Obsolescenza programmata, il Tar del Lazio conferma la sanzione contro Apple

Obsolescenza programmata, il Tar del Lazio conferma la sanzione contro Apple

Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso di Apple sull'obsolescenza programmata, confermando la sanzione di 10 milioni di euro comminata nel 2018. Al centro della vicenda gli iPhone 6 e 6s e il passaggio ad iOS 10.

di pubblicata il , alle 20:31 nel canale Telefonia
AppleiPhone
 

Il Tar del Lazio ha confermato la multa di 10 milioni di euro comminata ad Apple nel 2018 dall'Antitrust per quella che l'associazione Altroconsumo definisce "obsolescenza prematura", ossia la pratica di minare consapevolmente l'esperienza d'uso di un dispositivo per indurre il passaggio a un prodotto più recente. Molti di voi la conoscono meglio come "obsolescenza programmata". Il tribunale ha riconosciuto la pratica come "aggressiva verso i consumatori". Apple aveva già versato il dovuto nel novembre 2018, ma aveva comunque proceduto al ricorso.

La vicenda riguarda gli iPhone 6/6s, le rispettive varianti Plus e il passaggio ad iOS 10, sistema operativo sviluppato per gli iPhone 7. Apple, ai tempi, non informò adeguatamente gli utenti dei dispositivi "delle maggiori richieste di energia del nuovo sistema operativo e delle possibili conseguenze dovute all'installazione, come l'inconveniente degli improvvisi spegnimenti", spiega l'associazione per la tutela dei consumatori. Per sistemare la situazione Apple introdusse l'update iOS 10.2.1 nel febbraio 2017, omettendo però che "l'installazione avrebbe ridotto la velocità di risposta e, di conseguenza, anche la funzionalità dei dispositivi".

"Solo nel dicembre 2017, quindi, dopo che i consumatori si erano abbondantemente scontrati con i problemi di funzionamento non coperti dalla garanzia legale, Apple decise di sostituire le batterie a un prezzo scontato. Come se non bastasse, stando a quanto comunicato dall'Autorità, Apple non avrebbe fornito ai consumatori informazioni adeguate su alcune caratteristiche essenziali delle batterie al litio, come le informazioni riguardo la loro vita media e la deteriorabilità".

Anche Samsung fu sanzionata dal Garante per un motivo analogo con 5 milioni di euro. Al centro della querelle il Galaxy Note 4 e il passaggio ad Android Marshmallow, che comportò seri problemi ai possessori del dispositivo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf29 Maggio 2020, 21:35 #1
Si stanno ammazzando dalle risate.
michel9430 Maggio 2020, 01:36 #2
Con questa manovra hanno guadagnato miliardi e noi li sanzioniamo con 10 milioni?
Quando si dice “equità “!
Anzi hanno fatto pure ricorso .....
Uno sconticino però glielo potevano fare
eureka8530 Maggio 2020, 11:36 #4
dieci milioni di euro ad una Multinazionale che ha la liquidità pari al PIL della Grecia ed Italia con queste multe ridicole conviene alle Multinazionali continuare con l'obsolescenza. Samsung consente solo due aggiornamenti Android tanto vale comprarli soltanto Usati risparmiando oltre il 60% mai + prodotti nuovi
OttoVon30 Maggio 2020, 12:33 #5
La legge stabilisce la sanzione.

Un giudice può solo applicarla, non può superare le cifre previste perché è apple.
Noto poi che quando si multa per miliardi è lo stato ladro che vuole approfittarne; quando si multa per pochi milioni è lo stato co*ione, senza maroni o colluso che fa il debole con i forti.

Boh.


Leggendo il codice del consumo mi pare di capire che dieci milioni sia il massimo.
eureka8530 Maggio 2020, 13:16 #6
Le Leggi le creano i Politici che sono Espressione del POPOLO se lo stato è co*ione, senza maroni o colluso dovrebbero esserlo anche i cittadini che votano siffatti individui per rappresentarli almeno a rigor di logica in "Democrazia".
michel9430 Maggio 2020, 15:51 #7
Partiamo dal presupposto che la multa in questione è di fatto una pena.
Una pena per una violazione.
La pena deve necessariamente essere commisurata alla violazione e deve essere equa per tutti.
L’equità della punizione nel penale è facile, un anno di reclusione ad un miliardario equivale ad un anno di reclusione di un povero.
Nelle multe NON è così, non esiste il principio di equità perché la
Multa di 1000 euro ad un miliardario NON corrispondono a 1000 euro di un povero.
Basterebbe fare una Legge che non sta is a una misura pecuniaria ben determinata ma bensì variabile in rapporto del danno causato e in base al potere economico del contravventore, semplice. Ma è certo che una Legge del genere nessuno la vuole.......... (nessuno?)
Kernel3230 Maggio 2020, 16:58 #8
Questo mi ricorda la multa a quel famoso motociclista che evase 112 milioni e ne pagò 20 ed ebbe anche il coraggio di dire "che cosa vuole da me l’Italia?”
eureka8530 Maggio 2020, 18:52 #9
Nessuno la vuole ? Non la possono fare perchè comandano le Multinazionali sui politici infatti non li possiamo scegliere più ma vengono decisi dai partiti non dal popolo insomma una finta democrazia.
NickNaylor31 Maggio 2020, 00:45 #10
io non sono d'accordo e quel tel l'ho pure avuto ( e non mi piaceva ma questo è un altro paio di maniche)
apple è quella che ha i terminali più longevi ( e di molto) proprio per il continuo supporto software, disincentivare gli update è controproducente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^