Apple riconquista la fiducia degli utenti professional

Apple riconquista la fiducia degli utenti professional

La compagnia della Mela morsicata aggiorna le linee PowerBook e Power Mac, quest'ultima con processori dual-core. Presentato anche un nuovo applicativo per fotoritocco

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:43 nel canale Apple
Apple
 

Lo scenario del PhotoPlus Expo di NewYork ha rappresentato l'occasione per Apple Computer di annunciare al pubblico i nuovi prodotti del settore professional. In questo caso sono state rispettate le previsioni dei giorni passati: la compagnia di Cupertino ha presentato un aggiornamento delle linee di portatili PowerBook e delle linee desktop PowerMac e ha poi annunciato un applicativo professionale per l'editing di fotografie in formato RAW, Aperture. Ma procediamo con ordine.

Power Mac

La nuova linea di sistemi PowerMac vede finalmente l'introduzione, per il sistema top di gamma, del tanto agognato sistema dual-processor con CPU dual-core, per un totale di quattro core operativi in una singola macchina: si tratta di Power Mac G5 Quad, equipaggiato con due processori PPC 970MP (presentati in Giappone lo scorso luglio). Tali processori sono disponibili anche sui modelli di fascia media ed entry level, entrambe monoprocessore. Assieme a questa principale novità, i nuovi Power Mac vedono l'introduzione, come già avvenuto con il nuovo iMac presentato la scorsa settimana, di architettura PCI Express e di memoria di tipo DDR2.

“Il Power Mac G5 Quad fornisce le prestazioni da workstation richieste dai nostri clienti che lavorano nell’ambito della creatività e della ricerca,” ha affermato Philip Schiller, senior vice president Worldwide Product Marketing di Apple. “Grazie all’elaborazione quad-core, alla nuova architettura PCI Express, e alla scheda grafica per workstation più veloce di NVIDIA, il nuovo Power Mac G5 Quad rappresenta il sistema più potente che abbiamo mai creato.”

Tre sono i modelli disponibili al pubblico, tutti con una vasta gamma di opzioni BTO tra le quali la nuova scheda video GeForce Quadro FX 4500. Partiamo dal modello entry-level, il Power Mac Dual 2GHz. Si tratta di un sistema dotato di processore PowerPC dual-core a 2GHz di frequenza operativa e con 512MB di memoria DDR2 533MHz. L'unità di storage montata su questo sistema è un disco Serial ATA da 160GB di capienza e con velocità di rotazione di 7200RPM, mentre l'unità ottica è un dispositivo SuperDrive 16x con supporto double layer. Il sottosistema video è gestito dalla scheda GeForce 6600 LE con 128MB di memoria GDDR. Il prezzo è di 2079 Euro

Il modello di fascia media, Power Mac G5 Dual 2,3GHz monta, a differenza del modello sopra descritto, un processore PowerPC dual-core a 2,3GHz di frequenza operativa, un disco Serial ATA da 250GB e 7200RPM e scheda video GeForce 6600 con 256MB di memoria GDDR. Tutte le altre caratteristiche restano invariate rispetto al modello Power Mac Dual 2GHz. Il sistema è commercializzato ad un prezzo di 2599 Euro.

Decisamente interessante il modello di punta, il Power Mac G5 Quad 2,5GHz che, come detto in precedenza, monta due processori Power PC dual-core, ognuno a 2,5GHz di frequenza operativa. L'hard disk è una unità Serial ATA da 250GB e 7200RPM, mentre le altre caratteristiche restano invariate rispetto al modello di fascia media. Il nuovo Power Mac G5 Quad viene proposto ad un prezzo di 3419 Euro.

I processori di tutti i nuovi sistemi Power Mac sono dotati di un quantitativo di cache di secondo livello di 1MB, mentre la frequenza di frontside bus è la meta di quella del rispettivo processore: il modello Dual 2GH ha una frequenza di bus di 1GHz, il modello Dual 2,3GHz ha una frequenza di bus di 1,15GHz, mentre il modello Quad 2,5GHz ha una frequenza operativa di 1,25GHz. Tutti i sistemi, inoltre, supportano un quantitativo massimo di 16GB di memoria DDR2. Tra le caratteristiche comuni a tutti i sistemi si segnalano le due porte Gigabit Ethernet, la porta FireWire 800 e le due porte FireWire 400, quattro porte USB 2.0 e due porte USB 1.1, tastiera Apple Keyboard e Mighty Mouse.

