Chrome 76 disponibile al download: ecco tutte le novità dell'update

Chrome 76 disponibile al download: ecco tutte le novità dell'update

Nell'ultima versione del browser sono presenti diverse novità molto interessanti ad esempio nella gestione dei contenuti Flash, nella Modalità Incognito e nella dark mode

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Web
GoogleChrome
 

L'ultima funzionalità di grossa importanza su Chrome è stata la dark mode delle versioni 73 e 74, mentre la release 75 non ha introdotto grandissime novità. Chrome 76, disponibile negli ultimi giorni nella variante stabile, ha alcune funzionalità decisamente interessanti.

La nuova versione dà una nuova spallata a Flash, e continua gli sforzi di Google nei confronti del passaggio ad HTML5. A partire dalla fine del 2016 Chrome ha iniziato a bloccare alcuni contenuti Flash, mentre poco dopo ha imposto l'attivazione manuale del plug-in per ogni singolo sito. A luglio 2017, poi, Adobe ha annunciato la cessazione del supporto di Flash, fattore che ha portato Google ad annunciare, a sua volta, l'eliminazione del plug-in dal browser a partire dalla fine del 2020.

Chrome 76 è un ulteriore passo in tal senso, visto che blocca il plug-in Flash di default. Con la nuova versione Flash può essere attivato solo attraverso la pagine delle impostazioni https://settings/content/flash. I contenuti Flash, inoltre, possono essere attivati solo cliccando su di essi proprio come avviene oggi.

C'è inoltre una novità con la Modalità Incognito, che adesso usa API più avanzate che impediscono ai siti di rilevare l'attivazione della Modalità e quindi bloccarne alcune funzionalità. Potrebbe dare fastidio agli editori che utilizzano i cosiddetti "paywall", offrendo alcuni contenuti solo dopo l'avvenuto pagamento dell'utente. Con le nuove API gli utenti potrebbero aggirare alcuni paywall ottenendo contenuti e funzioni complete anche gratis.

Sulla nuova versione di Chrome abbiamo anche una nuova scorciatoia "Install" per le Progressive Web Apps, che si aggiorneranno inoltre più velocemente rispetto al passato su Android. I WebAPK salvati consentiranno alle applicazioni di comparire sul launcher e nelle impostazioni di sistema sul sistema operativo del robottino verde, e gli aggiornamenti verranno cercati quotidianamente, e non ogni tre giorni come avviene con le versioni attuali del browser.

Molto interessante la novità prevista su Chrome per Mac e Windows, che dispongono già di una modalità scura per la barra degli indirizzi, le tab e altri elementi dell'interfaccia grafica. Questa modalità si attiva quando il sistema operativo è impostato nella modalità scura e con Chrome 76 i siti rileveranno l'opzione e potranno decidere se attivare una modalità scura all'interno dello stesso sito, rispettando quindi la preferenza del SO.

Per tutte le novità minori dell'aggiornamento e per un ulteriore approfondimento vi rimandiamo al blog ufficiale di Chromium. Chrome 76 è già disponibile al download qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GiGBiG02 Agosto 2019, 00:24 #2
ECCO che l'hanno rifatto!
Prima ci hanno fatto perdere tempo attivando l'"esperimento" del Site Isolation e incasinandoci col CORB, ma per fortuna scassandosi un po' le b***e si poteva disattivare e tutto tornava a funzionare.
Adesso hanno bloccato definitivamente le estensioni per il CORS, bloccandoci lo sviluppo (o costringendoci ad usare Firefox, che però sta per arrivarci pure lui) e ci tocca smanettare sul server per far funzionare di nuovo i client compilati in locale: ma porca di quella vacca, tra Google e Apple non si può mai stare tranquilli! Arrivi un giorno in ufficio, accendi il PC e può succedere che ti tocchi perdere uno o più giorni per sistemare i nuovi problemi che introducono a loro piacimento!
Naturalmente Google lo fa per questioni di sicurezza (Apple fa solo caxate), quindi dovrei incaxxarmi con quei rompixxxxxxxx che costringono tutti a rivedere hardware e software per tappare le falle di sicurezza che non esisterebbero se non esistessero 'sti esseri immondi sempre pronti a sfruttarle.

Che due O O !!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^