Huawei, rilasciata su cauzione la CFO Meng Wanzhou arrestata in Canada

Huawei, rilasciata su cauzione la CFO Meng Wanzhou arrestata in Canada

Con una cauzione di 10 milioni di dollari canadesi la CFO di Huawei, Meng Whazou, è di nuovo in libertà in attesa dell'udienza sull'estradizione negli USA

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Telefonia
Huawei
 

Un tribunale canadese ha garantito la libertà su cauzione alla dirigente di Huawei Technologies accusata di frode con le banche in merito a presunte trattative commerciali con l'Iran, in attesa dell'udienza per l'estradizione negli Stati Uniti. In relazione agli accordi presi con la giustizia canadese Meng Whanzou, madre di quattro figli e figlia del fondatore del colosso delle telecomunicazioni nonché responsabile finanziaria della società, non potrà lasciare la British Columbia e nelle ore notturne non potrà lasciare la sua residenza a Vancouver.

Il giudice William Ehrcke ha stabilito a Vancouver il rilascio della dirigente su una cauzione di 10 milioni di dollari canadesi, pari a circa 6,5 milioni di euro. La mossa arriva dopo l'inasprimento del confronto fra Stati Uniti e Cina in merito alla delicata vicenda, che vede come motivazione indiretta il possibile dominio tecnologico di Huawei per quanto riguarda lo sviluppo delle reti in 5G. Alcuni esperti avevano previsto rappresaglie dalla Cina, ed in breve è arrivato l'arresto di un ambasciatore USA, anche se apparentemente slegato dal caso Huawei.

Il rilascio su cauzione è un piccolo passo in avanti all'interno di un processo ben più ampio e delicato che nasce dai sospetti dell'America nei confronti del produttore cinese relativamente ad una presunta violazioni sulle sanzioni contro l'Iran. Meng Whanzou è stata arrestata a Vancouver il 1° Dicembre su richiesta delle Autorità americane proprio per via di una presunta violazione delle sanzioni contro l'Iran e bloccata durante un trasferimento aereo verso il Messico da Hong Kong. 

Meng ha fatto parte del consiglio di amministrazione di una società con sede a Hong Kong chiamata Skycom, la quale avrebbe fatto affari con l'Iran tra il 2009 e il 2014. In quel momento, però, Huawei avrebbe lavorato con le banche americane violando quindi indirettamente le sanzioni contro l'Iran e commettendo una frode nei loro confronti. Peggiora la situazione il fatto che, secondo il pubblico ministero, Skycom è essenzialmente Huawei sotto un altro nome. Gli USA hanno emesso il mandato di arresto il 22 Agosto, e attraverso quest'ultimo hanno agito le autorità canadesi.

Gli USA dovranno fornire le prove a suffragio delle loro teorie, e dovranno presentare una richiesta formale per l'estradizione. Potrebbe intervenire all'interno del processo anche il Presidente USA Donald Trump, come lo stesso ha dichiarato a Reuters martedì scorso, anche se ha specificato che ancora non è stato contattato dai vertici cinesi. Il giudice ha stabilito il rilascio della dirigente Huawei principalmente perché non c'è alcun rischio di fuga, e perché l'accusa da parte degli USA riguardo i tentativi di Whanzou di evitare l'America è stata considerata "speculativa e priva di fondamento".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tallines12 Dicembre 2018, 13:32 #1
Azzzz 10 milioni di dollari.............

vabbè intanto è fuori, vediamo cosa succede con l' estradizione .
Sandro kensan12 Dicembre 2018, 14:13 #2
Dopo il blocco del commercio di prodotti Huawei e dopo l'arresto del numero due di Huawei prevedo ritorsioni cinesi.

Ah, ecco sono già arrivate con l'arresto (mossa speculare) di un ex ambasciatore canadese che ha organizzato l'ultimo arrivo del presidente canadese in Cina. Un pezzo grosso come lo è la Meng. 1 pari e palla al centro.