Le opzioni Build-to-order includono fino a 16GB di DDR2 SDRAM NECC o ECC, fino a due hard disk Serial ATA 7200 rpm da 500 GB, scheda NVIDIA GeForce 7800 GT con 256MB di GDDR3 SDRAM, scheda grafica NVIDIA Quadro FX 4500 con 512MB di GDDR3 SDRAM, AirPort Extreme e modulo Bluetooth, Mouse e tastiera wireless Apple, Xserve RAID e scheda Apple Fibre Channel PCI Express.

I nuovi Power Mac sono ordinabili già da ora presso Apple Store e saranno in consegna entro la prima settimana di Novembre.

PowerBook

Atteso da moltissimi, Apple presenta anche l'aggiornamento della linea PowerBook. I nuovi sistemi introdotti portano come principale novità gli schermi ad alta risoluzione (per i modelli 15" e 17") e un'autonomia operativa migliorata.

“Il PowerBook Apple continua a fornire il massimo in termini di portabilità, prestazioni e funzionalità innovative,” ha dichiarato Philip Schiller, senior vice president Worldwide Product Marketing di Apple. “I nostri clienti mobili ameranno lavorare sui nuovi schermi ad alta risoluzione dei PowerBook e apprezzeranno la maggiore produttività data dall’ulteriore ora di autonomia data dalla batteria.”

 
PowerBook G4 12"
PowerBook G4 15"
PowerBook G4 17"
Processore
Power PC G4 1,5GHz
Power PC G4 1,67GHz
Memoria
512MB DDR PC2700
512MB DDR PC2-4200
Hard disk
Disco rigido da 80GB a 5400 giri/min
Disco rigido da 120GB a 5400 giri/min
Unità ottica
SuperDrive 8x slot-in
SuperDrive 8x dual-layer, slot-in
Sistema video
Scheda grafica NVIDIA GeForce FX Go5200 con 64MB di memoria DDR
Scheda grafica ATI Mobility Radeon 9700 con 128MB di memoria DDR
Display
12" con risoluzione di 1024x768
15,2" con risoluzione di 1440x960
17" con risoluzione di 1680x1050
Prezzo
€1619
€2079
€2599

I nuovi PowerBook sono caratterizzati da risoluzioni di 1680 x 1050 pixel e 1440 x 960 pixel rispettivamente per il modello da 17 pollici e per quello da 15 pollici. I nuovi monitor sono inoltre caratterizzati, secondo quanto dichiarato dalla casa, dal 46% in più di luminosità rispetto ai precedenti modelli. Nonostante ciò l'autonomia è stata incrementata e può arrivare ad assicurare fino ad un'ora in più di operatività rispetto a quanto possibile con i modelli precedenti.

I nuovi PowerBook da 15” e 17” sono equipaggiati con processore PowerPC G4 a 1.67 GHz con un’unità ottica SuperDrive 8X con supporto double-layer. Entrambi i modelli sono dotati di GPU ATI Mobility Radeon 9700 con 128MB di memoria video dedicata DDR e sono ora dotati di supporto Dual Link integrato per permettere l'impiego del Cinema HD Display 30”. Entrambi questi portatili sono inoltre dotati di memoria di tipo DDR2.

Lasciato un po' in disparte il modello da 12 pollici che non vede nessun aggiornamento degno di particolare rilievo se non per l'unità ottica SuperDrive (scompare il modello con unità ottica Combo).

Ciascun PowerBook include Bluetooth 2.0+EDR (Enhanced Data Rate) integrato, wireless networking AirPort Extreme a 54 Mbps 802.11g integrato, uno scrolling TrackPad e la tecnologia Apple Sudden Motion Sensor. Mac OS X versione 10.4 “Tiger,” e iLife ‘05 sono pre-installati in tutti i PowerBook.

Le opzioni BTO (build-to-order) per il PowerBook 12” includono la possibilità di aumentare l’hard disk fino a 100GB (5400 rpm), fino a 1.25GB DDR SDRAM, un’unità ottica Combo (DVD-ROM/CD-RW), e l’ AppleCare Protection Plan. Ulteriori opzioni BTO (build-to-order) per i nuovi PowerBook 15” e 17” includono la possibilità di aumentare la memoria fino a 2GB DDR2 SDRAM, un’unità ottica Combo (DVD-ROM/CD-RW), e l’AppleCare Protection Plan. Il nuovo PowerBook 15” offre inoltre un hard disk da 100GB o 120GB come opzione build-to-order.

