Si dimette la direttrice dell'Ufficio Brevetti USA, aveva arginato il patent trolling

Si dimette la direttrice dell'Ufficio Brevetti USA, aveva arginato il patent trolling

Dimissioni improvvise e senza particolari spiegazioni. Era stata nominata nel 2015 da Obama e aveva avviato una nuova condotta per l'Ufficio Brevetti volta ad annullare i brevetti di bassa lega, fonte di numerose azioni di patent trolling

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Web
 

Michelle Lee, direttrice dell'US Patent and Trademark Office, l'ufficio brevetti statunitense, ha rassegnato le proprie dimissioni. Si è trattato di una mossa improvvisa e inattesa, e la stessa Lee non ha addotto alcuna ragione particolare che l'ha portata a prendere questa decisione. "Sono fiduciosa che il gruppo dirigente in carica opererà al meglio durante questa transizione" si è limitata a comunicare Lee in un memo rivolto a tutti gli impiegati dell'USPTO.

Lee è stata nominata dall'ex-presidente Barack Obama e riconfermata nel suo ruolo a marzo del 2015, in un momento in cui il problema del "patent trolling" si è esplicitato in maniera significativa. Molte società, specie quelle tecnologiche, si sono trovate coinvolte in battaglie legali di poco conto, portate avanti dai famigerati patent troll, ovvero quelle società che hanno il controllo di proprietà intellettuale (spesso grazie ad acquisizioni di aziende in fallimento) e che traggono il loro giro d'affari proprio da azioni legali e royalties e non dalla produzione di beni o dalla prestazione di servizi.

Una fetta consistente di questi contenziosi è nata per via dell'esistenza di brevetti di bassa qualità e scarso valore intellettuale, che non avrebbero mai dovuto vedere l'approvazione. Quando Lee è arrivata a dirigere l'USPTO ha disposto una nuova linea di condotta basata sull'invalidare brevetti di bassa qualità una volta portati alla sua attenzione. Ad agosto 2015 l'Ufficio ha pubblicato un resoconto dal quale è emerso l'annullamento di circa un brevetto su quattro di quelli per i quali è stato chiesto il riesame.

Dopo l'elezione di Donald Trump la posizione di Lee è diventata dubbia, in quanto normalmente un nuovo presidente si occupa della nomina di persone fidate nelle varie posizioni chiave: per settimane l'Ufficio Brevetti non ha chiarito se ella fosse ancora direttrice o meno, pur continuando a svolgere le sue funzioni. Su una pagina web del Dipartimento del Commercio la sua posizione era inoltre indicata come vacante. Solo a marzo l'USPTO ha chiarito che Lee continuava a ricoprire la carica di direttrice.

Ad aprile oltre 50 aziende statunitensi, tra le quali alcune importanti realtà del panorama tecnologico come Facebook, Cisco, Google, Amazon, Verizon e molte altre, hanno inviato una lettera al presidente Trump chiedendo di confermare Lee nella convinzione che grazie alla sua direzione l'USPTO avrebbe applicato standard più severi e restrittivi nel riconoscimento di nuovi brevetti e nella conferma di brevetti già esistenti.

Il Dipartimento del Commercio ha intanto nominato Joseph Matal, che da oltre cinque anni lavora come legale per l'Ufficio Brevetti, come direttore ad interim in attesa che il presidente Trump decida di nominare una persona di propria scelta in via definitiva.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AleLinuxBSD08 Giugno 2017, 14:21 #1
Peccato che chi svolge il proprio dovere nei confronti del pubblico sia liquidato.
Che sia considerato scontato, una sorta di consuetudine, l'avvicendamento, di certo non è scontato che il prossimo personaggio faccia il proprio dovere.

Detto questo un radicale cambio nella durata nonché in cosa sia davvero brevettabile potrebbe risolvere alla radice diversi problemi ma, naturalmente, non verrà mai fatto.
Portocala08 Giugno 2017, 14:30 #2
Sembra che Trump voglia subito brevettare COVFEFE
turcone08 Giugno 2017, 15:41 #3
personalmente la vedo come una scelta giusta cambiare : lei era stata scelta dalla apple tramite obama per chiudere le sue cause legali
spero che non venga scelta un'altra marionetta come questa
forse trump non sta sbagliando proprio tutto
@AleLinuxBSD è normalissimo che dopo un'elezione negli usa ci siano i cambi se cerchi su google prova a cercare il plum book è una lista di 8 k posti che diventano disponibili dopo un'elezione del presidente usa e la considero un'ottimo segno di democrazia molto meglio che qui da noi dove le cariche pubbliche diventano a vita
dr-omega08 Giugno 2017, 15:44 #4
"Quando Lee è arrivata a dirigere l'USPTO ha disposto una nuova linea di condotta basata sull'invalidare brevetti di bassa qualità una volta portati alla sua attenzione."

Infatti è da un po' che non brevettano angoli arrotondati o altre scemenze...chissà chi è che ha fatto pressione per far saltare la sciura Lee...mah, chissà...
Tim.magini chi potrebbe essere?

-Troll mode=off -
Mparlav08 Giugno 2017, 15:51 #5
E ma voi a tutti quegli avvocati che stavano perdendo un sacco di lavoro col patent trolling non ci pensate?
Anche loro c'hanno famiglia
globi08 Giugno 2017, 19:20 #6
Negli USA quando cambia presidente cambiano anche molte persone su tutto l`apparato statale, specialmente le persone sui posti chiave, quei posti sono molto ambiti a causa della loro alta retribuzione.
danieleg.dg09 Giugno 2017, 13:55 #7
Originariamente inviato da: turcone
@AleLinuxBSD è normalissimo che dopo un'elezione negli usa ci siano i cambi se cerchi su google prova a cercare il plum book è una lista di 8 k posti che diventano disponibili dopo un'elezione del presidente usa e la considero un'ottimo segno di democrazia molto meglio che qui da noi dove le cariche pubbliche diventano a vita


Secondo me però alla fine il risultato è solo di disfare le cose buone che il precedente aveva fatto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^