Trump contro Twitter, un provvedimento per minarne l'immunità legale sui contenuti degli utenti

Trump contro Twitter, un provvedimento per minarne l'immunità legale sui contenuti degli utenti

Donald Trump passa dalle parole ai fatti e ha varato un ordine esecutivo per togliere ai social l'immunità legale contro le cause per i contenuti ospitati sulle loro piattaforme. Il presidente ha presto questa decisione dopo l'iniziativa di Twitter di etichettare due suoi tweet come privi di fondamento. La querelle è però destinata a protrarsi.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Web
Twitter
 

Era chiaro che la mossa di Twitter di etichettare due tweet del presidente Trump come inesatti o falsi avrebbe avuto delle conseguenze. Il tycoon ha firmato un ordine esecutivo che punta a rendere più facilmente perseguibili le piattaforme social per i contenuti che ospitano, indebolendo lo scudo penale che finora le aveva protette.

Trump ha spiegato che l'azione è volta a "difendere la libertà di parola", asserendo che siamo di fronte a un monopolio senza precedenti sulle comunicazioni pubbliche e privato. Le piattaforme social sarebbero quindi ree di avere un "potere incontrollato nel censurare, ridimensionare, modificare, nascondere, alterare ogni forma di comunicazione tra privati cittadini o con audience ampie di pubblico".

L'ordine esecutivo modifica la sezione 230 del Communications Decency Act, una legge risalente al 1996 che sancisce l'immunità penale delle piattaforme social rispetto ai contenuti pubblicati da terze parti - gli utenti. Secondo il presidente Trump, andando a sancire quale informazione è corretta e quale è sbagliata, Twitter diventa una sorte di editore, perdendo la sua posizione di neutralità. E di conseguenza deve rispondere delle proprie azioni.

L'ordine punta, inoltre, a modificare o cancellare la sezione 230, tramite una petizione presso la Federal Communications Commission (Fcc) da parte del Dipartimento del Commercio, ma anche a limitare pesantemente gli investimenti pubblicitari sui social media. Trump ha comunque detto di aspettarsi ricorsi in tribunale, come già avvenuto per altri provvedimenti.

Twitter ha commentato che l'ordine esecutivo è "un approccio reazionario e politicizzato" a una legge fondamentale che "protegge l'innovazione e la libertà di espressione, ed è sostenuta da valori democratici. I tentativi di eroderla unilateralmente minacciano il futuro del discorso online e delle libertà su Internet".

Anche Facebook ritiene che cancellare la sezione 230 avrà un effetto deleterio per la protezione della libertà di espressione. Rendere le aziende responsabili di quello che dicono miliardi di persone "penalizzerebbe quelle che scelgono di consentire discorsi controversi e incoraggerebbe le piattaforme a censurare qualsiasi cosa possa offendere chiunque". Mark Zuckerberg ha commentato che nessuna azienda dovrebbe agire come arbitro della verità, e che le piattaforme social non dovrebbero essere nella posizione di farlo. Facebook non seguirà quindi Twitter su questa strada.

Intanto Twitter non sembra intenzionata, per ora, ad arretrare di un passo: un nuovo tweet di Trump è stato "nascosto", visibile solo dopo aver cliccato su un testo che recita "Questo Tweet ha violato le Regole di Twitter sull'esaltazione della violenza. Tuttavia, abbiamo deciso di non oscurarlo poiché potrebbe essere di pubblico interesse". Alla prossima puntata.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

117 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ginopilot29 Maggio 2020, 13:43 #1
Quindi per le c@zzate che scrive potrebbero avere problemi legali i social?
CYRANO29 Maggio 2020, 13:48 #2
Fai bene Donald, fai capire loro chi comanda negli Usa !!!



Cò,sòòsòsòsòls
Ginopilot29 Maggio 2020, 13:56 #3
Originariamente inviato da: CYRANO
Fai bene Donald, fai capire loro chi comanda negli Usa !!!



Cò,sòòsòsòsòls


Heil Donand!
Opteranium29 Maggio 2020, 14:21 #4
sempre più vicino alla dittatura, ciò che dice è incontestabile e guai a chi lo corregge. Quando i pazzi megalomani salgono al potere si vedono i risultati.
nx-9929 Maggio 2020, 14:25 #5
Da quando hanno inserito la censura o moderazione nei commenti che vengono pubblicati sul web, lo stesso mi sembra più finto. Della serie passo solo quello che fa comodo. Ma il bullismo, minacce ed insulti, sono ancora ben lungi dal' essere debellati.
Mparlav29 Maggio 2020, 15:05 #6
Questo significa che qualsiasi contenuto che non rispetta le linee guida della piattaforma, già note da tempo, verrà rimosso per evitare di dover incorrere in azioni legali, civili o penali che siano.
Nessuna vorrà correre rischi.
E non riguarda solo i grandi social, ma anche il piccolo sito che ospita un forum di discussione.
cronos199029 Maggio 2020, 15:07 #7
In pratica sta chiedendo di essere censurato
pabloski29 Maggio 2020, 15:23 #8
Originariamente inviato da: Ginopilot
Heil Donand!


Heil che? Trump è stato eletto.

Quando Obama ammazzava civili in giro per il mondo, usando ed abusando del JSOC, non avevi nulla da ridire?
Cfranco29 Maggio 2020, 15:24 #9
Fossi Bill Gates o Hillary Clinton starebbero già partendo vagonate di lettere degli avvocati contro gli amichetti di Trump ( 4chan e simili ) che continuano a tirar fuori cazzate di riti satanici e sacrifici di bambini

Perché i primi a perdere lo scudo di protezione sono proprio i forum dei suoi amichetti che scrivono insulti e calunnie 24 ore al giorno
pabloski29 Maggio 2020, 15:24 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
Questo significa che qualsiasi contenuto che non rispetta le linee guida della piattaforma, già note da tempo, verrà rimosso per evitare di dover incorrere in azioni legali, civili o penali che siano.
Nessuna vorrà correre rischi.
E non riguarda solo i grandi social, ma anche il piccolo sito che ospita un forum di discussione.


Si è adeguato alle norme dell'UE

Ma gli manca ancora il GDPR!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^