Aperture

La vera novità presentata per il mondo professional è un applicativo per l'editing fotografico, che non poteva trovare scenario migliore nel PhotoPlus Expo di NewYork. Si tratta di Aperture che Rob Schoeben, vice president Applications Marketing di Apple, descrive come la controparte di Final Cut Pro nell'ambito della fotografia professionale.

"Aperture rappresenta per la fotografia professionale ciò che Final Cut Pro è per l'editing dei film," ha affermato Rob Schoeben, vice president Applications Marketing di Apple. "Finalmente, uno strumento innovativo di post produzione che rivoluziona il workflow fotografico professionale dal confronto e selezione al ritocco all'output."

L'obiettivo che Apple si prefigge con Aperture è quello di rendere il lavoro con immagini RAW facile e veloce come nel caso di immagini in formato JPEG. Costruito dalle fondamenta per i professionisti, Aperture è dotato di un potente strumento di confronto e selezione, di elaborazione immagini non distruttivo, stampa color managed e pubblicazione di pagine web e album personalizzati.

Aperture mette a disposizione un vasto numero di strumenti, che permettono di effettuare confronti e comparazioni di immagini di grosse dimensioni in ambienti multi-display. Aperture è in grado di raggruppare automaticamente sequenze di foto in base all’intervallo di tempo tra le esposizioni. Con il tool di ingrandimento Loupe di Aperture, porzioni di immagini possono essere esaminate in dettaglio senza dover zoomare e fare una panoramica di grandi file. Inoltre, una Light Table virtuale fornisce il quadro ideale per costruire semplici layout fotografici, permettendo di organizzarli, ridimensionarli e sovrapporli insieme in uno spazio libero.

Le immagini RAW sono mantenute nativamente attraverso Aperture senza alcun processo di conversione, e possono essere ritoccate utilizzando la suite di strumenti di ritocco studiate specificamente per i fotografi. Il motore di elaborazione di immagini non distruttivo di Aperture non altera alcuna informazione presente nelle foto originali, in modo da dare ai fotografi la possibilità e la flessibilità di cambiare o cancellare le modifiche in qualsiasi punto del workflow. Dal momento che Aperture permette agli utenti di creare molteplici versioni della stessa immagine senza duplicare file, i fotografi possono fare degli esperimenti senza il rischio di sovrascrivere l’immagine principale o di utilizzare grandi quantità di spazio sull’hard disk. Le immagini di Aperture possono inoltre essere lanciate direttamente in Adobe Photoshop per il compositing ed effetti layer.

Aperture è dotato di una pipeline completa color-managed con supporto per profili ColorSync specifici del device e di un set di strumenti per l’output in alta qualità per permettere ai fotografi di mostrare il proprio lavoro. Le opzioni di stampa includono fogli di contatto personalizzabili, stampa locale in alta qualità e stampe online color- managed. Aperture fornisce un ambiente di layout nel quale gli utenti possono creare e ordinare album personalizzati di livello professionale e pubblicare gallerie web. Aperture è perfettamente compatibile e supportato da Automator, per la realizzazione di macro e automatismi come, ad esempio, operazioni di backup o di editing ripetitivo.

Aperture sarà disponibile a novembre attraverso Apple Store e i rivenditori autorizzati Apple ad un prezzo Apple Store di € 499 (Iva inclusa). I requisiti di sistema completi e ulteriori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale.