«L’ex diplomatico canadese Michael Kovrig, dallo scorso anno in forza all’International Crisis Group, è stato arrestato in Cina. La non-profit di Bruxelles, diretta da Robert Malley (americano e consigliere della presidenza Clinton e Obama), ha diffuso una nota.»

https://formiche.net/2018/12/cina-d...presaglia-meng/

Sandro kensan12 Dicembre 2018, 14:28 #3
Ci sono novità in merito. Il diplomatico canadese ha violato una legge cinese sulle NGO e quindi sarà incarcerato:

https://www.theguardian.com/world/2...nadian-diplomat
Sputafuoco Bill12 Dicembre 2018, 15:24 #4
Huawei praticamente ha operato come una associazione a delinquere.
-Ha ceduto agli iraniani delle tecnologie di proprietà americana per cui Huawei aveva pagato la licenza, impegnandosi a non esportarle in Iran.
-Le infrastrutture di comunicazione Huawei hanno una backdoor che permette al governo cinese di spiare e rubare segreti industriali e comunicazioni civili e militari.
-Ha violato le sanzioni contro il regime iraniano per mezzo della sussidiaria Skycom Tech (Hong Kong), che ha continuato a fare affari con l’Iran per conto di Huawei.
- Ha commesso una frode finanziaria nel 2013, quando Meng dichiarò alla banca HSBC che Huawei aveva venduto tutte le sue azioni Skycom.

Finalmente anche il Giappone, dopo USA, Australia, UK e Nuova Zelanda ha bloccato l'installazione di infrastrutture Huawei, usate per lo spionaggio da parte dell’orwelliano regime cinese.
aqua8412 Dicembre 2018, 16:08 #5
lo sblocco dei dispositivi Huawei protetti da account Google avviene proprio tramite backdoor

ma mi sono sempre chiesto, i soldi delle cauzioni, a chi vanno?
xchè viene fuori un bel business ad arrestare persone e poi scrivere un listino prezzi
Bradiper12 Dicembre 2018, 16:54 #6
a me pare che l america voglia farla da padrona in tutto il mondo ..spero che la cina vieti tutti i dispositivi americani in primis apple microsoft vedrete che contraccolpo economico.
tallines12 Dicembre 2018, 18:05 #7
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Ci sono novità in merito. Il diplomatico canadese ha violato una legge cinese sulle NGO e quindi sarà incarcerato:

https://www.theguardian.com/world/2...nadian-diplomat

Ahh bè adesso si attaccano l' uno con l' altro.............e poi fanno un pò di soldi con le cauzioni
trapanator12 Dicembre 2018, 18:10 #8
Originariamente inviato da: Bradiper
a me pare che l america voglia farla da padrona in tutto il mondo ..spero che la cina vieti tutti i dispositivi americani in primis apple microsoft vedrete che contraccolpo economico.


Perché, la Cina no?
enos7612 Dicembre 2018, 21:29 #9
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Huawei praticamente ha operato come una associazione a delinquere.
[CUT]
-Le infrastrutture di comunicazione Huawei hanno una backdoor che permette al governo cinese di spiare e rubare segreti industriali e comunicazioni civili e militari.
-Ha violato le sanzioni contro il regime iraniano per mezzo della sussidiaria Skycom Tech (Hong Kong), che ha continuato a fare affari con l’Iran per conto di Huawei.
[CUT]

Finalmente anche il Giappone, dopo USA, Australia, UK e Nuova Zelanda ha bloccato l'installazione di infrastrutture Huawei, usate per lo spionaggio da parte dell’orwelliano regime cinese.


Non ci sono prove pubbliche delle backdoor Huawei, a differenze delle password hardcoded su Cisco patchate a mesi alterni e dei tanti programmi americani per minare gli standard crittografici. O della recente approvazione del governo australiano delle backdoor sui prodotti crittografici, tanto per fare un esempio di un altro membro dei "five eyes".

In Europa fare affari con l'Iran non è considerato crimine, anzi: dopo che gli americani hanno ricattato SWIFT di sanzioni e questa si è tirata indietro, stiamo preparando un sistema di pagamento alternativo apposta.

A proposito di regimi orwelliani e disonesti, è stato provato in diverse occasioni che i "national interests" americani comprendono lo spionaggio di aziende estere e dei governi alleati a fini economici. Il tutto senza discutere questioni ancora più serie come guerre per il petrolio e vittime civili dei droni usati senza autorizzazione in terra straniera, o di governi nemici rovesciati da organizzazioni criminali armate e poi rivelatesi incontrollabili.

Prima di accusare qualcuno dovresti informarti, essere obiettivo e usare la stessa misura anche per gli altri. Magari alla Huawei non sono santi, ma non sono peggio di tanti nostri "amici".
trapanator13 Dicembre 2018, 14:45 #10
enos76 sarà, ma prima di dire che la Cina è meno peggio degli USA ci penserei molto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^