Samsung potrebbe far risorgere Galaxy Note 7 (dalle proprie ceneri)

Samsung potrebbe far risorgere Galaxy Note 7 (dalle proprie ceneri)

Circolano ancora voci sulla possibilità di vedere ancora una volta in vendita Galaxy Note 7 in versione ricondizionata, soprattutto nei mercati emergenti

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Telefonia
SamsungGalaxy
 

Nonostante Samsung abbia scoperto e rivelato al pubblico la causa che ha provocato incendi ed esplosioni su Galaxy Note 7 la storia del phablet coreano non può definirsi conclusa. Il dispositivo è stato richiamato dal mercato più volte per via di un difetto alla batteria integrata, e l'ultima campagna di richiamo è stata definitiva. Tuttavia potremo ancora rivedere il dispositivo sugli scaffali dei negozi in versione ricondizionata e con una batteria più piccola.

Secondo quanto riporta The Korea Economic Daily il colosso sudcoreano vorrebbe vendere Note 7 ricondizionati a partire dal prossimo mese di giugno. I dispositivi potrebbero integrare batterie più conservative e piccole dalla capacità di 3000 o 3200 mAh in modo da non compromettere la struttura dello smartphone.  Anche la scocca posteriore potrebbe ricevere alcune modifiche, mentre il resto delle componenti interne dovrebbe essere del tutto invariato.

I Galaxy Note 7 ricondizionati potrebbero non arrivare in tutto il mondo, con l'iniziativa che potrebbe essere limitata solamente ad alcuni mercati emergenti come l'India e il Vietnam visto il ban presente negli USA e in Europa. Sono solo indiscrezioni attualmente, niente di ufficiale, tuttavia la notizia dei Note 7 ricondizionati circola ormai da tempo: lo scorso mese Reuters sosteneva che la vendita di modelli ricondizionati del phablet fosse certamente una possibilità, quasi una necessità.

Samsung ha infatti prodotto milioni di Galaxy Note 7, ormai quasi tutti restituiti al colosso che si trova quindi con un grosso numero di invenduti. Correggere il difetto e reinserirli nei canali di vendita può essere una soluzione per evitare problemi di tipo ambientale con le operazioni di riciclaggio e smistamento rifiuti. Vendendo i Note 7 ricondizionati Samsung potrebbe quindi disfarsi delle unità in esubero in maniera efficace, e soprattutto economicamente molto interessante.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
matrix8321 Febbraio 2017, 15:10 #1
"Dalle proprie ceneri" è un tocco di classe
kamon21 Febbraio 2017, 15:22 #2
Li vendessero a 250€, mi teletrasporterei in negozio con i soldi in bocca... ma temo che il prezzo sarà almeno doppio .
Vash8821 Febbraio 2017, 15:29 #3
Originariamente inviato da: kamon
Li vendessero a 250€, mi teletrasporterei in negozio con i soldi in bocca... ma temo che il prezzo sarà almeno doppio .


Non credo, dovranno stare bassi con il prezzo, devono rientrare delle spese ma il danno di immagine è alto. Sarà venduto sotto un altro nome o come edizione speciale in alcuni mercati, difficilmente in occidente. Se fosse possibile lo comprerei al D1 anch'io
Mars4ever21 Febbraio 2017, 15:51 #4
Originariamente inviato da: matrix83
"Dalle proprie ceneri" è un tocco di classe

Ma dai com'è possibile che questo device non abbia avuto successo? Hanno detto tutti che era una bomba!
frankie21 Febbraio 2017, 15:58 #5
Ma mettere una batteria da 100mAh il giorno dopo il primo fallout era troppo difficile?

Anche l'ingegner cane ci sarebbe arrivato...
PietroGiuliani21 Febbraio 2017, 16:01 #6
Originariamente inviato da: frankie
Ma mettere una batteria da 100mAh il giorno dopo il primo fallout era troppo difficile?

Anche l'ingegner cane ci sarebbe arrivato...


Con 100mAh ci vuole il polmone d'acciaio!
piefab21 Febbraio 2017, 16:16 #7
Operazione da valutare molto bene. E' vero che devono smaltire milioni di Note7 richiamati o invenduti ma se vendono il Note7 in concorrenza con S8 e probabilmente Note8, si danno la zappa sui piedi...
LMCH21 Febbraio 2017, 18:30 #8
Originariamente inviato da: piefab
Operazione da valutare molto bene. E' vero che devono smaltire milioni di Note7 richiamati o invenduti ma se vendono il Note7 in concorrenza con S8 e probabilmente Note8, si danno la zappa sui piedi...


Per questo dicono che vogliono proporli in mercati emergenti, dove c'è meno gente che può permettersi l'S8 ma dove a prezzo più basso il Note7 troverebbe una sua nicchia.
Phoenix Fire22 Febbraio 2017, 09:39 #9
Originariamente inviato da: LMCH
Per questo dicono che vogliono proporli in mercati emergenti, dove c'è meno gente che può permettersi l'S8 ma dove a prezzo più basso il Note7 troverebbe una sua nicchia.


concordo, poi se il prezzo fosse interessante potrebbe ritagliarsi una nicchia stile xiaomi in occidente, con rivenditori che lo importano
globi22 Febbraio 2017, 20:11 #10
Credo che la gente lo acquisterebbe bene dovunque se il prezzo corrispondesse a quel che la gente é disposta a pagare. Credo pure che con questa vicenda delle batterie difettose del Note7 quasi tutti i potenziali acquirenti Samsung abbiano ancora fiducia nei prodotti di questa casa. Questa idea di vendere i prodotti ricondizionati solo nei paesi emergenti é dettata dalla volontà di tenere i prezzi alti nei paesi dove molta gente può spendere di più.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^