WhatsApp estende il supporto per alcuni vecchi dispositivi fino al giugno 2017

WhatsApp estende il supporto per alcuni vecchi dispositivi fino al giugno 2017

WhatsApp ha annunciato un'estensione dei termini di cessazione supporto per i sistemi operativi più vecchi. Non cambia nulla per i terminali con Android 2.1 e 2.2, iOS 6 o Windows Phone 7, mentre viene estesa la tempistica per Nokia S40, Symbian S60 e BlackBerry

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:31 nel canale Telefonia
WhatsAppNokiaSymbianBlackBerryAndroidiOSWindows Phone
 

Buone notizie per chi possiede ancora un dispositivo Nokia S40, Symbian S60 o un BlackBerry con installato il proprietario BB OS, inclusa la versione BB10. WhatsApp ha infatti aggiornato la pagina in cui annunciava la cessazione del supporto dei dispositivi più vecchi ufficializzando un'estensione delle tempistiche per le vecchie piattaforme mobile fino al prossimo 30 giugno 2017.

Non sono stati annunciati cambiamenti per i dispositivi con Android 2.3 Gingerbread o precedenti, Windows Phone 7 o iOS 6 o precedenti. Su questi terminali WhatsApp cesserà di funzionare alla fine del 2016, salvo ulteriori cambi nei programmi ufficializzati dalla compagnia nella settimana in cui celebrava il settimo anno dal debbutto: "È stato un viaggio sorprendente e nei prossimi mesi metteremo ancora più enfasi sulle funzioni di sicurezza e su ulteriori modi per rimanere in contatto con le persone che vi stanno a cuore", si legge sulla pagina ufficiale.

"Ma gli anniversari sono anche l'occasione per guardare al passato. Quando abbiamo iniziato WhatsApp nel 2009, l'uso dei dispositivi mobili era molto diverso da quello di oggi. L'App Store di Apple aveva solo pochi mesi di vita. Circa il 70 per cento degli smartphone venduti all'epoca aveva i sistemi operativi offerti da BlackBerry e Nokia. I sistemi operativi mobili offerti da Google, Apple e Microsoft erano allora presenti su meno del 25 per cento dei dispositivi mobili venduti".

WhatsApp Messenger cesserà quindi di funzionare il 31 giugno 2017 sulle piattaforme BlackBerry, BlackBerry 10, Nokia S40 e Nokia Symbian S60 mentre a fine 2016 sui dispositivi Android 2.1 e 2.2, Windows Phone 7 e iPhone 3GS o iPhone generici dotati di iOS 6.

L'obiettivo è quello di concentrare gli sforzi sulle piattaforme mobili utilizzate dalla "stragrande maggioranza delle persone". Sarà improbabile pertanto vedere una versione Lite dell'applicazione funzionante su virtualmente tutti i dispositivi in circolazione, proprio come quella lanciata da FacebookLa percentuale dei dispositivi coinvolti nel "taglio" è comunque irrisoria: WhatsApp ha dalla sua oltre 1 miliardo di utenti attivi sul servizio, quindi può sopportare senza troppi problemi una perdita di pochi milioni, che saranno costretti ad aggiornare entro fine anno, o fine giugno 2017, se vorranno continuare ad utilizzare la piattaforma di messaggistica più popolare al mondo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej05 Dicembre 2016, 15:32 #1
peccato bb10
quartz05 Dicembre 2016, 15:33 #2

Obsolescenza programmata

Si vede che hanno bisogno di sostenere il mercato degli smartphone, ultimamente non più in crescita impetuosa come negli scorsi anni.
AlexAlex05 Dicembre 2016, 15:46 #3
Originariamente inviato da: quartz
Si vede che hanno bisogno di sostenere il mercato degli smartphone, ultimamente non più in crescita impetuosa come negli scorsi anni.


oddio, in questo caso si parla di dispositivi ormai più che vecchi...
BulletHe@d05 Dicembre 2016, 15:47 #4
in questo caso non è obsolescenza programmata, ma essendo cambiato molto WhatsUp oramai le configurazioni più datate non reggono il passo non ci vedo nulla di strano anche perchè escluso BBos (che come windos phone avevano queote di mercato bassissime) tutti gli altri sistemi in pratica non esistono più
nickmot05 Dicembre 2016, 15:48 #5
Originariamente inviato da: quartz
Si vede che hanno bisogno di sostenere il mercato degli smartphone, ultimamente non più in crescita impetuosa come negli scorsi anni.


