Atteso sino a un +15% nelle prestazioni con le CPU Intel Core di ottava generazione

Atteso sino a un +15% nelle prestazioni con le CPU Intel Core di ottava generazione

Intel anticipa il debutto di processori Core di ottava generazione nella seconda metà del 2017, ancora una volta però basati su tecnologia produttiva a 14 nanometri

di pubblicata il , alle 11:31 nel canale Processori
IntelCoreSkylakeKaby Lake
 

E' la stessa Intel, nel corso di un meeting con i propri investitori, ad anticipare di attendersi un incremento delle prestazioni marcato con la prossima generazione di processori della famiglia Core, quella che internamente è identificata come la ottava.

I processori saranno identificati come appartenenti alla serie 8000 e presenteranno le usuali declinazioni tra Core i3, Core i5 e Core i7 con frequenze di clock, numero di core e altre caratteristiche tecniche che varieranno di conseguenza.

intel_14nm_roadmap_8gen.jpg (58821 bytes)

Per i processori Core di ottava generazione Intel utilizzerà una nuova evoluzione della tecnologia produttiva a 14 nanometri, grazie alla quale sarà ottenuto un incremento delle prestazioni sino al 15%. Intel fornisce questa stima con riferimento ai risultati del benchmark SysMark 2014 v1.5, indicando lo stesso margine di incremento ottenuto nel passaggio da CPU Core di sesta generazione a quelle di settima generazione.

Ricordiamo come i processori Core della serie Skylake, sesta generazione, differiscano da quelli Kaby Lake, settima generazione, in misura marginale per la componente architetturale. I vantaggi prestazionali ottenuti da Intel sono legati all'aumento nelle frequenze di clock di questi processori, responsabile in alcuni modelli di quel +15% che Intel indica.

Possiamo quindi ipotizzare, stante l'invarianza della tecnologia produttiva adottata, che Intel possa ottenere nel passaggio alle CPU Core di ottava generazione un boost di simile portata grazie ad alcuni affinamenti architetturali e a un incremento nelle frequenze di clock complessive.

Dobbiamo segnalare come questi processori non saranno basati su architettura Cannonlake, in quanto quest'ultima utilizzerà processo produttivo a 10 nanometri. Il debutto delle CPU Cannonlake è previsto per la seconda metà del 2017 nelle declinazioni mobile, con un passaggio verso le proposte desktop nel corso del 2018: resta a questo punto da capire quale tipo di architettura, se non una Kaby Lake ottimizzata ulteriormente, Intel utilizzerà per questi processori Core di ottava generazione attesi nella seconda metà del 2017.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

62 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tony7310 Febbraio 2017, 11:39 #1

Domanda

Era proprio necessario un cambio di socket con un 15% teorico di prestazioni in più? Ovviamente non mi riferisco al lato speculativo, ma a livello tecnico.
CrapaDiLegno10 Febbraio 2017, 11:43 #2
Il rimpasto, del rimpasto di ciò che era precedentemente già rimpastato.
Ormai è ovvio che Intel sta sguazzando nel ritardo della concorrenza.
Che si spera finalmente le dia un po' di pressione con questo Zen di cui si parla da almeno un eone.

Il problema reale però è uno solo: davvero Intel non ha idee su come migliorare le prestazioni x86 (tranne che per AVX e per frequenze sempre più alte) o sta tenendo la futura reale architettura post Core2 nascosta in qualche cassetto?
greyhound310 Febbraio 2017, 11:55 #3
Originariamente inviato da: tony73
Era proprio necessario un cambio di socket con un 15% teorico di prestazioni in più? Ovviamente non mi riferisco al lato speculativo, ma a livello tecnico.


direi di no...
alla fine se per lo cé statu un aumento del 15% tra la sesta e la settima generazione quando in realtá é stato solo del 5% non c'é da aspettarsi molto dal +15% dell ottava
gridracedriver10 Febbraio 2017, 12:00 #4
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Il rimpasto, del rimpasto di ciò che era precedentemente già rimpastato.
Ormai è ovvio che Intel sta sguazzando nel ritardo della concorrenza.
Che si spera finalmente le dia un po' di pressione con questo Zen di cui si parla da almeno un eone.

Il problema reale però è uno solo: davvero Intel non ha idee su come migliorare le prestazioni x86 (tranne che per AVX e per frequenze sempre più alte) o sta tenendo la futura reale architettura post Core2 nascosta in qualche cassetto?


si come no, si sbattono a fare (cioè cash in R&D, mica patatine) una architettura con miglioramenti reali e la tengono nel cassetto secondo te?
sintopatataelettronica10 Febbraio 2017, 12:06 #5
Originariamente inviato da: gridracedriver
si come no, si sbattono a fare (cioè cash in R&D, mica patatine) una architettura con miglioramenti reali e la tengono nel cassetto secondo te?


