AMD all'attacco: Ryzen 9 3950X, Athlon 3000G e Ryzen Threadripper di terza generazione

AMD all'attacco: Ryzen 9 3950X, Athlon 3000G e Ryzen Threadripper di terza generazione

AMD prepara il debutto di 4 nuovi processori per il mese di novembre: Ryzen 9 3950X, il primo mainstream con architettura a 16 core, si affianca a Athlon 3000G con due core, GPU integrata, moltiplicatore sbloccato per l'overclock e costo contenuto. Per fine mese al debutto anche le prime due versioni di CPU Ryzen Threadripper di terza generazione

di pubblicato il nel canale Processori
AMDRyZenThreadripperAthlonIntelCore
 

AMD annuncia quest'oggi tutti i processori che giungeranno in commercio nel corso del mese di novembre, con modelli appartenenti alle famiglie Ryzen Threadripper, Athlon e Ryzen 9. Partiamo proprio da quest'ultima che si completa con la disponibilità del modello Ryzen 9 3950X annunciato da AMD lo scorso mese di giugno e inizialmente previsto in vendita dal mese di settembre.

CPU

Arch. Core Threads Clock Turbo max XFR L3 TDP Memoria
max
Prezzo
al debutto
AMD Ryzen 9 3950X Zen 2 16 32 3,5GHz 4,7GHz - 64M 105W DDR4-3200 $749
AMD Ryzen 9 3900X Zen 2 12 24 3,8GHz 4,6GHz - 64M 105W DDR4-3200 $499
AMD Ryzen 7 3800X Zen 2 8 16 3,9GHz 4,5GHz - 32M 105W DDR4-3200 $399
AMD Ryzen 7 3700X Zen 2 8 16 3,5GHz 4,4GHz - 32M 65W DDR4-3200 $329
AMD Ryzen 5 3600X Zen 2 6 12 3,8GHz 4,4GHz - 32M 95W DDR4-3200 $249
AMD Ryzen 5 3600 Zen 2 6 12 3,6GHz 4,2GHz - 32M 65W DDR4-3200 $199

Le caratteristiche tecniche sono quelle già confermate da AMD in precedenza: 16 core, capaci di gestire sino a 32 threads in parallelo, con una frequenza di base clock di 3,5 GHz e la possibilità di spingersi sino a 4,7 GHz di boost clock. La cache complessiva, tra L2 e L3, è pari a 72MB mentre il TDP di 105 Watt è pari a quello del modello Ryzen 9 3900X con 12 core.

AMD ha segnalato come questo processore richieda di venire utilizzato con una scheda madre socket AM4 dotata di bios aggiornato con supporto all'ultima versione di AGESA, quella 1.0.0.4 che i vari produttori di schede madri stanno implementando nei propri modelli. Non vi sono specifici requisiti in termini di sistema di raffreddamento: la CPU verrà proposta senza sistema di raffreddamento in bundle in modo da lasciare all'utente la possibilità di scegliere il sistema di raffreddamento ideale. E' consigliato un kit a liquido integrato con radiatore da 280 millimetri, così da sfruttare al meglio le potenzialità in termini di boost clock.

AMD ha fornito alcuni risultati prestazionali ottenuti con la CPU Ryzen 9 3950X, a confronto con due proposte concorrenti di Intel: Core i9-9900K (8 core, 16 threads) e Core i9-9920X (12 core, 24 threads). I dati di AMD, che dovranno essere verificati con la nostra recensione, evidenziano un comportamento della nuova CPU allineato a quello del modello Core i9-9900K con giochi. La cosa non sorprende, in virtù delle valide prestazioni dei processori Ryzen 3000 con architettura Zen 2 in questo ambito d'utilizzo oltre che della elevata frequenza di boost clock del modello Ryzen 9 3950X, la più alta tra le CPU di questa famiglia.

Dove la nuova CPU AMD guadagna un netto margine di vantaggio è con quelle applicazioni che ne sfruttano tutti i core a disposizione. In questo caso il margine di vantaggio è più netto nel confronto con la CPU Core K9-9900K, che di core ne integra 8, ma permane ben definito anche rispetto al modello Core i9-9920X con architettura a 12 core e un livello di prezzo che è superiore. C'è però da segnalare che nel corso del mese di novembre Intel presenterà i nuovi processori Core-X di decima generazione: in particolare la CPU Core i9-10920X avrà architettura a 12 core e sarà proposta ad un prezzo di 689 dollari, molto vicino quindi a quello del processore Ryzen 9 3950X e pari di fatto alla metà di quello al quale è proposto il modello Core i9-9920X

