Core eterogenei per le cpu x86 Montalvo

Core eterogenei per le cpu x86 Montalvo

Emergono i primi dettagli tecnici sulla cpu x86 destinata ai sistemi ultra portabile che Montalvo Systems sta sviluppando

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 13:53 nel canale Processori
 

Con questa notizia abbiamo segnalato, nei giorni scorsi, l'emergere di un nuovo progetto per un processore x86 destinato specificamente all'utilizzo in sistemi nei quali le dimensioni ridotte e il consumo contenuto sono requisiti preferenziali. L'azienda alla base di questo progetto è Montalvo Systems, nuova startup creata recentemente nella Silicon Valley

Dal sito news.com emergono nuove informazioni su quelle che potrebbero essere le caratteristiche architetturali di queste nuove cpu sviluppate da Montalvo. Il design prevederebbe differenti core non omogenei, come implementati da Intel e da AMD nei propri design di processori x86, ma eterogenei, cioè differenti tra di loro.

Un design di questo tipo può ricordare quello scelto per le cpu Cell BE, sviluppate da IBM, Toshiba e Sony e adottate sia nelle console Playstation 3 di Sony che in differenti sistemi destinati al calcolo parallelo.

Questo approccio, stando a quanto anticipato dai tecnici di Montalvo, permetterebbe di gestire al meglio il consumo di funzionamento del processore a seconda del tipo di potenza elaborativa richiesta dall'applicazione istante per istante. Saranno ovviamente implementate tecnologie di risparmio energetico particolarmente avanzate, grazie alle quali i transistor dei vari core eterogeneri potranno venir spenti per la maggior parte nel momento in cui non ne verrà richiesta la capacità elaborativa.

Un approccio di questo tipo, del resto, sembra verrà adottato anche da AMD con le proprie soluzioni Fusion, attese al debutto nel corso dei prossimi anni. Anche in questo caso verranno abinate differenti architetture eterogenee, che opereranno come specifici acceleratori destinati a particolari compiti elaborativi.

Lo sviluppo di processori a basso consumo per sistemi mobile è un tema molto sentito da vari produttori. Centaur Technology ha recentemente anticipato le caratteristiche architetturali delle proprie cpu Isaiah, attese al debutto nel corso della seconda metà dell'anno e attese. Con quest'altra notizia abbiamo evidenziato alcune delle caratteristiche architetturali di Silverthorne, famiglia di processori Intel che riporterà la tecnologia HyperThreading in prodotti dell'azienda americana specificamente destinati al segmento ultra portabile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor20 Febbraio 2008, 14:18 #1
E' un approccio interessante! Un po' quello che fa (o farà ) la soluzione di AMD (non ricordo come si chiama ) che accede alla scheda video o al chip video integrato in funzione di quella che è la potenza richiesta!
marchigiano20 Febbraio 2008, 14:42 #2
si chiama fusion come scritto nell'articolo
Paganetor20 Febbraio 2008, 14:58 #3
mi sa che ho letto troppo in fretta e ho saltato il paragrafo
The dark Vash20 Febbraio 2008, 15:08 #4
cosa fa la fretta di postare...
Paganetor20 Febbraio 2008, 15:17 #5
meno male che ci sei tu a illuminarci con i tuoi post!
jappilas20 Febbraio 2008, 15:26 #6
Un design di questo tipo può ricordare quello scelto per le cpu Cell BE, sviluppate da IBM, Toshiba e Sony e adottate sia nelle console Playstation 3 di Sony che in differenti sistemi destinati al calcolo parallelo.
con una differenza sostanziale:
nel Cell la PPU e le SPE sono unità diverse come funzione e struttura
in un processore come quello oggetto della news i core sono eterogenei come livello di complessità architetturale e livello prestazionale (proprio per ridurre i consumi migrando le applicazioni meno impegnative , o in idle, sui core meno performanti ) ma proprio per questo paritetici nella compatibilità con le applicazioni che dovranno girare indifferentemente


EDIT: The dark Vash, Paganetor - per favore, evitiamo i battibecchi
eTomm20 Febbraio 2008, 15:36 #7
In realtà per core asimmetrici potrebbero intendere semplicemente che alcuni CORE non avranno implementate in hardware alcune feature, ma come per le tecnologie transmeta saranno implementate da uno strato software (già interno alla CPU).

Sarebbe un'idea.

Per esempio il core poco performante potrebbe non avere una FPU hardware o le istruzioni MMX e/o SSE.

Appena il numero di chiamate a tali istruzioni divenisse troppo elevato potrebbe riattivare il core perfomante che le elaborano in hardware.

Non sarebbe male probabilmente.
Superboy20 Febbraio 2008, 17:43 #8
x eTomm
Non vedo sensata la tua soluzione... Perchè fare un core castrato? a che serve? Tantovale lasciarlo performante e spegnere come gia accade le unità interne non funzionanti.

In realtà credo che la direzione sia un'altra, ovvero integrare core specifici per talune applicazioni, mi vengono in mente calcolo crittografico, geometrico, parallelo, grafico, accelerazione video etc..
eta_beta20 Febbraio 2008, 18:16 #9
ogni core avrà una specializzazione
uno per la grafica vettoriale,
uno per il 3d
uno per calcoli matematici
uno per il video etc
e un core per coordinare tutti gli altri
cosi si massimizza efficienza termica ma si sfrutta poco il processore
mi sembra di rivedere una situazione simile tra risc a cisc


Michelangelo_C20 Febbraio 2008, 20:03 #10
Si penso e spero vivamente sia come detto da eta_beta, in pratica non è altro che l'evoluzione di system-on-a-chip. Questo va a tutto vantaggio soprattutto delle dimensioni, ma anche del consumo visto che le interconnessioni sono limitate all'interno di un unico chip.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^