L'Immigration USA potrebbe presto chiedere le password degli account social

L'Immigration USA potrebbe presto chiedere le password degli account social

Il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale sta prendendo in considerazione l'ipotesi, applicata ai cittadini di Iran, Iraq, Siria, Sudan, Sompalia, Libia e Yemen. Nulla ancora di certo, ma le cose potrebbero presto cambiare

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Web
 

Fornire la password dei propri account social alle autorità dell'immigrazione USA? E' quanto potrebbe presto accadere a coloro i quali, provenienti da alcuni paesi, decideranno di viaggiare negli Stati Uniti, sia come visitatori, sia come immigrati.

Non v'è, almeno fino ad ora, nulla di confermato, ma l'ipotesi è al vaglio del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale nel contesto di una più ampia azione di rafforzamento dei controlli di sicurezza, e si applicherebbe ai cittadini di Iran, Iraq, Siria, Sudan, Somalia, Libia e Yemen, ovvero i Paesi citati nel controverso ordine esecutivo che il presidente Trump ha firmato poco dopo l'insediamento alla Casa Bianca.

"Vogliamo controllare i loro social media, con le password: quel che dicono e quel che fanno. Se non vogliono collaborare, allora non entrano" sarebbero state le parole di John Kelly, segretario per la sicurezza nazionale, davanti all'House Homeland Security Committee. Kelly sottolinea che la possibilità di disporre della password permetterebbe ai rappresentanti consolari di ottenere un miglior quadro del richiedente visto, specie quando si tratta di soggetti provenienti da uno stato dove l'infrastruttura amministrativa ed anagrafica può essere stata pesantemente compromessa da disordini e conflitti.

Ripetiamo che si tratta, per ora, solamente di valutazioni e che nulla è stato ancora deciso o messo in vigore e che si tratta i misure che non dovrebbero coinvoglere i visitatori provenienti da Stati non considerati dall'ordine esecutivo di Trump.

Ma la domanda vera è: fino a quando? Il presidente Trump, del resto, ha richiesto al Dipartimento per la Sicurezza Nazionale di mettere in atto una procedura di controlli che siano uniformi ed omogenei, il che porterebbe all'applicazione di quanto sopra descritto a chiunque volesse entrare negli USA come immigrato. E, allo stato attuale delle cose, non è chiaro se ciò potrebbe andare ad estendersi anche ai viaggiatori temporanei che si recano negli USA per turismo o affari.

D'altra parte già l'amministrazione Obama si era mossa, seppur in maniera meno incisiva, in questa direzione: negli scorsi mesi era infatti stata approvata una nuova norma per richiedere ai viaggiatori ESTA di inserire - in maniera volontaria - gli indirizzi dei propri account social. La richiesta dell'accesso, con password, è solamente il passo logico successivo.

Intanto, in maniera del tutto coincidente, l'American Civil Liberties Union critica le tecniche di controllo e screening utilizzate dalla Transportation Security Administration, dopo essere entrata in possesso di una serie di documenti che mostrano come la stessa TSA consideri i propri metodi non attendibili e non basati su un fondamento scientifico. La TSA ha usato un processo chiamato Screening Passengers by Observation Techniques (SPOT), del quale sono trapelati alcuni dettagli nel 2015 e che si basa sull'osservazione di alcuni comportamenti che i viaggiatori assumono nell'attesa di adempiere alle procedure di immigration (tra i molti: sbadigliare con enfasi, fischiettare prima del controllo con gli agenti, indossare indumenti poco pratici) per decidere se effettuare un controllo approfondito del soggetto. Da più parti sono state mosse accuse verso la TSA, anche da entrambi gli schieramenti del Congresso, sulla base del sospetto che in vari casi la procedura possa aver assunto tratti discriminatori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
illidan200009 Febbraio 2017, 18:15 #1
pareva uno scherzo.... lo è?
alecns09 Febbraio 2017, 18:22 #2
Secondo me è una bufala. Da quando in qua per vedere cosa scrive uno sui social serve la sua password?
hardwarestrider09 Febbraio 2017, 18:26 #3
Originariamente inviato da: alecns
Secondo me è una bufala. Da quando in qua per vedere cosa scrive uno sui social serve la sua password?


e se volessero controllare anche i messaggi privati?
io comunque sarei nella fogna, perché non m ricordo la password del mio account fake di FB!
LucaLindholm09 Febbraio 2017, 18:26 #4

Mah!

Io le persone non riesco proprio a capirle certe volte.

Perché ci si deve intestardire ad andare in un paese come gli Stati Uniti che si distinguono per servizi pubblici carenti, camere a gas come metodo secondario per l'esecuzione capitale, viola tantissime risoluzioni ONU, non vogliono ratificare i trattati sulla salvaguardia dell'ambiente (tipo i protocolli di Kyoto, unico paese a non averli firmati), laddove l'1% della popolazione possiede oltre il 50% della ricchezza totale e dove... se va bene... si finisce per abitare in una qualche villetta (anche graziosa, per carità, ma desolante a livello sociale il contesto nel quale si inserisce rispetto agli standard cittadini Europei) in periferia dove per comprare qualsiasi cosa bisogna prendere l'automobile e macinare un bel po'!


Non parlo poi dell'Italia, dove tutti vedono la Repubblica Stellata d'oltreoceano come l'El Dorado.


Ma se proprio si volesse emigrare, ma andare in un qualche paese europeo più evoluto, no?

Vi posso garantire, ad esempio, che lì in Svezia i komunisti non mangiano i bambini, eh.

Ma da 25 anni va di moda la Rivoluzione Liberale qui... boh... tutti a voler la griiin card...
doctor who ?09 Febbraio 2017, 19:04 #5
Era chiaro che sarebbero stati 4 anni di meme e comicità di alto livello, ma... WOW ! ho visto articoli più verosimili su lercio
Cfranco09 Febbraio 2017, 20:36 #6
Strano che ce l'abbia con paesi che non hanno mai fatto neanche un morto negli USA mentre i paesi da cui provenivano i vari attentatori non ha neanche pensato di bloccarli
Link ad immagine (click per visualizzarla)
globi09 Febbraio 2017, 22:12 #7

Probabilmente la notizia ha qualcosa di vero

perché é riportata da vari giornali.
Se fosse proprio vero sarebbe una misura del tutto assurda dato che FB già ci pensa a censire i contenuti dei propri utenti e di sicuro un malintenzionato si guarderà bene a non tradirsi attraverso FB o altri siti specialmente se questa misura venisse messa in atto.
globi09 Febbraio 2017, 22:16 #8

@Cfranco

No, é che con certi paesi prevalgono altri interessi che sono militari e finanziari.
frankie09 Febbraio 2017, 22:36 #9
Un conto è dare il nome del proprio account, un conto è la password. Non sono un complottista,anzi, ma dando la password possono metterci ciò che vogliono
Nui_Mg09 Febbraio 2017, 23:50 #10
Selezione naturale sgama sempliciotti
Gli dici che non hai alcun account facebook o altri social e sei a posto (ovviamente i dispositivi te li "ripulisci" prima di affrontare il viaggio, oppure ci sono tante altre varianti, non serve un genio per arrivarci).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^