Confluiscono in una joint venture le fabbriche AMD per test e assemblaggio dei chip

Confluiscono in una joint venture le fabbriche AMD per test e assemblaggio dei chip

L'operazione permetterà ad AMD di continuare l'operazione di refocus verso sviluppo e progettazione, rimuovendo tutto quello che è legato alla capacità produttiva, oltre a incassare denaro utile per investimenti

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:41 nel canale Processori
AMDGlobalfoundriesNVIDIA
 

Assieme ai risultati finanziari per il terzo trimestre 2015, che abbiamo riportato in questa notizia, AMD ha annunciato di aver iniziato una joint venture con Nantong Fujitsu Microelectronics (NFME) grazie alla quale spostato le proprie attività di assembly, test, mark e pack dei prodotti all'esterno dell'azienda. Si tratta delle attività legate alla gestione, al test e al packaging dei chip una volta che questi sono stati prodotti dalla fonderia e devono essere montati a formare un prodotto pronto per l'installazione sulla scheda madre, o il montaggio su una scheda video.

La nuova joint venture vede AMD partecipare al 15%, con l'85% detenuto da Nantong Fujitsu Microelectronics: AMD conferisce due proprie sedi di Penang, Malesia e Suzhou, Cina, assieme ai circa 1.700 dipendenti a queste associati. In cambio AMD riceverà da Nantong Fujitsu Microelectronics un pagamento di 371 milioni di dollari.

L'accordo verrà perfezionato e sottoposto alle tradizionali operazioni di verifica da parte degli organismi di controllo, così da poter venir concluso definitivamente nel corso della prima metà del 2016. Nel comunicato stampa AMD ha chiaramente indicato che questa nuova joint venture non implica riduzioni della forza lavoro nelle due sedi produttive in Cina e Malesia.

L'annuncio di questa nuova joint venture può essere visto come una onda lunga dell'accordo sottoscritto vari anni fa con GlobalFoundries, che ha visto AMD abbandonare un modello produttivo interno per spostare tutta la propria capacità produttiva in un'azienda esterna della quale ha detenuto una quota di proprietà che nel corso degli anni è stata progressivamente ridotta e liquidata.

In questo modo AMD si assicura una nuova disponibilità finanziaria utile a supportare lo sviluppo dei futuri nuovi prodotti, allo stesso tempo non dovendo più far fronte alle necessità di due proprie sedi produttive che rischiano di diventare un costo elevato da sostenere in quei periodi nei quali la produzione di chip non sia elevata come da previsioni.

E nel complesso questa manovra, che crediamo porterà AMD ad uscire dalla joint venture nel corso dei prossimi anni così come avvenuto per GlobalFoundries, altro non è che un passaggio naturale nel processo di evoluzione di AMD. Questa azienda è sempre più orientata, e così deve essere del resto in questo scenario di mercato, verso una struttura snella che le permetta di impegnarsi nello sviluppo e della progettazione di nuovi prodotti la cui costruzione sarà delegata a partner esterni. Di fatto, volendo prendere un'azienda vicina ad AMD per ambiti e prodotti, lo stesso modello utilizzato da NVIDIA.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vash8816 Ottobre 2015, 10:01 #1
Fra un po' uscirà una notizia su come in AMD si siano venduti pure le scrivanie per essere più snelli, veloci e rapidi nel prendere le decisioni lavorando in piedi speriamo bene!
GTKM16 Ottobre 2015, 10:12 #2
Originariamente inviato da: Vash88
Fra un po' uscirà una notizia su come in AMD si siano venduti pure le scrivanie per essere più snelli, veloci e rapidi nel prendere le decisioni lavorando in piedi speriamo bene!


Ma preparare le slides in piedi non è così comodo, secondo me.
bobafetthotmail16 Ottobre 2015, 10:19 #3
Originariamente inviato da: Vash88
Fra un po' uscirà una notizia su come in AMD si siano venduti pure le scrivanie per essere più snelli, veloci e rapidi nel prendere le decisioni lavorando in piedi speriamo bene!
dall'articolo
Di fatto, volendo prendere un'azienda vicina ad AMD per ambiti e prodotti, lo stesso modello utilizzato da NVIDIA.
*aLe16 Ottobre 2015, 10:26 #4
Originariamente inviato da: GTKM
Ma preparare le slides in piedi non è così comodo, secondo me.
Dotiamoli tutti di Windows Phone, così lo possono fare comodamente sul divano davanti alla TV.
Dix 316 Ottobre 2015, 10:33 #5
Purtroppo secondo me c'è poco da ridere...

Se qui AMD non riesce a sfangarla, ( spero in una fusione con gigant come samsung, IBM o simile), la situazione per i diritti x86 si fa brutta..

In particolar modo per noi Consumatori..

Basta vedere gli ultimi aggiornamenti di Intel.. Con il contagoccie non avendo competitor.

E il grande problema di AMD sono le fab, non avendone di proprie è troppo indietro..

Ho paura che questa mossa è il preludio di un smembramento pezzo per pezzo.
Spero che non sia cosi.
AlexSwitch16 Ottobre 2015, 10:34 #6
Originariamente inviato da: bobafetthotmail
dall'articolo
Di fatto, volendo prendere un'azienda vicina ad AMD per ambiti e prodotti, lo stesso modello utilizzato da NVIDIA.


Con la differenza, non piccola, che nVidia è nata e cresciuta con quel modello di business e struttura di costi, AMD no!!

I proventi che AMD incasserà da questa operazione saranno sufficienti si e no a ripianare le perdite del 2015... Si è quindi garantita il tempo sufficiente di far arrivare sul mercato ( tardo 2016 ) le nuove CPU/APU Zen e le nuove GPU. Ma se il declino dovesse continuare per AMD non c'è più speranza....

In un altra ottica di scenario questa operazione può essere vista come ulteriore tassello per una probabile acquisizione... E' una esternalizzazione dei costi incomprimibili, rendendo i prossimi bilanci più leggeri.
macellatore16 Ottobre 2015, 10:35 #7
Bene cosi', continuano a liberarsi dei pezzi che non interessano al futuro acquirente dell'azienda.
calabar16 Ottobre 2015, 11:13 #8
Originariamente inviato da: macellatore
Bene cosi', continuano a liberarsi dei pezzi che non interessano al futuro acquirente dell'azienda.

Che ovviamente una volta acquisita punterà alla competizione diretta con Intel in un mercato già difficile e saturo e farà felice tutti i clienti consumer di CPU.
Oppure no, dovremo dare addio ad AMD come la conosciamo, vedendola relegata a settori di nicchia e utilizzata per brevetti e know how sul mobile o altri settori remunerativi.

"Fate attenzione a quello che desiderate", perchè il risultato potrebbe essere molto differente da quello che molti si aspettano.
macellatore16 Ottobre 2015, 11:14 #9
Originariamente inviato da: calabar
"Fate attenzione a quello che desiderate", perchè il risultato potrebbe essere molto differente da quello che molti si aspettano.


Pero' non puo' essere una situazione peggiore dell'attuale,
dove la concorrenza è ZERO.
bobafetthotmail16 Ottobre 2015, 11:25 #10
Originariamente inviato da: macellatore
Pero' non puo' essere una situazione peggiore dell'attuale,
quanta sfiga che porta dirlo....

dove la concorrenza è ZERO.
Può azzerarsi anche sulle GPU, e fare danni anche a MS se li comprano (tipo nokia).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^