Si parla di dispositivi non più in vendita da un bel pezzo (ad eccezione degli S40).
La stragrandissima maggioranza di queie telefoni è abbandonata dal produttore da annii, in molti nemmeno c'è abbastanza memoria per installare le ultime versioni del client.
sbaffo05 Dicembre 2016, 17:35 #6
Notizia vecchiotta, comunque il denominatore comune è il tastierino fisico per quelli che sono stati 'graziati' fino a giugno, i full touch invece restano fermi a fine anno.

Certo che potrebbero lasciare le versioni attuali senza aggiornamenti e nuove feature ma funzionanti invece di bloccarne il funzionamento. Già manca la possibilità di (video)chiamare su symbian per esempio. Non credo che diventino incompatibili introducendo chissà quali novità...

Spero che almeno lascino la possibilità di usare il cell per fare il login su web/pc, poi magari si troverà qualche metodo alternativo per continuare a usare wa anche su cell tramite log web/pc o con quelle app aggregatori di chat dove facevi il log sull'aggregatore per tutte nella stessa finestra (tipo nimbuzz mi pare, in realtà non le ho mai usate).
TheDarkAngel05 Dicembre 2016, 17:40 #7
Originariamente inviato da: sbaffo
Notizia vecchiotta, comunque il denominatore comune è il tastierino fisico per quelli che sono stati 'graziati' fino a giugno, i full touch invece restano fermi a fine anno.

Certo che potrebbero lasciare le versioni attuali senza aggiornamenti e nuove feature ma funzionanti invece di bloccarne il funzionamento. Già manca la possibilità di (video)chiamare su symbian per esempio. Non credo che diventino incompatibili introducendo chissà quali novità...

Spero che almeno lascino la possibilità di usare il cell per fare il login su web/pc, poi magari si troverà qualche metodo alternativo per continuare a usare wa anche su cell tramite log web/pc o con quelle app aggregatori di chat dove facevi il log sull'aggregatore per tutte nella stessa finestra (tipo nimbuzz mi pare, in realtà non le ho mai usate).


Lasciare disponibili versioni vecchie funzionanti espone tutta l'infrastruttura ad attacchi di ogni tipo, fanno più che bene a tagliare tutto quello che non vogliono/possono aggiornare con continuità.
sbaffo05 Dicembre 2016, 17:55 #8
Originariamente inviato da: TheDarkAngel
Lasciare disponibili versioni vecchie funzionanti espone tutta l'infrastruttura ad attacchi di ogni tipo, fanno più che bene a tagliare tutto quello che non vogliono/possono aggiornare con continuità.

mmm, non sono esperto, però è già criptato end to end, supponevo che fosse già sicuro. Poi non è come un browser che ci navighi e trovi codice malevolo, per cui ci sono sempre nuove falle e update mensili o anche più frequenti, cioè WA non mi pare così esposto ad attacchi, almeno i client. Poi i loro server magari sono bombardati.... ma dall'esterno, come tutti i server importanti.
Vash8805 Dicembre 2016, 18:01 #9
A parte la questione sicurezza, sicuramente importante, è una scelta dettata dai soldi. Supportare meno configurazioni permette di impiegare le stesse persone su progetti differenti, a parità di risorse. Evidentemente i numeri di utanti sono tali da essere ininfluenti. Inoltre, tagliando il supporto spingono i clienti a prendere un terminale moderno che contenga anche tutte le nuove funzionalità, fidelizzandolo ancora di più.
quartz05 Dicembre 2016, 18:52 #10
Originariamente inviato da: nickmot
La stragrandissima maggioranza di queie telefoni è abbandonata dal produttore da annii


E quindi?

Se hai un computer di più di 4 anni che ancora fa quello che ti serve lo butti perchè il tuo hardware o software "non è più supportato"?
Se tua nonna ha un pc con Windows XP e Office 2004 che usa, ad esempio, per tenere la contabilità di casa, le dici "nonna cambialo perchè Office 2004 non è più supportato"?

Chi possiede i vecchi dispositivi è consapevole di non essere supportato, con tutti i rischi del caso, non vedo perchè debbano negare il servizio.

Io stesso vi sto scrivendo da un Macbook del 2008 con OS X 10.6, che ancora fa tutto quello che mi serve. Dovrei cambiarlo perchè non è supportato da anni?
No, preferisco prendermi il rischio e non sborsare soldi per un pc nuovo che farebbe le stesse identiche cose di quello attuale, solo con un numero di versione del software più alto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^