Facebook risponde alle accuse: 'Non usiamo i microfoni per spiare gli utenti'

Facebook risponde alle accuse: 'Non usiamo i microfoni per spiare gli utenti'

Facebook scende in campo per rispondere a vecchie accuse risorte di recente: la società di Zuckerberg sottolinea nuovamente che non abusa dell'accesso al microfono sui client mobile

di pubblicata il , alle 15:46 nel canale Telefonia
Facebook
 

Facebook ha cercato di spegnere le voci secondo cui l'app del social network usa i microfoni del dispositivo per spiare gli utenti in modo da mandare banner pubblicitari ancor più mirati. La società è esplicita: "Non usiamo il microfono del tuo smartphone per ottenere informazioni a fini pubblicitari o per cambiare quello che vedi nella News Feed". I banner, viene specificato, vengono mostrati solo sulla base degli interessi della gente e su altre informazioni del profilo.

Facebook risponde direttamente alle accuse mosse da Kelli Burns, professoressa di materie pubblicitarie alla University of South Florida. Burns sosteneva la scorsa settimana a The Independent che il social network potesse fare uso dei microfoni dei dispositivi per ascoltare le conversazioni degli utenti, senza tuttavia poterlo provare. Una teoria che in realtà era nell'aria da parecchio tempo, anche se le sue recenti affermazioni hanno permesso ai media titoli roboanti negli ultimi giorni.

Le paure di possibili atti di spionaggio da parte di Facebook sono vive da un po' di tempo, si parla di anni. Tutto parte dall'accesso al microfono che gli utenti conferiscono all'applicazione per permettere ad esempio la registrazione di audio all'interno dei video. Da questo le paure degli utenti sulla possibilità che l'applicazione utilizzi il microfono tutto il tempo per spiare le conversazioni degli amici svolte sia sul dispositivo, che quelle svolte vicino lo smartphone.

Se fosse vero sarebbe un'enorme ed illegale (se senza consenso dell'utente) violazione della privacy. Facebook si è trovata costretta a chiarire il comportamento dell'applicazione, sottolineando che l'applicazione mobile attiva il microfono solo ed esclusivamente quando l'utente attiva una feature che utilizza l'hardware: "Abbiamo accesso al tuo microfono solo se hai dato il permesso all'applicazione e solo se utilizzi una feature specifica che ha bisogno di registrare l'audio".

I più paurosi e i paranoici possono comunque disattivare l'accesso al microfono da parte dell'applicazione, sia su iOS che su Android all'interno delle impostazioni per la privacy.

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
al13506 Giugno 2016, 16:16 #1
quante seghe... non volete correre alcun rischio di fughe di privacy? non iscrivetevi a facebook! chi ha mai letto il contratto per intero? ci vogliono 70 giorni lavorativi per farlo!
peronedj06 Giugno 2016, 16:19 #2
Su iOS (non so su android o windows) viene mostrata un'icona quando un'app utilizza i servizi di geolocalizzazione, sarebbe il caso di fare la stessa cosa con il microfono e la fotocamera...
benderchetioffender06 Giugno 2016, 16:34 #3
Originariamente inviato da: peronedj
Su iOS (non so su android o windows) viene mostrata un'icona quando un'app utilizza i servizi di geolocalizzazione, sarebbe il caso di fare la stessa cosa con il microfono e la fotocamera...


c'è su tutti gli OS, mobile (e non, oramai)... il problema è che con qualche workaround, una app puo celare la suddetta icona

stesso dicasi per il microfono, semmai un giorno ne implementassero una

il vero problema sono per gli utenti android: solo le ultime versioni hanno un filtro per modificare i permessi, ma non è abbastanza granulare rispetto i permessi che google ha rilasciato nelle api degli sviluppatori

e così è nato tutto un caos di app che chiedono permessi ad cazzum: proprio qualche giorno fa ho dovuto stupirmi che installando un convertitore di misure, questo non chiedesse veramente nulla tra i permessi quando la norma è che pure un giochino chiede i permessi della rubrica...


detto questo, credo sia impossibilie che FB controlli 24/7 i microfoni: la batteria ne risentirebbe molto pesantemente
Axios200606 Giugno 2016, 16:46 #4
Originariamente inviato da: al135
quante seghe... non volete correre alcun rischio di fughe di privacy? non iscrivetevi a facebook! chi ha mai letto il contratto per intero? ci vogliono 70 giorni lavorativi per farlo!


C'è una bella differenza tra usare Fb per condividere la foto del compleanno con gli amici e farsi (potenzialmente) ascoltare le conversazioni dal microfono.

Iscriversi a Fb non equivale a mettersi a nudo in pubblico, come non iscriversi non equivale ad essere paranoici della privacy.

Come in ogni cosa, andrebbero semplificate le informazioni su cosa è condiviso e cosa no è se si, come.

Un contratto di 100 pagine, per quanto legale, è ovvio ipotizzare che nessuno lo legga per intero. Un riassunto dei punti salienti satebbe opportuno.

In ogni caso, una persona, specie se in contesto accademico, non dovrebbe rilasciare così gravi affermazioni se non supportate da prove.

Ampliando leggermente il discorso: oggi un gioco per Android, Bad Piggies, della Rovio (Angry Birds), mi ha chiesto l'accesso al microfono dopo una patch. Errore di programmazione o tentativo di spionaggio? Nel dubbio, segnalato a Google.
bio.hazard06 Giugno 2016, 18:06 #5
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
la società di Zuckerberg sottolinea nuovamente che non abusa dell'accesso al microfono sui client mobile


...e se a questa non ci credete, non c'è problema, vi racconteranno qualcosa d'altro.
ComputArte09 Giugno 2016, 17:28 #6

miccia bagnata!!!!

...perchè stupirsi?!?!
lo stupro del telefonino e di tutti dati è "completo" con microfono e cam attivabile da remoto....come esplicitamente richiesto nei permessi che si è costretti ad accettare per utilizzare l'app....grazie a chi avrebbe dovuto controllare e tutelarci e non lo ha fatto!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^