Il dominio .com compie 30 anni

Il dominio .com compie 30 anni

Il 15 marzo 1985 non è una data estremamente popolare, ma è stato quel giorno che nasceva il primo sito con dominio .com. Ecco qual era

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:31 nel canale Web
 

Il dominio più diffuso sul web nasceva il 15 marzo 1985, con l'anniversario caduto proprio durante lo scorso fine settimana. Noto agli anglofoni come "dot com", il dominio .com veniva registrato per la prima volta dalla società produttrice di computer Symbolics su una rete non disponibile a tutti chiamata Arpanet. Nonostante la compagnia sia ormai defunta, symbolics.com è stato acquistato dal gruppo di investimenti XF.com, ed è il più vecchio dominio .com della storia di internet.


Clicca per vedere l'intera infografica

Nonostante ad oggi .com sia quasi sinonimo della stessa internet e il suo uso sia diffuso lungo una serie smisurata di siti del web delle tipologie più disparate, il dominio ha impiegato alcuni anni prima di "decollare". Nel 1987 erano solo 100 i domini .com registrati, anche se fra questi trovavamo nomi del calibro di Xerox (9 gennaio 1986), HP (3 marzo 1986), IBM (19 marzo 1986), Intel (25 marzo 1986), Adobe (17 novembre 1986) ed Apple (19 febbraio 1987).

Ma l'anno chiave per la diffusione di internet è stato il 1990, anno in cui veniva sviluppato il World Wide Web nei laboratori del CERN in Svizzera. Sino ad allora i siti web contenevano solamente del testo, ma con la nascita del web poteva essere creata un'esperienza d'uso più accattivante con suoni, immagini e una cosiddetta interfaccia utente. Dopo 30 anni, le tre lettere "com" fanno parte di un business stimato di circa 1,3 mila miliardi di dollari l'anno.

"Negli ultimi 30 anni, Internet si è evoluta da fenomeno sconosciuto utilizzato soprattutto da accademici e ricercatori, ad un sistema di comunicazione e commercio globale e canale di condivisione di informazioni di cui pochi possono fare a meno", ha dichiarato il venditore di domini Verisign in occasione dell'anniversario. "Infatti, ad oggi tre miliardi di persone in tutto il mondo sono online, e oltre 1,3 mila miliardi di dollari di vendite globali sui canali di e-commerce si basano su internet".

Ancora oggi il dominio .com è fra i più diffusi globalmente, con circa 80 mila nuovi siti "dot com" che vengono registrati su base giornaliera, circa uno al secondo. La sua popolarità potrebbe essere compromessa, ma non più di tanto, per via della divulgazione dei nuovi domini aperti e più specifici, come .food, .video, .goo, o anche i domini più assurdi, come .rocks o .sucks. Ma in realtà, secondo Verisign, non ne abbiamo di fatto bisogno e .com potrebbe avere una vita decisamente più lunga di quanto prevedibile.

Secondo la società, se tutti i 2,5 miliardi di utenti internet registrassero un dominio .com ogni secondo per i prossimi 30 milioni di anni, questi riuscirebbero ad occupare solo una minima frazione - di molto inferiore all'1% - dei nomi di dominio disponibili ad oggi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TheQ.17 Marzo 2015, 13:12 #1
ave ave dot com (non Kim)
cignox117 Marzo 2015, 13:23 #2
Non pensavo fosse cosí vecchio! Avevo 4 anni e la cosa piú tecnologica in casa era un televisore!
piererentolo17 Marzo 2015, 15:30 #3
Originariamente inviato da: cignox1
Non pensavo fosse cosí vecchio! Avevo 4 anni e la cosa piú tecnologica in casa era un televisore!

Io almeno avevo il Gig Tiger
Therinai17 Marzo 2015, 17:47 #4
io e dot com siamo dello stesso anno... ma io sono ancora a 29 per qualche mese

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^