AMD prevede, attraverso l'utilty Ryzen Master, la possibilità di configurare il processore Ryzen 9 3950X in una modalità cosiddetta Eco caratterizzata da un TDP contenuto in 65 Watt. In questo modo la nuova CPU genera un consumo nettamente più contenuto, con diretta ricaduta sulla temperatura di funzionamento, ovviamente con un impatto sulle prestazioni velocistiche complessive dato dalla frequenza di clock più limitata. AMD non ha indicato quale sia questo valore finale ma possiamo ipotizzare che sia prossimo a 3 GHz con tutti i core utilizzati: avremo modo di verificare la cosa nella nostra recensione. Il debutto commerciale di questo processore avverrà a partire dal 25 novembre, al prezzo ufficiale di 749 dollari nel mercato USA.

La seconda novità di AMD riguarda un processore posizionato all'opposto di quello Ryzen 9 3950X nella gamma di prodotti AMD. Parliamo del modello Athlon 3000G, proposta dual core con GPU Radeon Vega 3 integrata che sarà in vendita dal 19 novembre al prezzo di 49 dollari. Questo processore è capace di gestire sino a 4 threads in parallelo e più di tutto è dotato di moltiplicatore di frequenza sbloccato verso l'alto, così da lasciare spazio all'overclocking.

AMD posiziona questo processore quale diretto concorrente del modello Intel Pentum G5400, CPU caratterizzata da un costo superiore. La possibilità di overcloccare la CPU apre inoltre spazio a incrementi consistenti delle prestazioni: AMD ha riportato valori prestazionali ottenuti con la CPU spinta dai 3,5 GHz di default sino a 3,9 GHz per entrambi i core. Il processore ha un TDP di 35 Watt ma viene venduto in abbinamento ad un dissipatore di calore certificato per un TDP di 65 Watt: questa scelta è stata fatta da AMD proprio nell'ottica di facilitare a tutti gli utenti l'ottenimento di un qualcosa in più quanto a prestazioni attraverso l'overclock.

AMD annuncia quest'oggi anche i due primi processori della famiglia Ryzen Threadripper basati su architettura Zen 2, anche in questo caso con disponibilità sul mercato a partire dal 25 novembre. Ryzen Threadripper 3960X e Ryzen Threadripper 3970X, questi i nomi dei due modelli, integrano rispettivamente 24 e 32 core e prendono il posto delle soluzioni Ryzen Threadripper 2970WX e 2990WX attualmente in vendita.

CPU

Core Threads Clock Turbo max XFR Cache TDP Prezzo

AMD Ryzen Threadripper 3970X

32 64 3,7GHz 4,5GHz - 144M 280W $1.999

AMD Ryzen Threadripper 3960X

24 48 3,8GHz 4,5GHz - 140M 280W $1.399

AMD Ryzen Threadripper 2990WX

32 64 3GHz 4,2GHz - 64M 250W $1.799

AMD Ryzen Threadripper 2970WX

24 48 3GHz 4,2GHz - 64M 250W $1.299

AMD Ryzen Threadripper 2950X

16 32 3,5GHz 4,4GHz - 32M 180W $899

AMD Ryzen Threadripper 2920X

12 24 3,5GHz 4,3GHz - 32M 180W $649

AMD Ryzen Threadripper 1950X

16 32 3,4GHz 4GHz 4,2GHz 32M 180W $999
AMD Ryzen Threadripper 1920X 12 24 3,5GHz 4GHz 4,2GHz 32M 180W $799

AMD Ryzen Threadripper 1900X

8 16 3,8GHz 4GHz 4,2GHz 32M 180W $549

E' evidente il balzo in avanti in termini di frequenza di clock offerto da AMD con le due nuove CPU rispetto alle corrispondenti versioni di precedente generazione: il base clock precedente era di 3 GHz mentre ora sale a 3,8 GHz per il modello a 24 core e a 3,7 GHz per quello a 32 core. Aumenta la cache complessiva per via della differente architettura e il TDP pasa dai precedenti 250 Watt sino a 280 Watt, altro elemento che contribuisce all'incremento delle frequenze di clock.

AMD ha segnalato come questi due processori siano dotati di 4 die CPU al proprio interno, dotati ciascuno di 6 core attivi nel modello 3960X e di 8 in quello 3970X. Il controller memoria rimane con architettura DDR4 quad channel, ora però con supporto ufficiale alla memoria DDR4-3200 al pari dei processori Ryzen 3000 per schede madri socket AM4. La compatibilità con i sistemi di raffreddamento per i processori Ryzen Threadripper della famiglia WX è confermata anche con le due nuove proposte: un kit capace di gestire un processore con TDP di 250 Watt è, nelle parole di AMD, in grado anche di essere abbinato a questi due nuovi processori.

