Philips punta nuovamente sul pubblico degli audiofili esigenti

Philips punta nuovamente sul pubblico degli audiofili esigenti

Philips cerca la strada per tornare ai fasti di un tempo, soprattutto in ambito audio: i nuovi prodotti cercano di unire materiali di qualità e le esigenze dei nuovi utenti legati al mondo dell'mp3 dei cellulari

di pubblicata il , alle 08:35 nel canale Multimedia
Philips
 

Philips è uno di quei marchi che hanno fatto la storia dell'elettronica di consumo, ma che negli anni ha perso alcuni importanti treni, vedendo in parte ridimensionata la sua importanza nel panorama mondiale. Capita spesso che alcuni grandi successi commerciali drenino grandi energie ai colossi dell'elettronica di consumo facendo a volte perdere di vista i progetti sul lungo periodo. Forse è quello che è successo anche a Philips: dopo il successo planetario del CD e gli importanti sviluppi brevettati nel campo dei dischi riscrivibili (anche DVD), oggi che queste tecnologie sembrano avviate sul viale del tramonto (come abbiamo riportato nella notizia che trovate a questo indirizzo) l'azienda olandese sta cercando di ritrovare la sua dimensione.

Dopo aver cercato negli anni scorsi di farsi strada in segmenti nuovi, come ad esempio la telefonia cellulare, ora Philips ha una strategia ben precisa in ambito consumer, fondata su tre pilastri principali: continuare a tenere alto il valore del marchio in ambito televisori, puntare sui prodotti per il benessere personale, tornare a farsi largo nel mondo dei puristi dell'audio. A questo si aggiunge la posizione di rilievo che occupa nel settore Healthcare con una ampia gamma di prodotti dedicati al mondo della Sanità, come macchine per TAC, radiografie e altri apparecchi di analisi medicali.


Benjamin Herman

Tornando all'ambito consumer l'ultima mossa Philips si concentra sul terzo punto della strategia: far tornare il marchio ai fasti di una volta in ambito audio, anche affidandosi ad ambasciatori del calibro di Benjamin Herman, famoso sassofonista jazz. I prodotti della nuova campagna 'Obsessed with Sound' cercano una collocazione di mercato più alta delle classiche soluzioni consumer e puntano su materiali nobili e su design particolari per attirare lo sguardo del pubblico. La filosofia è quella di soddisfare non solo il senso dell'udito, ma anche vista e tatto.


Philips DS9800W

Esemplificativa della nuova filosofia è la docking station Philips DS9800W formata da due grosse casse costruite in legno con tweeter isolati e sospesi: la docking può ospitare iPhone, iPad e iPod ma è dotata anche della tecnologia Apple AirPlay, per riprodurre in streaming via rete Wi-Fi i brani memorizzati sui dispositivi della Mela morsicata. In linea con la filosofia Philips di indirizzarsi a un pubblico elevato anche il prezzo, pari a 799,00 €.


Philips DCD8000

Per i nostalgici dell'impianto Hi-Fi e della sua presenza scenica Philips propone anche alcuni sistemi completi con amplificatore digitale 2 x 80W RMS Classe D, in grado di riprodurre CD, DVD (uscita HDMI con upscaling da 1080p) e file musicali da dispositivi USB. Anche in questo caso il posizionamento resta abbastanza elevato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
devilred25 Maggio 2011, 08:49 #1
sinceramente ma io philips non l'ho mai capita, alcuni anni fa vendeva un cellulare davvero molto bello e funzionale, costava il giusto e aveva anche qualcosa in piu rispetto agli altri, perche non ha continuato su quella strada??? nel mondo hi-fi non e' mai stata un punto di riferimento soprattutto nella fascia hi-end che poi e' quella che conta di piu, perche porta clienti di una certa caratura e con un portafoglio importante ma soprattutto permette a un azienda di farsi il nome e questo conta tantissimo. per quanto riguarda il settore tv niente da dire, ho un 47" full hd, pagato il giusto e offre ottime prestazioni.
windswalker25 Maggio 2011, 09:02 #2
"continuare a tenere alto il valore del marchio in ambito televisori"

Ma come fate a scrivere una cosa del genere? Questa è pura disinformazione!
Il sito avmagazine (con voi gemellato!) ha riportato al massimo 2 settimane fa la notizia che philips ha venduto tutta la sua divisione tv ad un'azienda cinese!
Il marchio rimarrà, ma solo per il momento, visto che philips detiene ancora un 30% (vado a memoria) del valore.
Ma da qui a pochi anni non troveremo più neanche un televisore marchiato philips sul mercato, esattamente come oggi non troviamo più un portatile IBM.

