Apple, un trimestre record ma iPhone smette di crescere

Apple, un trimestre record ma iPhone smette di crescere

Fatturato e utili più alti di sempre per Apple, ma con un segnale importante da non trascurare: le vendite di iPhone non crescono più. Anche le previsioni per il prossimo trimestre sono inferiori a quanto fatto lo scorso anno

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:02 nel canale Apple
Apple
 

Nel corso della serata di ieri Apple ha annunciato i risultati del primo trimestre dell'anno fiscale 2016, che si è concluso il 26 dicembre 2015 e che include, pertanto, le vendite della stagione delle festività natalzie e di fine anno.

Nel periodo in esame la Mela registra un fatturato di 75,9 miliardi di dollari e un utile netto di 18,4 miliardi di dollari che corrispondono a 3,28 dollari per azione diluita; nel medesimo periodo di un anno fa, Apple registrò un fatturato di 74,6 miliardi di dollari ed un utile di 18 miliardi di dollari. Il margine lordo è del 40,1% rispetto al 39,9% di un anno fa. Le vendite internazionali (cioè quelle fuori dal mercato statunitense) costituiscono il 66% del fatturato trimestrale

Commenta così Tim Cook, CEO di Apple: "Il nostro team ha portato a termine il più grande trimestre di sempre per Apple, grazie ai prodotti più innovativi al mondo e alle vendite record di sempre per quanto riguarda iPhone, Apple Watch e Apple TV. La crescita del nostro business dei Servizi ha accelerato nel corso del trimestre fino a produrre risultati record, e la nostra base installata recentemente ha raggiunto l’importante traguardo di un miliardo di dispositivi attivi".

Scendiamo ora nel dettaglio e analizziamo subito il dato più atteso di questa trimestrale: le vendite di iPhone. Analisti e investitori hanno nei giorni scorsi tratteggiato varie previsioni, anche sulla scorta della notizia di una possibile riduzione della produzione di iPhone trapelata nelle scorse settimane. Ebbene, nel periodo in esame Apple commercializza un volume di 74,79 milioni di iPhone che generano un fatturato di 51,63 miliardi di dollari: una situazione di fatto invariata rispetto a quanto fatto nello stesso trimestre di un anno fa, segno che iPhone ha raggiunto ormai il picco della sua forza propulsiva. Si tratta di un segnale molto importante per Apple nel suo complesso, specie se si considera che iPhone da solo genera più del 65% del fatturato dell'intera compagnia.

Pesante tracollo di iPad, come per altro già confermato nelle ultime due trimestrali, con 16 milioni di unità vendute e 7 miliardi di dollari, per un calo rispettivo del 25% e del 21% rispetto al primo trimestre fiscale 2015. In flessione anche i sistemi Mac del 4% in termini di unità, a 5,3 milioni di pezzi, e del 3% in termini di fatturato, con 6,7 miliardi di dollari.

Prestazioni molto buone invece per quanto riguarda i servizi (che includono servizi internet, AppleCare, Apple Pay e i programmi di licenza) che crescono del 26% a 6 miliardi di dollari. Infine una crescita molto robusta della categoria "Altri Prodotti" nella quale Apple fa rientrare Apple TV, Apple Watch, gli accessori Beats, iPod) che genera 4,3 miliardi di dollari con un +62% rispetto ad un anno fa.

Per quanto concerne la distribuzione geografica delle vendite, Apple vede una contrazione del 4% nel mercato USA e un significativo calo del 12% in Giappone (con grossa probabilità dovuto anche all'apprezzamento del Dollaro USA). Buona la crescita in Cina che vede un fatturato di 18,4 miliardi di dollari con un + 14% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Luca Maestri, Chief Financial Officer di Apple, commenta: "Le nostre vendite record e i forti margini hanno guidato i record di sempre per quanto riguarda l’utile netto e l’utile per azione nonostante un contesto macroeconomico molto difficile. Abbiamo generato un flusso di cassa operativo di 27,5 miliardi di dollari durante il trimestre, e restituito oltre 9 miliardi di dollari agli azionisti attraverso il riacquisto di azioni e i dividendi. Abbiamo portato a termine 153 miliardi dei 200 miliardi previsti dal nostro programma di ritorno del capitale".

Per il prossimo trimestre, il secondo fiscale del 2016, Apple prevede di poter generare un fatturato compreso tra i 50 e i 53 miliardi di dollari con un margine lordo tra il 39 e il 39,5%. A titolo di confronto nel secondo trimestre fiscale del 2015 Apple aveva raccolto un fatturato di 58 miliardi di dollari con un margine lordo del 40,8%. Probabilmente per la Mela è arrivato il momento di un cambio di passo, anche se l'espansione in nuovi mercati (è di qualche giorno fa la notizia della richiesta delle autorizzazioni per aprire Apple Store in India) potrebbe portare ancora un po' di crescita in quel di Cupertino. Ma certamente la vera direzione futura della Mela si nasconde dietro gli "Altri Prodotti" nei quali risiedono Apple TV e Apple Watch e dei quali, ad oggi, non si conoscono i dati di vendita nel dettaglio. Ma le prospettive di crescita futura sono tutte qui e nel modo in cui Apple sarà capace di commercializzare queste categorie di prodotti e di innescare un remunerativo indotto di servizi.