Con la terza generazione di processori Ryzen Threadripper AMD adotta un nuovo socket, indicato con il nome di sTRX4, perdendo quindi compatibilità con le schede madri basate su chipset AMD X399 sino ad ora in commercio: le nuove CPU quindi non possono essere utilizzate sulle precedenti piattaforme e allo stesso modo i processori Ryzen Threadripper delle prime due generazioni non sono compatibili con le nuove schede madri. E' questo un passaggio obbligato per AMD, che in cambio estende il numero di linee PCI Express messe a disposizione del sistema aggiornandole allo standard Gen 4.0.

Il passaggio alla nuova piattaforma chipset TRX40 ha permesso ad AMD di innovare sensibilmente a livello di compatibilità e risorse fornite alle varie periferiche presenti nel sistema, sfruttando al meglio il passaggio del controller PCI Express integrato da Gen 3.0 a Gen 4.0. Il collegamento tra CPU e chipset quadruplica di banda, passando da 4 link PCI Express 3.0 agli attuali 8 link PCI Express 4.0 e permettendo in questo modo di sfruttare al meglio tutte le potenzialità delle periferiche PCI Express collegate al chipset. La CPU offre sino a 48 linee PCI Express Gen 4.0 gestibili per le schede video o per altre periferiche via slot PCI Express 16x, affiancate da 2 blocchi con segnale PCI Express Gen 4.0 di tipo 4x che possono essere configurati per uno slot 4x di tipo generico, per un SSD NVME oppure per 4 canali SATA.

Sempre nel processore è integrato un controller USB 3.2 Gen 2, caratteristica di cui è dotato anche il chipset capace però di un massimo di 8 periferiche USB 3.2 Gen 2 accanto a 4 porte USB 2.0 e a 4 connettori SATA 6Gbps per hard disk e periferiche di questo tipo. Il controller PCI Express Gen 4.0 integrato nel chipset, infine, permette di gestire sino a 8 linee in modo indipendente oltre a configurare 2 blocchi con segnale PCI Express Gen 4.0 di tipo 4x che possono essere configurati per uno slot 4x di tipo generico, per due slot 2x, per 4 slot 1x oppure per 4 canali SATA. In totale quindi la piattaforma mette a disposizione 56 linee PCI Express Gen 4.0 con il controller integrato nel processore e 16 con quello presente nel chipset TRX40: sono 72 le linee configurabili in totale, alle quali si aggiungono le 8 linee riservate provenienti tanto da chipset come dal processore dedicate al collegamento tra questi due componenti.

Le prime indicazioni prestazionali fornite da AMD mettono a confronto questi due processori con la CPU Core i9-9980XE cioè quella che al momento è la più veloce proposta Intel del segmento HEDT (High-End Desktop) che possa venir acquistata. Sappiamo che nel corso delle prossime settimane entrerà in commercio anche il modello Core i9-10980XE sempre a 18 core ma con un lieve incremento nelle frequenze di clock rispetto al predecessore, proposto a un prezzo di 979 dollari che è ben inferiore a quello delle due nuove proposte Ryzen Threadripper di terza generazione oltre che pari alla metà di quello della CPU Core i9-9980XE.

[HWUVIDEO="2836"]La prima scheda madre per Ryzen Threadripper 3000[/HWUVIDEO]

In attesa del confronto con le CPU Intel Core-X di decima generazione quello che ora emerge è un margine di vantaggio ben evidente per i due nuovi processori Ryzen Threadripper in quegli ambiti di utilizzo che sfruttano al meglio la disponibilità di un così elevato numero di core. Manca un metro di paragone con le CPU Ryzen Threadripper di precedente generazione ma considerando gli affinamenti architetturali a livello di maggiore IPC delle CPU Zen 2 rispetto a quelle Zen+, unitamente alle superiori frequenze di clock, è difficile immaginare che il balzo non sia più che significativo.

Avremo modo di parlare ancora molto di questi processori, oltre che delle nuove proposte Intel Core-X di decima generazione, nel corso di questo mese di novembre: per le prossime settimane, alle scadenze dei rispettivi embarghi, troverete su queste pagine le recensioni di queste CPU a confronto tra di loro e con le altre soluzioni Intel e AMD in commercio.