Non so, ovvio che si tratti di speculazione.. ma magari, visti gli utili che fanno (con roba "obsoleta" dal punto di vista tecnico, se così fosse) potrebbero permetterselo, data anche l'assenza di concorrenza.

E potrebbero aver rallentato, proprio, l'investimento attuale in R&D, grazie a questo (avendo la prossima architettura già bella che pronta).
Tanto gli utili li stanno macinando di continuo ugualmente.

Logico non all'infinito.. ma ricordiamoci che il periodo con cambio più veloce di architetture è avvenuto - penso non casualmente - nell'epoca d'oro di AMD.
Veradun10 Febbraio 2017, 12:07 #6
Aspetto commenti fantasiosi circa la freccia di sinistra.

Riassuntino preso da qui: http://www.hwupgrade.it/articoli/cp...pc-desktop.html

Calcolo: +7%
Multimedia: +7%
Giochi: +0%

Originariamente inviato da: sintopatataelettronica
Non so, ovvio che si tratti di speculazione.. ma magari, visti gli utili che fanno (con roba "obsoleta" dal punto di vista tecnico, se così fosse) potrebbero permetterselo, data anche l'assenza di concorrenza.

E potrebbero aver rallentato, proprio, l'investimento attuale in R&D, grazie a questo (avendo la prossima architettura già bella che pronta).
Tanto gli utili li stanno macinando di continuo ugualmente.

Logico non all'infinito.. ma ricordiamoci che il periodo con cambio più veloce di architetture è avvenuto - penso non casualmente - nell'epoca d'oro di AMD.


Quella dell'architettura nel cassetto è una leggenda che si tramanda sui forum che non ha nessuna possibilità di essere vera. Lo sviluppo di un'architettura richiede anni ed è quindi già di per sé un salto nel buio (anche per intel), dal punto di vista commerciale, perché le esigenze cambiano, e tenerle nel cassetto per qualche anno in più sarebbe un suicidio finanziario. Tanto più che anche sulla strategia non avrebbe senso: se avesse un'architettura veramente da salto in avanti (leap ahead? ) l'avrebbe già tirata fuori, per uccidere definitivamente un concorrente che a quanto pare proprio ora sembra potersi riavvicinare molto. E invece gli dai spazio per un ritorno? Mai nella vita.
D4N!3L310 Febbraio 2017, 12:11 #7
Per le prestazioni nei giochi ormai è veramente inutile considerare questi cambi di processore, al massimo si cambia ogni 4 o 5 generazioni.

Quello che mi interessa sono le prestazioni nel calcolo.

Ma della prossima fascia E non si sa nulla?
Marko#8810 Febbraio 2017, 12:14 #8
Originariamente inviato da: gridracedriver
si come no, si sbattono a fare (cioè cash in R&D, mica patatine) una architettura con miglioramenti reali e la tengono nel cassetto secondo te?


Certo, non sarebbe assurdo vista l'attuale situazione di mercato.
O pensi che tutto quello che le aziende progettano esca appena pronto anche se non ce n'è bisogno?
coschizza10 Febbraio 2017, 12:18 #9
Originariamente inviato da: gridracedriver
si come no, si sbattono a fare (cioè cash in R&D, mica patatine) una architettura con miglioramenti reali e la tengono nel cassetto secondo te?


è quello che fanno normalmente tutte le grandi aziende per mantenere lo share, se non hai concorrenti mettere in campo una nuova tecnologia ti fa solo perdere soldi, quindi la sviluppi e la usi quando è il momento giusto.
gridracedriver10 Febbraio 2017, 12:19 #10
Originariamente inviato da: Veradun
Aspetto commenti fantasiosi circa la freccia di sinistra.

Riassuntino preso da qui: http://www.hwupgrade.it/articoli/cp...pc-desktop.html

Calcolo: +7%
Multimedia: +7%
Giochi: +0%


7+7+0= 14%, è matematica

articolo"responsabile in alcuni modelli di quel +15% che Intel indica."


ma quali?

Originariamente inviato da: Veradun
Quella dell'architettura nel cassetto è una leggenda che si tramanda sui forum che non ha nessuna possibilità di essere vera. Lo sviluppo di un'architettura richiede anni ed è quindi già di per sé un salto nel buio (anche per intel), dal punto di vista commerciale, perché le esigenze cambiano, e tenerle nel cassetto per qualche anno in più sarebbe un suicidio finanziario. Tanto più che anche sulla strategia non avrebbe senso: se avesse un'architettura veramente da salto in avanti (leap ahead? ) l'avrebbe già tirata fuori, per uccidere definitivamente un concorrente che a quanto pare proprio ora sembra potersi riavvicinare molto. E invece gli dai spazio per un ritorno? Mai nella vita.


il bello è che lo pensano in tanti... mettersi a sprecare risorse a 360° per poi non averne un ritorno

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^