Snapdragon 1000: fino a 12 W per competere con Intel tramite Windows on ARM

Snapdragon 1000: fino a 12 W per competere con Intel tramite Windows on ARM

Qualcomm sarebbe al lavoro su un nuovo processore dedicato al mondo Windows on ARM: lo Snapdragon 1000, le cui caratteristiche termiche lasciano presagire prestazioni superiori agli attuali chip del produttore

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Processori
QualcommSnapdragon
 

Qualcomm starebbe lavorando a un nuovo processore destinato ai PC con Windows on ARM, le cui caratteristiche gli permetterebbero di rivaleggiare con i processori Intel Core della serie U: lo Snapdragon 1000.

Ciò sarebbe reso possibile dall'aumento del TDP, dagli attuali 6,5 W fino a 12 W. Tale aumento di potenza dissipata sarebbe il segno di maggiori consumi e, pertanto, di frequenze operative maggiori. Tale cambiamento porterebbe lo Snapdragon 1000 a trovarsi nella stessa fascia di consumi dei processori della serie U di Intel, ma dovrebbe riuscire a competere con loro anche dal punto di vista delle prestazioni.

Da notare, però, che il processore di Qualcomm sarebbe ben più piccolo delle controparti Intel: se questi ultimi sono grandi 45 x 24 mm nelle versioni da 15 W, lo Snapdragon 1000 sarebbe grande appena 20 x 15 mm. Alcune fonti riportano, come scrive PocketNow, che questo sarebbe il primo Snapdragon su socket - un cambiamento notevole rispetto al modello attuale e un ulteriore avvicinamento al mondo PC.

Lo Snapdragon 1000 supporterebbe fino a 16 GB di memoria LPDDR4X e due dischi UFS 2.1 da 128 GB ciascuno. Dovrebbe inoltre essere presente un modem 5G.

Una nota significativa riguarda l'impiego di questo processore sui dispositivi. Al momento attuale sembra che ASUS lo stia testando su un dispositivo dal nome in codice "Primus", ma non sarebbe la sola: Qualcomm starebbe infatti cercando ingegneri per adattare il processore (e lo Snapdragon 845) a computer desktop, al nuovo HoloLens e al dispositivo "Andromeda" di Microsoft.

Il debutto del nuovo processore non avverrà prima di qualche mese; è possibile che arrivi in corrispondenza dell'IFA, ma sarà probabilmente lanciato dopo la kermesse berlinese.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto27 Giugno 2018, 09:42 #1

Dimostrazione pratica

Architettura Arm é superiore alla architettura x86 finché le istruzioni in gioco e la mole di calcoli in gioco sono semplici,allo scalare della complessità mica é tanto più efficiente della controparte,a sto punto era meglio rispolverare MIPS che a livello di efficienza,anche nello scalare,si è dimostrata migliore di Arm e l'unica in grado di impensierire l'architettura x86,idem per la architettura Power
nickname8827 Giugno 2018, 10:01 #2
Poveretti
Ma su desktop e workstation non s'ha da fare ....
csavoi27 Giugno 2018, 10:02 #3

E' il software che comanda

Tutto dipende dal supporto software della nuova architettura.
Anche se MIPS e POWER hanno le carte più che in regola per essere più performanti delle soluzioni X86 e ARM, lato software sono carenti e quindi non ci si investirà mai sopra.

Viceversa ARM può contare sull'enorme sviluppo e diffusione dei software sui telefonini Android che, con ogni probabilità, potrebbero essere portati su ARM/Windows con più semplicità.

Cmq, spezzare il monopolio X86 può fare bene purchè ARM sia veramente competitiva, per attrarre nuovi sviluppatori e nuovi OEM deve avere un vantaggio del 30%-40% su INTEL/AMD in generale (ossia più prestazioni e minor costi progettuali e di silicio)
Yrbaf27 Giugno 2018, 11:05 #4
Adesso si usa ARM64 e tale ISA diversamente da ARM32 è molto Mips-like.
LMCH27 Giugno 2018, 12:19 #5
Originariamente inviato da: supertigrotto
Architettura Arm é superiore alla architettura x86 finché le istruzioni in gioco e la mole di calcoli in gioco sono semplici,allo scalare della complessità mica é tanto più efficiente della controparte,a sto punto era meglio rispolverare MIPS che a livello di efficienza,anche nello scalare,si è dimostrata migliore di Arm e l'unica in grado di impensierire l'architettura x86,idem per la architettura Power

Come ha detto pure @Yrbaf l'architettura ARM64 (ARMv8 e successive evoluzioni) non a caso è molto simile a quella delle cpu MIPS ed (aggiungo io) a quella delle cpu Alpha di DEC (il top a livello di cpu a 64bit in termini di prestazioni per anni ed anni fintantoché DEC ha continuato ad investirci sopra una frazione di quello che spendeva Intel nello sviluppo degli x86).

