NZXT H1, mea culpa pubblico del CEO per il case a rischio incendio

NZXT H1, mea culpa pubblico del CEO per il case a rischio incendio

NZXT torna a parlare del problema di progettazione dell'H1, un case mini-ITX che ricorda l'Xbox Series X. La soluzione adottata per tamponare il problema non lo risolve alla radice: il CEO dell'azienda si scusa e spiega come correrà ai ripari.

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Periferiche
NZXT
 

Lo scorso novembre NZXT aveva allertato i propri clienti su un problema di sicurezza dell'H1, un case mini-ITX che ricorda le fattezze di Xbox Series X. L'azienda, dopo gli incidenti segnalati da alcuni acquirenti, aveva appurato che poteva innescarsi un cortocircuito sulla connessione del cavo riser PCIe, con il conseguente pericolo di incendio. Oltre a interromperne temporaneamente la vendita in via cautelativa, l'azienda aveva messo a disposizione dei richiedenti un kit sostitutivo di viti in nylon (non conduttrici) per sistemare il problema. A distanza di tre mesi, NZXT torna a parlare di quel problema di progettazione, evidenziando come la soluzione scelta non risolva il problema alla radice.

L'intervento nasce da un video di Gamer Nexus delle scorse ore dove si pone l'accento sul fatto che il problema si possa ripresentare usando usare viti metalliche, anche diverse da quelle fornite originariamente con il case. Pensate al caso di chi decide di rivendere o regalare il prodotto a un'altra persona, il nuovo possessore potrebbe non conoscere il problema di progettazione e usare viti inadatte inconsapevolmente, rischiando grosso.

"Le viti in nylon non erano la soluzione definitiva al pericolo d'incendio dell'H1; non risolvevano la causa principale del problema. Non tenevano conto di scenari in cui qualcuno poteva rimpiazzare tali viti, senza saperlo, con soluzioni metalliche. La nostra risposta non ha rispetto la qualità che la nostra comunità si attende da noi. Rimuoveremo l'H1 dall'NZXT Store e da NZXT BLD. Invieremo un sistema riser PCIe Gen3 riprogettato per gli attuali H1 e aiuteremo nell'installazione chi ne ha bisogno", ha affermato il CEO di NZXT Johnny Hou.

"D'ora in poi, istituiremo un più solido e attento processo di progettazione. Dai primi design, al controllo qualità fino ai test aggiuntivi, ci impegniamo a garantire la qualità dei nostri prodotti e della risposta alle vostre preoccupazioni". L'azienda invierà automaticamente il riser PCIe a chi ha richiesto il kit di viti sostitutivo. Chi ovviamente non le ha richieste può farlo subito tramite un form dedicato.

NZXT ha pubblicato delle FAQ in cui spiega che il problema ha richiesto tempo per essere risolto, in quanto si tratta di un sistema personalizzato. "Abbiamo iniziato a riprogettarlo a novembre dopo aver scoperto il problema e pensavamo di distribuirlo con gli H1 come un aggiornamento. Ora abbiamo rivisto quel piano con maggiore urgenza e un servizio diretto agli acquirenti dell'H1. Ci sentivamo sicuri che le viti in nylon fossero un fix a lungo termine adeguato, ma ora abbiamo realizzato che non è sufficiente. Dobbiamo risolvere la causa principale per garantire la durata di vita del prodotto".

NZXT ha spiegato che in sede di sviluppo non ha prestato attenzione a uno spazio non corretto sul power plane 12V nel PCB del riser PCIe. Sostanzialmente, se la vite di montaggio entra in contatto con il power plane del PCB si creano le condizioni per un corto e il conseguente incendio. Il nuovo sistema riser PCIe dovrebbe essere spedito entro la fine di marzo. Chi ha acquistato il case H1 da NZXT o NZXT BLD, se lo desidera, sarà completamente rimborsato. "Se hai acquistato da un altro rivenditore, possiamo offrire una sostituzione del riser PCIe, oppure dovrai rivolgerti al rivenditore per richiedere un reso", puntualizza NZXT, affermando che sta procedendo a un richiamo formale del prodotto.

