una cosa utile... perche l'energia termica è una delle più scassapalle da utilizzare.
Catan22 Novembre 2006, 14:58 #3
infatti!
entropia prima o poi ti sconfiggeremo!

a parte il commento divertente sono ottime notizie sopratutto perchè adesso oltre la ricerca di nuove enrgie è importante anche l'ottimizzazione delle vecchie
guerret22 Novembre 2006, 15:03 #4
Dunque... posto che come efficienza siamo molto bassi, sicuramente la cosa ha un certo fascino, primo perché permette un riciclo dell'energia, secondo perché finalmente mette il calore dissipato a buon frutto.

Aiutatemi però a capire: dato che tutta l'energia viene prima o poi convertita in calore, un'efficienza del 20-30% di questo sistema significherebbe un consumo inferiore della stessa percentuale? Sempre ammesso che tutto il calore prodotto venga percepito dal dispositivo, ovviamente, cosa che sicuramente non sarà vera, ma in linea di massima è giusto?
ulisss22 Novembre 2006, 15:07 #5
sarebbe stato bello convertire il calore emesso da prescott in energia...
quando e se sarà disponibile ed operativa questa tecnologia sarà grandiosa
MaerliN22 Novembre 2006, 15:09 #6
Sai quanti gigawatt si tirerebbero fuori allora dai Pentium D Dual Core..
tazok22 Novembre 2006, 15:09 #7
in teoria utilizzando + dispositivi si potrebbe avere una resa ancora maggiore!!
dipende solamente dalla grandezza del "chip"(o dovrei chiamarlo in altro modo??)

sarebbe davvero una grande innovazione!!GG
zani8322 Novembre 2006, 15:10 #8
finalmente!!
magari è la soluzione per trasformare il calore in energia....anke se ho i miei dubbi....i principi della termodinamica sono imprescindibili

ma magari si può recuperare un po del calore dissipato dai microchip...
tazok22 Novembre 2006, 15:11 #9
Originariamente inviato da: MaerliN
Sai quanti gigawatt si tirerebbero fuori allora dai Pentium D Dual Core..


pensa da un altoforno dove fanno l'acciaio...ci si potrebbe alimentare qualcosa di grosso con parecchi di sti gingilli!!
OverCLord22 Novembre 2006, 15:14 #10
Non riesco a capire l'azione refrigerante quando si applica energia, semmai non si dovrebbe ottenere un effetto riscaldante???

Cmq forse si potrebbe ottimizzare la resa utilizzando nanotecnologie x esempio!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^