iOS 14 sta circolando online da mesi: ecco tutto quello che sappiamo oggi

iOS 14 sta circolando online da mesi: ecco tutto quello che sappiamo oggi

Il sistema operativo mobile di Apple dovrebbe debuttare nell'ultima parte dell'anno, tuttavia una versione embrionale è già trapelata online da inizio 2020. È la prima volta che avviene un leak di questa portata in casa Apple

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Apple
AppleiOS
 

Pare che una versione embrionale di iOS 14 stia circolando su internet dal mese di febbraio, a mesi dall'annuncio ufficiale e dal lancio al pubblico. Nella fattispecie ricercatori di sicurezza, hacker e blogger hanno avuto accesso a una versione del sistema operativo pensata per essere interna, secondo quanto riportato da Vice, ed è proprio da questa versione che diverse fonti avrebbero appreso alcune novità non solo di iOS 14, ma anche dei piani di Apple da qui a fine anno.

È comune che piccole notizie sugli aggiornamenti del software Apple trapelino online nei mesi o nelle settimane prima che l'azienda tenga la presentazione ufficiale, ma è decisamente insolito che un'intera versione pre-release di un software finisca sul web a mesi dall'annuncio. È la prima volta che accade un "leak" di questa portata, secondo la fonte, considerando non solo la mole dei dati trafugati dai sistemi interni, ma anche l'anticipo rispetto al lancio ufficiale.

Diverse funzionalità di iOS 14 sono così note in anticipo rispetto ai piani dell'azienda: ad esempio la presenza di una nuova API, PencilKit, specifica per la penna capacitiva supportata da alcuni prodotti, aggiornamenti al servizio di messaggistica interno, Messaggi, una nuova schermata Home, la possibilità di testare app di terze parti attraverso la scansione di un codice QR, una revisione del portachiavi iCloud e altro ancora.

I leak di iOS 14 potrebbero portare, però, ad informazioni fuorvianti. Non è raro che un'azienda provi delle funzionalità che poi non verranno mai implementate su un sistema operativo e, in questo caso specifico, il rilascio di alcune funzionalità potrebbe essere bloccato proprio dal leak avvenuto con grande anticipo. Di norma Apple condivide le versioni embrionali del proprio sistema operativo in seguito al lancio durante la WWDC, che quest'anno avverrà il 22 Giugno solo online.

"Ormai alla sua trentunesima edizione, WWDC20 sarà un'opportunità per milioni di sviluppatori, creativi e innovatori in ​​tutto il mondo di ottenere un accesso anticipato al futuro di iOS, iPadOS, macOS, tvOS e watchOS", ha dichiarato la società di recente all'interno di una nota stampa. Il 22 Giugno, o qualche giorno più tardi, dovremmo vedere quindi le prime build d'anteprima del sistema operativo mobile di Cupertino, che è atteso al debutto per la prossima stagione autunnale.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^