Non si può negare che Apple abbia dato un segnale forte agli utenti professional e a tutti quegli utenti che sentendosi in qualche modo "traditi" dal fatto che l'attenzione della Mela morsicata sia stata ultimamente rivolta verso il settore consumer hanno più volte provocatoriamente dichiarato (non a torto) "Apple ha dimenticato di essere un'azienda che produce computer". Sebbene questo tipo di provocazioni possano essere giustificate e in parte condivisibili, non si può non tener conto del fatto che la compagnia sta andando incontro a un rinnovamento completo delle piattaforme hardware sulle quali si basa tutto il parco macchine. E' quindi inevitabile che fino a quando non verranno resi disponibili i sistemi Macintosh con processori Intel, gli investimenti per il mantenimento e l'aggiornamento dei sistemi Power PC sarà relativamente contenuto. Ciò non toglie che i nuovi prodotti professional presentati ieri dimostrano che la compagnia di Cupertino è ancora (e continuerà ad esserlo in futuro) attenta alle esigenze dei professionisti: le azioni di Apple, che ieri hanno chiuso la giornata con un sonoro +5,23% a quota 54,94 dollari, testimoniano l'apprezzamento di analisti e investitori per il segnale dato da Apple

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

86 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Myname20 Ottobre 2005, 11:57 #1

Errata corrige

Piccolo errore all'interno dell'eccellente articolo.
Il PowerBook da 12,1" perde il modello entrylevel con il Combo, e resta solo quello con SuperDrive, per "soli" 20€ di differenza rispetto a prima...ma tutte le altre caratteristiche restano invariate, compreso il processore.
Myname
Andrea Bai20 Ottobre 2005, 12:05 #2
Sistemato, grazie
Myname20 Ottobre 2005, 12:16 #3
docvale20 Ottobre 2005, 12:27 #4

tanto per curiosità

anche su questi "mostri" il raffreddamento sarà a liquido? Penso di sì, a giudicare dallo "scatolone" interno al case...
bizzu20 Ottobre 2005, 12:29 #5
Altro errorino

"tutti con una vasta gamma di opzioni BTO tra le quali na nuova scheda video GeForce Quadro FX 4500"

Romanesco?
Xile20 Ottobre 2005, 12:35 #6
PowerMac Quad...solo il nome ispira potenza. Mi piacerebbe vedere la rece di questa macchina + Aperture fatta dalla redazione...è una cosa possibile?
Fx20 Ottobre 2005, 12:49 #7
l'aggiornamento del powerbook mi dà l'idea del minimo per poter dire di aver fatto qualcosa... il powermac quad servirà per tirare ancora quell'anno e mezzo prima dei powermac x86, sarei curioso di sapere com'è il g5 dual core dal punto di vista architetturale... da quel che ho visto sul sito apple sembra modello intel: due core attaccati assieme con la colla... se è così potevano anche svegliarsi un po' prima, in pratica si trattava di mettere 2 core in un unico package (non a caso intel l'ha improvvisato in quattro e quattr'otto, riuscendo a battere di un soffio AMD che l'aveva già pronto da tempo immemore)...

per quanto riguarda aperture, il rischio è che adobe reputi che apple le stia schiacciando i piedi, nel momento in cui dovesse non sviluppare più per mac sarebbero cazzi acidi
samslaves20 Ottobre 2005, 13:18 #8
>per quanto riguarda aperture, il rischio è che adobe reputi che apple le stia schiacciando i piedi, nel momento in cui dovesse non sviluppare più per mac sarebbero cazzi acidi<

Io la vedo in altro modo:

Apple:<<Adobe, datte na mossa a sfornare Photoshop per OS X86 perche' come vedi se ci mettiamo al lavoro siamo capaci di produrre qualcosa di superiore al tuo software, ma per ora non ci conviene. Vediamo se ce ne dai l'opportunita'>>

Adobe: <<Capito...>>
biffuz20 Ottobre 2005, 13:20 #9
anche la Apple sta lasciando indietro il comparto notebook 12"... a questo punto perché uno dovrebbe spendere 1600 euro per una macchina che non cambia granché da un iBook 12"? ah già, il superdrive... ma per 150 euro te lo montano in un qualsiasi centro assistenza...

Per la redazione: non avete citato il fatto che i PB 15" e 17" hanno anche un HD da 7200 rpm BTO, fatto quasi unico nel mercato notebook...

aargh! che ha la batteria del mio iBook??? da 15% a 0% in un botto??? è ora di comprarne una nuova...
docvale20 Ottobre 2005, 13:22 #10
in realtà un aggiornamento importante nei powerbook c'è: fino a ieri per il 15" con super drive e 128MB di videoRAM ci volevano 700 euretti in più. E' anche per questo che a maggio, quando ho dovuto prendere un laptop, ho scelto Vaio e non powerbook...oggi non so cosa sceglierei, visto che il portatile mi serve al lavoro dove utilizzo entrambe le piattaforme

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^