Supercomputer del futuro in un chip grazie ad IBM

Supercomputer del futuro in un chip grazie ad IBM

IBM realizza un modulatore elettro-ottico che permette di integrare numerosi core su un singolo chip. Supercomputer che adesso occupano campi da calcio, potranno essere realizzati nello spazio di un normale notebook

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:00 nel canale Processori
IBM
 

I ricercatori IBM hanno illustrato, tramite una pubblicazione sulla rivista Optic Express, il risultato di una ricerca che consentirà di utilizzare pulsazioni luminose per la trasmissione di dati tra i core di uno stesso chip.

IBM ha potuto realizzare un modulatore elettro ottico al silico di tipo Mach-Zender di dimensioni estremamente ridotte, da 100 a 1000 volte inferiori, rispetto ai modulatori dello stesso tipo attualmente utilizzati.

La possibilità di realizzare modulatori elettro ottici di dimensioni ridottissime permetterà in futuro di poter integrare all'interno di un singolo chip più componenti quali processori e controller di rete ottenendo al contempo una riduzione dei consumi energetici, del calore dissipato, dei costi di produzione e un incremento della larghezza di banda.

Will Green, responsabile del progetto, ha dichiarato: “Questo progetto rappresenta un notevole passo avanti nella creazione di un metodo - per connettere questi core - estremamente pratico ed economico in termini di consumi energetici, mai sperimentato prima.”

Secondo le dichiarazioni di IBM, la nuova tecnologia mira alla creazione di un metodo a bassi consumi che permetta l’interconnnessione di centinaia di migliaia di core su di un chip minuscolo, attraverso l’eliminazione di tutto il cablaggio normalmente necessario in questo tipo di funzione. Utilizzare la luce al posto dei fili per inviare informazioni tra core può aumentare la velocità di trasmissione di 100 volte e ridurre l’energia consumata di 10 volte.

“ Siamo convinti che questo sia un progresso importante nel campo dei dispositivi nanofotonici al silicio su chip” ha aggiunto il Dottor Green. “Proprio come le reti a fibre ottiche hanno favorito la rapida diffusione di Internet, consentendo agli utenti di scambiare quantità enormi di dati ovunque nel mondo, allo stesso modo la tecnologia IBM sta introducendo simili funzionalità nel campo dei chip informatici.

La scoperta di IBM dovrebbe aprire la strada alla realizzazione di sistemi supercomputer nello spazio normalmente occupato da un sistema notebook o desktop tradizionale. Al giorno d'oggi i più moderni supercomputer richiedono spazi di allestimento enormi, e consumi nell'ordine dei megawatt. Grazie a quanto IBM è riuscita a realizzare, sarà possibile realizzare supercomputer che per funzionare richiederanno l'equivalente energetico di una semplice lampadina.

Fonte: IBM

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lanfi07 Dicembre 2007, 10:04 #1
Ok....sono pronto per il mio prossimo pc ad almeno 64 core !
ildenae07 Dicembre 2007, 10:08 #2
mmm non sono d'accordo quando dice che le fibre ottiche hanno favorito lo sviluppo di internet... ma di sicuro è un passaggio interessante, soprattutto perché i principali problemi che gli sviluppatori hardware devono affrontare riguardano proprio l'eccessivo consumo ed il calore che il passaggio dei dati ad alta velocità causa nei pc... non sarebbe brutto un computer che trasmette dati con la luce, ma temo che le dispersioni e la fragilità dei chip saranno enormi, e comunque i prezzi non saranno bassissimi...
CGman07 Dicembre 2007, 10:12 #3
Originariamente inviato da: ildenae
mmm non sono d'accordo quando dice che le fibre ottiche hanno favorito lo sviluppo di internet... ma di sicuro è un passaggio interessante, soprattutto perché i principali problemi che gli sviluppatori hardware devono affrontare riguardano proprio l'eccessivo consumo ed il calore che il passaggio dei dati ad alta velocità causa nei pc... non sarebbe brutto un computer che trasmette dati con la luce, ma temo che le dispersioni e la fragilità dei chip saranno enormi, e comunque i prezzi non saranno bassissimi...