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo27 Gennaio 2016, 09:16 #1
A forza di centinaia di milioni di pezzi venduti il mercato si satura...
E inoltre più pezzi vendi, meno esclusivo diventa e meno gente ha voglia di spendere un millino per un oggetto che hanno tutti !

nickmot27 Gennaio 2016, 09:22 #2
Originariamente inviato da: gd350turbo
A forza di centinaia di milioni di pezzi venduti il mercato si satura...

E' inevitabile.
Originariamente inviato da: gd350turbo
E inoltre più pezzi vendi, meno esclusivo diventa e meno gente ha voglia di spendere un millino per un oggetto che hanno tutti !

Qui non concordo, il punto per certi soggetti è avere l'ultimo ginigillino (attenzione, che ci sia la mela, l'ovale blu o altro non fa molta differenza), quelli compreranno sempre, ma non sono una grande fetta, il grosso della massa non informata non lo compra per moda quanto per il fatto che hanno sentito dire che "è il meglio", "funziona e non da problemi", fanno abbonamento e non lo cambiano certo così spesso, finché il mercato smartphone cresceva (ovvero anche chi non aveva smartphone ne voleva uno) potevi crescere alla grande, ora che praticamente l'offerta è di soli smartphone e pure "mio nonno" ne ha uno il discorso cambia.
recoil27 Gennaio 2016, 09:24 #3
era prevedibile
con il 6 hanno fatto il botto perché hanno cambiato la dimensione del display e commercializzato due modelli ma la serie S con il design invariato non poteva certo ripetere lo stesso successo
inoltre il mercato di sta saturando quindi fare i numeri di prima sarà molto dura anche in futuro...
Mparlav27 Gennaio 2016, 09:36 #4
Il mercato cinese si va' saturando, anche se c'è il passo successivo: spingere gli utenti con smartphone di fascia bassa e media a prenderne uno di fascia alta.

Il problema ora è sfondare in quello indiano, che quest'anno dovrebbe diventare il secondo al mondo in termini di volumi (hanno 1 miliardo di utenti mobile, ma il tasso di penetrazione degli smartphone è meno del 20%).

L'iPhone 5SE (o come decideranno di chiamarlo), dovrebbe essere la risposta a questa esigenza.

Per quanto Apple sia fortemente dipendente dagli iPhone, penso che il vero problema siano gli iPad: un calo del genere nell'arco di un'anno sembra difficile da invertire.
Raghnar-The coWolf-27 Gennaio 2016, 09:44 #5
Ma l'altra statistica diceva che i Mac erano gli unici PC in crescita, e questa (ben piu' affidabile) dice che sono in decrescita? O_o

Comunque non si puo' crescere per sempre, come per i PC anche gli smartphone non possono che declinare...

Idem i Pad, chi lo voleva ce l'ha, e sono oggetti che durano praticamente per sempre essendo potenti ma senza pretese.

Anche mio padre che si rifa' completamente il corredo informatico ogni 2 anni perche' e' il tipo che deve avere il giocattolo nuovo con cui smanettare, ha ancora iPad 3...
RaZoR9327 Gennaio 2016, 09:45 #6
Non vedo come l'India possa diventare un mercato rilevante per Apple prima di 2-5 anni; la realtà è che, come prevedibile, i prossimi 3 trimestri saranno di flessione e AAPL sarà sotto pressione per gran parte del 2016. Ritorno alla crescita nel Q1 fiscale 2017 (Q4 calendar) in condizioni macroeconomiche stabili o migliori. In generale AAPL @80/85$ si preannuncia un ottimo acquisto.
gnappoman27 Gennaio 2016, 09:55 #7
senza steve non vanno da nessuna parte
RIP Apple
adapter27 Gennaio 2016, 09:56 #8
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-

Anche mio padre che si rifa' completamente il corredo informatico ogni 2 anni perche' e' il tipo che deve avere il giocattolo nuovo con cui smanettare, ha ancora iPad 3...


E grazie...Come hai detto, si rifà il corredo ogni 2 anni per avere il giocattolo nuovo... Cambiare anche altri giocattoli diventa dispendioso per tutti quindi si fanno delle scelte...
Mparlav27 Gennaio 2016, 10:01 #9
Originariamente inviato da: RaZoR93
Non vedo come l'India possa diventare un mercato rilevante per Apple prima di 2-5 anni; la realtà è che, come prevedibile, i prossimi 3 trimestri saranno di flessione e AAPL sarà sotto pressione per gran parte del 2016. Ritorno alla crescita nel Q1 fiscale 2017 (Q4 calendar) in condizioni macroeconomiche stabili o migliori. In generale AAPL @80/85$ si preannuncia un ottimo acquisto.


Non penso che Apple voglia aspettare 2-5 anni.
http://appleinsider.com/articles/15...ies-by-up-to-16

http://www.bloomberg.com/news/artic...ion-subscribers
RaZoR9327 Gennaio 2016, 10:05 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
Già, ora il 5S, un telefono del 2013, costa solo 372$, probabilmente più di 3 volte il prezzo medio di vendita di uno smartphone in India. Il mercato è enorme, ma non il mercato a cui è interessata Apple.
Ovviamente ha senso investire ed espandersi nella seconda nazione più popolata al mondo, ma ci vorranno anni prima che l'India rappresenti anche solo il 5% del fatturato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^