  • Articoli Correlati
  • Intel Core i9-9900KS: tanta potenza con il TDP che imbriglia Intel Core i9-9900KS: tanta potenza con il TDP che imbriglia Arriva sul mercato il processore Intel per schede madri socket 1155 LGA dotato di architettura a 8 core e capace di operare a 5 GHz di clock per tutti i core. L'aumento del TDP permette di ottenere più prestazioni rispetto alla CPU Core i9-9900K dalla quale deriva, ma è solo rimuovendo i limiti da bios che si sfruttano tutti i margini anche a rischio di consumi molto elevati
50 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fritzen07 Novembre 2019, 15:29 #1
A quando la recensione? ;D
Peccato che non sia compatibili con il vecchio chip... Speravo di cambiarlo con questi.. vabbe tanto sarà per l'anno prossimo l'upgrade
nickname8807 Novembre 2019, 15:36 #2
Brutto continuare a vedere il marchio Athlon ripiegato come identificativo per la fascia più bassa
ionet07 Novembre 2019, 16:01 #3
hanno cannato di brutto a tagliare completamente il supporto al x399,non appena intel presenta la nuova famiglia HEDT a prezzi tagliati,quei pochi clienti che hanno avuto fiducia con TR,ritornano all'ovile non avendo quasi piu' niente che li trattiene
certo amd puo' marcare stretto e tagliare i prezzi,ma cosi' i costi non spesi per il supporto,li perdi di margine dopo

si saranno fatti i loro conti
kaos.07 Novembre 2019, 16:04 #4
Originariamente inviato da: nickname88
Brutto continuare a vedere il marchio Athlon ripiegato come identificativo per la fascia più bassa


Se ci pensi anche Intel ha fatto la stessa cosa con i Pentium... se non ricordo male per un periodo hanno convissuto con i Core... potrei anche sbagliarmi però.
Ogni tanto bisogna dare una svecchiata ai marchi, tirandone fuori di nuovi e riposizionando i vecchi... lo trovo assolutamente comprensibile.
ninja75007 Novembre 2019, 16:08 #5
quindi niente fino al 25 novembre
nickname8807 Novembre 2019, 16:14 #6
Originariamente inviato da: kaos.
Se ci pensi anche Intel ha fatto la stessa cosa con i Pentium... se non ricordo male per un periodo hanno convissuto con i Core... potrei anche sbagliarmi però.
Ogni tanto bisogna dare una svecchiata ai marchi, tirandone fuori di nuovi e riposizionando i vecchi... lo trovo assolutamente comprensibile.
Si ma l'immagine del Pentium non penso sia minimamente vicina al successo richiamato dal brand Athlon con cui AMD superò Intel a partire dal K7, concludendo con l'Athlon64 dove l'azienda ha avuto il più grande ciclo di successi commerciali e pubblicitari di tutti i tempi.

Pentium come marchio anche se ancora più vecchio era recentemente associato ad una generazione in fase conclusiva che non è mai riuscita a dominare sulla concorrenza dalla nascita del brand Athlon.
Opteranium07 Novembre 2019, 16:51 #7
sono perplesso sull'athlon.. avendo a disposizione il 3200G a 80 euro, gran lunga superiore in tutto, non vedo motivi per comprare l'altro, anche perché il resto dell'hardware non cambia.
Risparmiare 30 euro su un intero sistema, per poi trovarsi un oggetto molto meno performante non mi pare molto furbo
nickname8807 Novembre 2019, 17:09 #8
Originariamente inviato da: Opteranium
sono perplesso sull'athlon.. avendo a disposizione il 3200G a 80 euro, gran lunga superiore in tutto, non vedo motivi per comprare l'altro, anche perché il resto dell'hardware non cambia.
Risparmiare 30 euro su un intero sistema, per poi trovarsi un oggetto molto meno performante non mi pare molto furbo

80euro è il prezzo assestato che trovi adesso che c'è alta disponibilità negli shops, ma il prezzo di listino del 3200G ufficiale è 99 dollari.
Lo stesso assestamento lo avrà pure questo nuovo Athlon, non vedo l'anomalia.

Il 3200G di listino è lanciato a 99$
L'Athlon che è la metà a 49$, ossia la metà, più che coerente.
Nhirlathothep07 Novembre 2019, 17:32 #9
Ho in firma un Intel 3970X@5GHz dal 2012. Ora sembrerà un 32 core amd del 2019
Opteranium07 Novembre 2019, 17:49 #10
Originariamente inviato da: nickname88
80euro è il prezzo assestato che trovi adesso che c'è alta disponibilità negli shops, ma il prezzo di listino del 3200G ufficiale è 99 dollari.
Lo stesso assestamento lo avrà pure questo nuovo Athlon, non vedo l'anomalia.

Il 3200G di listino è lanciato a 99$
L'Athlon che è la metà a 49$, ossia la metà, più che coerente.

bene, lo riscrivo.. 40 euro su un intero sistema per me sono una bazzecola e non giustificano la perdita di performance

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^