Facebook non controlla i microfoni degli utenti per fini commerciali

Facebook non controlla i microfoni degli utenti per fini commerciali

Zuckerberg ha smentito le accuse sulla violazione della privacy degli utenti mobile all'interno del lungo colloquio con il Senato statunitense

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Telefonia
Facebook
 

Il 10 aprile è stata una data fondamentale per Facebook, e pare che il primo round sia andato a Zuckerberg che, dopo qualche nervosismo iniziale, ha risposto in maniera convincente di fronte ai propri - non preparatissimi - interlocutori. È stato il primo incontro di una serie in cui Zuckerberg deve giustificare l'operato di Facebook e rispondere alle preoccupazioni sull'uso del social network e dell'invasione della privacy dei propri utenti. E ci sono stati dei momenti molto interessanti.

All'interno delle cinque ore di conversazione il CEO di Facebook ha risposto in maniera piuttosto netta ad una domanda che in molti si sono posti in questi anni. C'è stato infatti il forte sospetto che Facebook (e le app associate come Messenger o Instagram) registrassero segretamente l'audio ambientale attraverso i microfoni degli smartphone in modo da ottenere informazioni più dettagliate per profilare gli utenti e offrire una maggiore precisione nelle proposte commerciali.

Facebook smentisce da tempo queste accuse e, nonostante ciò, Zuckerberg si è trovato a dover ne rispondere ancora una volta: "Sì o no, Facebook utilizza l'audio ottenuto da dispositivi mobile per arricchire le informazioni personali degli utenti?", ha chiesto il senatore Gary Peters. E Zuckerberg ha risposto: "No". Il CEO della compagnia americana ha poi elaborato la sua risposta, spiegando quando e come le app proprietarie hanno accesso al microfono.

Facebook attiva la registrazione audio durante la registrazione di video o messaggi vocali, ma in altre situazioni comuni l'app non ha alcun accesso ai microfoni dei dispositivi utilizzati. Di seguito la risposta per intero:

"Senatore, mi faccia chiarire questo punto. Si sta parlando della teoria secondo la quale tutto quello che succede intorno viene registrato per migliorare la resa degli annunci pubblicitari. Per essere chiari, noi diamo la possibilità di registrare video sui dispositivi e condividerli, e questi video hanno anche una traccia sonora, così quando si registra un video si usa anche quella per assicurarsi che il video abbia l'audio. Penso che questo sia molto chiaro, volevo solo essere esaustivo".

"Speriamo che questa dichiarazione dissipi le tante voci che circolano", ha ribattuto Peters, prima di spostarsi sulle altre domande del colloquio. Abbiamo affrontato un altro degli argomenti trattati a questo indirizzo, dove Zuckerberg ha risposto sulla possibilità di rilasciare un abbonamento a pagamento per accedere alla piattaforma social di sua proprietà.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
thresher325311 Aprile 2018, 17:19 #1
Onestamente per quale motivo dovrei dare per vera questa affermazione proveniente dalla stessa bocca che ha detto in passato (ripetutamente) che "i vostri dati sono sicuri, non vengono ceduti a terzi e non vengono utilizzati per finalità pubblicitarie"?
ombra66611 Aprile 2018, 17:31 #2
non credo a nessuna teoria del complotto, anzi, ma almeno in 3 o 4 occasioni mi sono ritrovato annunci stranamente TROPPO mirati (esempio: stavo facendo alcuni lavori di manutenzione alla caldaia a pellet, qualche ora dopo sul feed di fb sul telefono trovo annunci di caldaie a legna/combustibile pellet).
coincidenze?
è successo anche ad altri amici, magari tra 10 anni esce il microphonegate
yurizena11 Aprile 2018, 17:32 #3
Originariamente inviato da: thresher3253
Onestamente per quale motivo dovrei dare per vera questa affermazione proveniente dalla stessa bocca che ha detto in passato (ripetutamente) che "i vostri dati sono sicuri, non vengono ceduti a terzi e non vengono utilizzati per finalità pubblicitarie"?


attento: i profili che hanno violato hanno installato app di terze parti che utilizzano "This is your digital life" tipo candy crash, quindi in teoria la colpa di Facebook e non aver "controllato" tale app. Che poi l'abbia fatto volutamente o no la linea è sottile.
Marko#8811 Aprile 2018, 17:35 #4
Originariamente inviato da: ombra666
non credo a nessuna teoria del complotto, anzi, ma almeno in 3 o 4 occasioni mi sono ritrovato annunci stranamente TROPPO mirati (esempio: stavo facendo alcuni lavori di manutenzione alla caldaia a pellet, qualche ora dopo sul feed di fb sul telefono trovo annunci di caldaie a legna/combustibile pellet).
coincidenze?
è successo anche ad altri amici, magari tra 10 anni esce il microphonegate


Non sono un complottista nemmeno io e mi è capitata la stessa cosa. Non su FB (non ho il profilo) ma su YT (e invece ho l'account Google): proposti in prima pagina un paio di video di canali a cui non sono iscritto, di argomenti che di solito non guardo ma di cui avevo parlato con alcuni amici.
È stato inquietante, poi me ne sono fatto una ragione e ho riso pensando ad una IA che mi sente mentre smadonno per il traffico o simili
ombra66611 Aprile 2018, 17:43 #5
Originariamente inviato da: Marko#88
È stato inquietante, poi me ne sono fatto una ragione e ho riso pensando ad una IA che mi sente mentre smadonno per il traffico o simili


io ho ripetuto insieme alla mia ragazza per tutto il pomeriggio, a intervalli random, la parola SALMONE, sperando spuntasse qualche pubblicità :asd
luka73411 Aprile 2018, 19:29 #6
Praticamente è come andare a chiedere all'oste se annacqua il vino...
thresher325311 Aprile 2018, 19:32 #7
Originariamente inviato da: yurizena
attento: i profili che hanno violato hanno installato app di terze parti che utilizzano "This is your digital life" tipo candy crash, quindi in teoria la colpa di Facebook e non aver "controllato" tale app. Che poi l'abbia fatto volutamente o no la linea è sottile.


Non mi riferisco esclusivamente a Cambridge Analytica infatti.
sertopica11 Aprile 2018, 19:53 #8
Quoto chi ha scritto la storia degli annunci mirati comparsi guardacaso proprio dopo aver nominato questo o quel prodotto. Ne sono stato vittima anche io. Senza aver cercato assolutamente NULLA su google, ma solo parlandone con amici, mi sono ritrovato su FB degli annunci pubblicitari relativi a degli speaker portatili, guardacaso esattamente la stessa marca e lo stesso modello di cui si discuteva. Inquietante. Sta storia di Cambridge Analytica mi ha spinto a chiudere il mio account una volta per tutte e non me ne pento.
Korn11 Aprile 2018, 20:24 #9
Originariamente inviato da: Marko#88
Non sono un complottista nemmeno io e mi è capitata la stessa cosa. Non su FB (non ho il profilo) ma su YT (e invece ho l'account Google): proposti in prima pagina un paio di video di canali a cui non sono iscritto, di argomenti che di solito non guardo ma di cui avevo parlato con alcuni amici.
È stato inquietante, poi me ne sono fatto una ragione e ho riso pensando ad una IA che mi sente mentre smadonno per il traffico o simili


quello è la norma eh...
Donagh11 Aprile 2018, 20:29 #10
"ho riso pensando ad una IA che mi sente mentre smadonno per il traffico o simili "

magari ti mostra dei rosari da comprare o dei kit di pentimento che ne so....

cmq basta non usare l app nativa e usare tramite il sito e il gioco è fatto anche su smartphone

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^