Capisco che il segmento AV non è esattamente il vostro settore, ma la vendita del reparto tv della philips non è certo notizia che passa inosservata...
devilred25 Maggio 2011, 09:07 #3
Originariamente inviato da: windswalker
"continuare a tenere alto il valore del marchio in ambito televisori"

Ma come fate a scrivere una cosa del genere? Questa è pura disinformazione!
Il sito avmagazine (con voi gemellato!) ha riportato al massimo 2 settimane fa la notizia che philips ha venduto tutta la sua divisione tv ad un'azienda cinese!
Il marchio rimarrà, ma solo per il momento, visto che philips detiene ancora un 30% (vado a memoria) del valore.
Ma da qui a pochi anni non troveremo più neanche un televisore marchiato philips sul mercato, esattamente come oggi non troviamo più un portatile IBM.

Capisco che il segmento AV non è esattamente il vostro settore, ma la vendita del reparto tv della philips non è certo notizia che passa inosservata...


quoto al 100%. ma il problema di philips e' che e' molto vasta, il loro business non si basa su tv e hi-fi. sono molto forti nel settore della ricerca e sanitario, secondo me non e' stata una cattiva idea quella di abbandonare almeno in parte il settore tv.
uncletoma25 Maggio 2011, 09:27 #4
Se questa e' audiofilia io sono un frate trappista
W4rfoX25 Maggio 2011, 10:08 #5
Classe D e HI-FI fanno a botte.... cosi' come IPAD/IPOD/IPHONE e/o lettore MP3/AAC in genere come sorgente audio con l'HI-FI c'entrano come i cavoli a merenda.
massidifi25 Maggio 2011, 10:21 #6
Odio le persone che accusano Hwupgrade di fare Markette...
Ma questa è veramente grossa...
Quoto in toto il discorso di "windswalker" e "W4rfoX"...
maumau13825 Maggio 2011, 10:29 #7
Bellissimo, casse in legno megagalattiche, suono Hi-Fi pulitissimo, costo elevatissimo per sentirci cosa? Gli Mp3?
Posso capire un HiFi in cui la dock per iPhone/iPod è una delle tante opzioni, ma avere un bestio del genere solo per iPhone mi sembra ridicolo.
Cionno25 Maggio 2011, 10:33 #8
gloria a technics, harman kardon, B&O, e onkyo
devilred25 Maggio 2011, 10:42 #9
Originariamente inviato da: Cionno
gloria a technics, harman kardon, B&O, e onkyo


ne hai nominata una meglio dell'altra. tutti prodotti economici che non hanno niente in piu di philips, anzi.
mav8825 Maggio 2011, 10:50 #10
Originariamente inviato da: windswalker
"continuare a tenere alto il valore del marchio in ambito televisori"

Ma come fate a scrivere una cosa del genere? Questa è pura disinformazione!
Il sito avmagazine (con voi gemellato!) ha riportato al massimo 2 settimane fa la notizia che philips ha venduto tutta la sua divisione tv ad un'azienda cinese!
Il marchio rimarrà, ma solo per il momento, visto che philips detiene ancora un 30% (vado a memoria) del valore.
Ma da qui a pochi anni non troveremo più neanche un televisore marchiato philips sul mercato, esattamente come oggi non troviamo più un portatile IBM.

Capisco che il segmento AV non è esattamente il vostro settore, ma la vendita del reparto tv della philips non è certo notizia che passa inosservata...


Sbagli: per un paio d'anni Philips rimarrà al 30%, poi i cinesi avranno l'opzione per passare al 100%. In quel momento succederà che i cinesi pagheranno royalties per produrre "tv cinesi" col marchio Philips.
Per quanto riguarda l'audio: Philips fa tanto, ma vende poco soprattutto perchè rifornisce poco!
Quando ho fatto i corsi formativi nella sede Philips, a Monza, ci hanno mostrato prodotti davvero belli, sia audio che tv. peccato poi che negli store (io lavoro in un Saturn, quindi negozio di collocazione medio-alta) non si trovi praticamente nulla! Oppure qualcosa arriva, ma dopo mesi e mesi di ritardo, quando ormai la concorrenza offre di meglio allo stesso prezzo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^