Amazon accetta di pagare 100 milioni di euro all'Italia: pace fatta con il Fisco

Amazon accetta di pagare 100 milioni di euro all'Italia: pace fatta con il Fisco

Il gigante di Bezos accetta di siglare l'accertamento con adesione al fine di risolvere i danni economici relativi all'evasione fiscale di cui è stata accusata in Italia

di pubblicata il , alle 14:21 nel canale Web
Amazon
 

Amazon deve fare i conti con gli organi di giustizia italiani dopo che è stata trovata potenzialmente colpevole di evasione fiscale nei confronti dello Stivale. Il colosso dell'e-commerce fondato da Jeff Bezos ha firmato l'accertamento con adesione per risolvere le "potenziali" controversie relative alle indagini fiscali svolte da Guardia di Finanza e coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano, al fine di verificare l'operato economico della compagnia dal 2011 al 2015.

Ad annunciare la novità è l'Agenzia delle Entrate per mezzo di un breve comunicato stampa. Amazon segue un percorso già intrapreso dagli altri Big del mondo tecnologico, come Google e Apple, compagnie che hanno sfruttato paesi con economie a tassazione agevolata per stornare i proventi italiani all'estero e non pagare il corrispettivo dovuto allo Stato italiano. E a quanto pare siamo solo agli inizi, visto che le Autorità italiane hanno promesso di continuare i controlli.

"Con Amazon sarà ripreso il percorso, a suo tempo sospeso a seguito dei controlli attivati, finalizzato alla stipula di accordi preventivi per la corretta tassazione in Italia in futuro delle attività riferibili al nostro Paese", si legge nella nota. "L'Agenzia conferma il suo impegno nel perseguire una politica di controllo fiscale attenta alle operazioni in Italia delle multinazionali del web".

Amazon pagherà quindi 100 milioni di euro, importo quantificato sulla base dei guadagni di Amazon EU S.ar.l e Amazon Italia Services srl nel Belpaese all'interno del periodo compreso tra il 2011 e il 2015. Insomma, sembra che per le multinazionali la pacchia sia finita e se Amazon piange, infatti, Google ed Apple non ridono: la prima dovrà versare 306 milioni per il periodo 2002-2015, mentre la società di Cueprtino ha accettato di pagare 318 milioni per il periodo 2008-2013.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
[?]18 Dicembre 2017, 14:32 #1
Risultato: Alzeranno i prezzi e a prenderla nel **** saranno gli utenti.
onka18 Dicembre 2017, 14:37 #2
l'anno prossimo aumenta prime...
alexbilly18 Dicembre 2017, 14:41 #3
cata8118 Dicembre 2017, 14:43 #4
IMHO credo sia un forfait, mi sembrano pochi.
FroZen18 Dicembre 2017, 14:44 #5
Originariamente inviato da: [?]
Risultato: Alzeranno i prezzi e a prenderla nel **** saranno gli utenti.


no prima lo prendeva nel c... anche chi non era loro cliente e si era in piena concorrenza sleale.

Benissimo, avanti tutta.

Devono tornare un bel po' di soldi dalla california verso il resto del mondo, invece di comprarsi una ferrari al mese si accontenteranno di una maserati all'anno..... sopravviveranno.
FroZen18 Dicembre 2017, 14:45 #6
Originariamente inviato da: cata81
IMHO credo sia un forfait, mi sembrano pochi.


quello è sicuro, ma meglio di niente come prima....

Mobilità dei capitali: voilà, la fregatura è servita.
Noir7918 Dicembre 2017, 14:51 #7
L'articolo non spiega nel dettaglio a cosa sono dovuti questi 100 milioni, perché non erano pagati prima e sulla base di cosa, quindi é difficile commentare sul nulla.
Pkarer18 Dicembre 2017, 14:52 #8

100 milioni di tangenti.

100 milioni di tangenti. Che tristezza.
NeverKnowsBest18 Dicembre 2017, 14:55 #9
Originariamente inviato da: cata81
IMHO credo sia un forfait, mi sembrano pochi.

Sono pochissimi. Parliamo di un periodo che copre più di un anno, e per quello che fatturano loro dovrebbero pagare tasse per almeno il triplo di quella cifra, i piccoli imprenditori in proporzione pagano molto più di Amazon. Paradossale a dir poco
viper-the-best18 Dicembre 2017, 15:07 #10
Infatti...poi si crede che il problema dell'elusione/evasione siano i piccoli commercianti che non emettono gli scontrino.
Mentre multinazionali che dovrebbero pagare 900K, patteggiano per 100K e continuano a fare il loro sporco gioco

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^