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor02 Febbraio 2021, 17:34 #1
mi sembra un comportamento corretto.
L'errore di progettazione ci può stare, hanno pensato a una possibile soluzione ma in ulteriori, specifici casi può non essere sufficiente.
Ritirano il prodotto, rimborsano chi lo chiede o mandano un ulteriore kit che (speriamo) risolverà la questione.
Al di là del disagio di chi possiede questo case, direi che come comportamento è correttissimo.
MorgaNet02 Febbraio 2021, 17:42 #2
Originariamente inviato da: Paganetor
mi sembra un comportamento corretto.
L'errore di progettazione ci può stare, hanno pensato a una possibile soluzione ma in ulteriori, specifici casi può non essere sufficiente.
Ritirano il prodotto, rimborsano chi lo chiede o mandano un ulteriore kit che (speriamo) risolverà la questione.
Al di là del disagio di chi possiede questo case, direi che come comportamento è correttissimo.


In realtà hanno preso un po' sotto gamba il problema all'inizio. Inviare viti in plastica non era la soluzione corretta perchè esponeva i clienti che non erano a conoscenza del problema al rischio di incendio. Fosse stato un problema di data loss, per quanto grave poteva essere gestito così, ma siccome è a rischio la salute dell'utilizzatore, dovevano provvedere in maniera molto più incisiva.
Lavoro in una ditta di prodotti biomedicali e la gestione di queste situazioni (quando cioè è in discussione la sicurezza dei pazienti\utilizzatori) è molto accurata e monitorata anche dalle autorità competenti. Ti assicuro che potevano fare di più
nickname8802 Febbraio 2021, 17:42 #3
Meno male che a produrre sti case vengono impiegati degli ingegneri vero ?
Alcuni non conoscono nemmeno l'ABC della termodinamica e ora sbagliano sulla progettazione .... mi domando dove abbiano preso la laurea, probabilmente in qualche zona rurale della Cina.
al13502 Febbraio 2021, 17:43 #4
bravi ora un bel NZXT H2 con adattatore pciex 4.0 e un alimentatore sfx da almeno 800w e dissipatore aio nzxt di nuova gen.
nickname8802 Febbraio 2021, 17:51 #5
Originariamente inviato da: al135
bravi ora un bel NZXT H2 con adattatore pciex 4.0 e un alimentatore sfx da almeno 800w e dissipatore aio nzxt di nuova gen.
Al posto dell'H2 basterebbe realizzare un H210 con zona microforata sul tetto più ampia che quell' "apertura" da 120mm che c'è ora è imbarazzante e antiestetica.
Questo H1 anche se non andasse a fuoco farebbe ribrezzo comunque a livello di temperature rispetto ad altre soluzioni più tradizionali.
Mantis-8902 Febbraio 2021, 17:56 #6
In pratica il problema è che c'è una pista di alimentazione che passa per il foro della vite..?
WarSide02 Febbraio 2021, 18:27 #7
Originariamente inviato da: Mantis-89
In pratica il problema è che c'è una pista di alimentazione che passa per il foro della vite..?


C'è una linea 12V dello slot PCIEX che passa così vicina al foro che, avvitando per bene una comune vite in metallo, puoi far contatto.

Dato che il case metallico è poi connesso al ground dell'ali, praticamente la vite chiude il circuito con conseguente surriscaldamento ed innesco dell'incendio.
+Benito+03 Febbraio 2021, 17:21 #8
Ma gli ali da pc non hanno nessuna protezione? puoi mettere in corto una linea 12V e lui eroga come niente fosse?
Mantis-8903 Febbraio 2021, 17:29 #9
Originariamente inviato da: +Benito+
Ma gli ali da pc non hanno nessuna protezione? puoi mettere in corto una linea 12V e lui eroga come niente fosse?


Probabilmente il corto fa passare abbastanza corrente da fare danni ma non abbastanza da far andare in protezione l'alimentatore (che comunque è in grado di erogare svariate decine di Amper).
nickname8804 Febbraio 2021, 10:49 #10
Originariamente inviato da: +Benito+
Ma gli ali da pc non hanno nessuna protezione? puoi mettere in corto una linea 12V e lui eroga come niente fosse?

Devono mattere una protezione sulla PSU perchè NZXT non è capace a praticare un ingegneria elementare sui propri prodotti ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^