io invece sono daccordissimo..perkè senza quelle che passano sotto l'oceano col bip che avremo stà velocità nella visualizzazione dei siti di tutto il mondo
megawati07 Dicembre 2007, 10:17 #4
Sarebbe utilissima per distribuire il clock all'interno dei singoli core. Adesso, circa il 30% dei transistor di un P4 o di un Athlon serve solo per distribuire il segnale di clock... se si usassero impulsi luminosi per la distribuzione del segnale si potrebbero alzare parecchio le capacità di calcolo (o diminuire il costo i produzione...)
K7-50007 Dicembre 2007, 10:35 #5
Sembra una pubblicitò da Blade Runner... ormai mancano solo le colonie extra-mondo.

Seriamente, ma IBM son aveva tirato fuori dei processroi da 50 a 150 Ghz (come progetto o prototipo)? Per cui questa tecnologia non potrebbe essere essenziale alla realizzazione su larga scala a prezzi ragionevoli di questi chippettini da qualche ghz?
Superboy07 Dicembre 2007, 10:36 #6

x megawati

purtroppo sbagli: è vero che una parte importante della potenza dissipata è spesa nella generazione del segnale di clock, ma ricorda che i transistori vanno caricati, puoi portare in giro il clock in modo ottico, ma serve comunque potenza per caricare tutti i transistori, ed è quella la maggior parte! non certo le dispersioni per il trasporto in se
Mercuri007 Dicembre 2007, 10:51 #7
La scoperta di IBM dovrebbe aprire la strada alla realizzazione di sistemi supercomputer nello spazio normalmente occupato da un sistema notebook o desktop tradizionale.

Un MachZender oltre 100 volte più piccolo è una cosa sensazionale, ma questo dettaglio invece mi sfugge: qui si sta parlando di una tecnologia di interconnessione tra core, non di core più piccoli. Inoltre l'ottica integrata non può scalare più di tanto perché è vincolata dalle lunghezze d'onda della luce (anche se questo del MachZender un pò smentisce - chissà come hanno fatto)
Sarebbe utilissima per distribuire il clock all'interno dei singoli core. Adesso, circa il 30% dei transistor di un P4 o di un Athlon serve solo per distribuire il segnale di clock... se si usassero impulsi luminosi per la distribuzione del segnale si potrebbero alzare parecchio le capacità di calcolo (o diminuire il costo i produzione...)

Il problema è che il clock è un segnale intrinsecamente elettrico, ed andrebbe in qualche modo riconvertito, sempre mantenendo l'informazione di sincronismo nelle varie parti del chip, e per di più "sul fronte" del clock - vai a sapere come si possa trasmettere questa informazione in maniera ottica!

Inoltre non è detto che sostituire quel 30% di transistor con una enorme guida d'onda integrata sia vantaggioso in termini di spazio...
lowenz07 Dicembre 2007, 11:02 #8
Saluteremo le induttanze parassite così
LASCO07 Dicembre 2007, 11:04 #9
e' ormai da diversi anni che alcuni si dedicano alla ricerca di questo tipo di soluzione. la novita' e' che ibm ha trovato una sua soluzione.

P.S. le fibre ottiche, oltre che sotto l'oceano, si trovano anche tra una citta' e l'altra. Il doppino in rame per l'adsl che si trova in citta' prima o poi arriva nei ripetitori e li' finisce ed inizia la fibra. Cosi' succede anche per le telecomunicazioni.
Crux_MM07 Dicembre 2007, 11:14 #10
Ah..non ne capisco molto ma mi pare molto interessante..sapevo di ricerche su questo campo, ma IBM ha trovato una soluzione!Vedremo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^