Notare anche che qui si parla di un SoC che consuma max 12W con un area che è circa 1/4 di un core i5 U da 15W.
Se ottiene prestazioni decenti già così, a parità di area e di consumi di core+cache sono prevedibili caXXi amari per Intel.

Praticamente a quel punto la sopravvivenza di Intel dipenderebbe esclusivamente dalla retrocompatibilità con le vecchie applicazioni win32 e .Net che per un motivo o l'altro possono girare solo su cpu x86.
Non è un bel scenario considerando che Microsoft stessa sta spingendo il più possibile su UWP e verso l'abbandono di win32.
imayoda27 Giugno 2018, 12:49 #6
un altro processore per refreshare facebook,
ci sarà da ridere quando e se si passerà ad arm per programmi della suite adobe, autodesk etc.
tuttodigitale27 Giugno 2018, 16:30 #7
Originariamente inviato da: LMCH
Notare anche che qui si parla di un SoC che consuma max 12W con un area che è circa 1/4 di un core i5 U da 15W.


le dimensioni di 45x24mm si riferiscono al package di Cannon Lake che contiene oltre la CPU/GPU anche il chipset.
Le mggiori dimensioni del package sono dovute alla necessità di avere un numero molto alto di pin per la maggior dotazione di risorse, basti pensare alla possibilità di avere una GPU discreta.
Grazie tante se il package è più piccolo....

le dimensioni del die di uno snapdragon 835 è di 73,5mmq poco più di quello di CL (71mmq), e poco meno di quello skylake (82mmq).
Ci vuole un miracolo per ridurre le dimensioni a meno di 20mmq....
LMCH27 Giugno 2018, 23:29 #8
Originariamente inviato da: tuttodigitale
le dimensioni di 45x24mm si riferiscono al package di Cannon Lake che contiene oltre la CPU/GPU anche il chipset.
Le mggiori dimensioni del package sono dovute alla necessità di avere un numero molto alto di pin per la maggior dotazione di risorse, basti pensare alla possibilità di avere una GPU discreta.
Grazie tante se il package è più piccolo....

le dimensioni del die di uno snapdragon 835 è di 73,5mmq poco più di quello di CL (71mmq), e poco meno di quello skylake (82mmq).
Ci vuole un miracolo per ridurre le dimensioni a meno di 20mmq....


Capisco. Nell'articolo la cosa non era chiara.
Resta comunque un chippetto a cui Intel può solo contrapporre la retrocompatibilità con il software x86 legacy.
s-y28 Giugno 2018, 06:57 #9
non sono aggiornato, e non è strettamente a tema, anche se decisamente collegato
come lo stato dell'arte riguardo alla questione della 'emulazione' delle chiamate x86 tramite arm e relativa 'dichiarazione di guerra' legale da parte di intel?
cdimauro28 Giugno 2018, 07:04 #10
Originariamente inviato da: LMCH
Capisco. Nell'articolo la cosa non era chiara.
Resta comunque un chippetto a cui Intel può solo contrapporre la retrocompatibilità con il software x86 legacy.

Ma anche no: vedi le prestazioni. x86/x64 hanno ottime prestazioni in single core/thread, nonostante siano un'architettura CISC abbastanza complicata (ARMv8/ARM64 ha il vantaggio di essere stata completamente riprogettata).

Questo perché un'architettura CISC (come quella) ha comunque la possibilità di poter eseguire più "lavoro utile". Ad esempio è il motivo per cui i primissimi Atom, nonostante fossero in-order (a 2 vie), arrivavano a competere coi Cortex-A15, che erano out-of-order a 3 vie, pur con un processo produttivo penoso (e consumavano pure molto meno).

Inoltre x86/x64 hanno unità SIMD più potenti rispetto a qualunque ARM (attuale; almeno finché non arriverà la nuova unità vettoriale che ARM ha presentato un paio d'anni fa, ma dovremo vedere come si comporterà sul campo), e CannonLake poi si porta dietro la nuovissima AVX-512, che è un autentico gioiello (oltre a consumare un sacco di spazio su chip, coi suoi 32 registri a 512 bit, e annesse unità di calcolo a 512 bit. Ecco perché c'è tutta quella differenza di dimensione).

Checché se ne dica, x86/x64 possono ancora dire la loro.

/OT

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^