Cavo unico per fornitura elettrica e banda ultralarga in arrivo anche in Italia

Cavo unico per fornitura elettrica e banda ultralarga in arrivo anche in Italia

Pare che Enel stia collaborando con un fornitore terzo per stendere in Italia un cavo unico che integra la fornitura elettrica e quella della connettività internet a banda ultralarga

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Telefonia
 

Un unico cavo per collegare le case italiane alla rete elettrica e alla banda ultralarga. È questa l'offerta che Prysmian ha portato ai dirigenti Enel: una soluzione ancora più interessante se si considera che sfrutta tecnologia in buona parte italiane. È una soluzione "tecnicamente perfetta", scrive il Corriere Economia che ha reso pubblica la novità. La nuova strategia di Enel andrebbe però ad infastidire Telecom e la sua rete tradizionale in rame.

Prysmian Cavi e Sistemi è una società italiana che opera come leader globale nei business Energia e Telecomunicazioni e che ha fatturato lo scorso anno circa 7 miliardi di euro. Il gruppo opera in 50 paesi in tutto il mondo, e vanta 89 stabilimenti, 17 centri di ricerca e sviluppo e una base di quasi 20 mila impiegati. Il nuovo cavo integra le tecnologie per portare nelle case la fibra (FTTH) e l'energia elettrica, e potrebbe ribaltare il panorama della banda ultralarga in Italia.

L'azienda punta sulla qualità: il settore è occupato da molte realtà di continenti diversi, fra cui gli immancabili cinesi che cercano di conquistare quote di mercato guardando verso i confini europei. Secondo quanto riportato dalla fonte, Prysmian ha di recente inviato una lettera alla UE per "impedire la colonizzazione cinese", consigliando ai commissari di verificare la qualità dei componenti che verranno impiegati nelle reti. Il gruppo italiano è certo probabilmente di avere un chiaro vantaggio in tal senso.

L'obiettivo di Enel e Prysmian sembra pertanto quello di "rinnovare il parco dei contatori delle abitazioni", andando a contrapporsi direttamente ad Enel nel tentativo di portare la fibra e le connessioni a banda ultralarga nelle case degli italiani, il tutto con tecnologie brevettate da italiani.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Simonex8422 Luglio 2015, 08:35 #1
Se possono usare i cavi elettrici che ci sono già e fare un sorta di powerlan, magari cambiando solo il contatore, sarebbe una grandissima notizia.
djfix1322 Luglio 2015, 08:40 #2
"L'obiettivo di Enel e Prysmian sembra pertanto quello di "rinnovare il parco dei contatori delle abitazioni", andando a contrapporsi direttamente ad Enel nel tentativo di portare la fibra e le connessioni a banda ultralarga nelle case degli italiani"

Enel 2 volte?? a logica la seconda è Telecom
F1r3st0rm22 Luglio 2015, 08:45 #3
credo che non sia power lan ma un cavo in fibra attaccato ad un cavo elettrico o simili la powerlan non potrebbe dare abbastanza banda.
Simonex8422 Luglio 2015, 08:47 #4
Originariamente inviato da: F1r3st0rm
credo che non sia power lan ma un cavo in fibra attaccato ad un cavo elettrico o simili la powerlan non potrebbe dare abbastanza banda.


una powerline domestica su un impianto nuovo a 200mbit ci arriva, mi sembrano abbastanza paragonati ai 6mbit scarsi che hanno le ADSL più fortunate
AlexSwitch22 Luglio 2015, 08:54 #5
Interessante iniziativa... Sperando che i tempi " dell'arrivo " non siano biblici.... Comunque Telecom ha già iniziato la cablatura FTTH...
gd350turbo22 Luglio 2015, 09:04 #6
Andava iniziata 10/20 anni fa questa cosa non ora...

Abbinare ad un cavo di distribuzione in bassa tensione, un cavo di rete, è come si dice l'uovo di colombo !

La corrente elettrica arriva in tutte le case, ma non è sempre e solo portata da enel, vi sono tanti distributori minori, per cui la cosa andrà opportunamente normata da parte dell'autorità per garantire un trattamento equo !



Muppolo22 Luglio 2015, 09:08 #7
Speriam bene... Telecom ha contribuito a rovinare questo paese coi suoi maledetti cavi di rame.
Altri paesi, anni fa, hanno visto subito la fibra come una opportunità per il futuro. In Italia questa azienda monopolistica dei miei cogl..ni ha fermato lo sviluppo tecnologico di un'intera nazione.
Cr4z3322 Luglio 2015, 09:16 #8
Mannaggia, speravo potesse sfruttare la rete elettrica esistente...
Così invece... ciaoooooooooooooo!
lamp7622 Luglio 2015, 09:20 #9
Telecom in Francia da 50 mbits, sti bastardi ci vogliono tenere sottosviluppati, loro e i loro amici politici schifosi.
Spero che Enel si sbrighi, ad occhio dovrebbe essere fibra fino al contatore, e poi potrebbe essere powerlan, ma non mi convince, in un palazzo di 10 o più piani con tutti sti cavi che viaggiano insieme paralleli per diverse decine di metri ho paura che ci siano troppe interferenze, senza contare che tutti gli interruttori magnetotermici bloccano le onde convogliate della powerlan.
In ogni caso spero facciano in fretta, così avrò la connettività anche nel box sotterraneo! Così posso sfuttare il box come laboratorio informatico.
hrossi22 Luglio 2015, 09:20 #10
Ma in effetti, non era già tipo una decina di anni fa che nel bolognese testavano internet via linea elettrica? Non avevano mica tirato cavi nuovi, se non ricordo male (ma forse sì c'era il segnale modulato sul cavo elettrico ed una sorta di demux, perdonate il termine poco tecnico, nel quadro dell'abitazione. Che fine ha fatto poi quel progetto?

Originariamente inviato da: Muppolo
Speriam bene... Telecom ha contribuito a rovinare questo paese coi suoi maledetti cavi di rame.
Altri paesi, anni fa, hanno visto subito la fibra come una opportunità per il futuro. In Italia questa azienda monopolistica dei miei cogl..ni ha fermato lo sviluppo tecnologico di un'intera nazione.


Come ricordo spesso sarebbe bastato, in fase di privatizzazione, che lo Stato Italiano si fosse tenuto la proprietà dei cavi telefonici (pagati da noi cittadini, mica da Sip/Telecom) e dare in noleggio la possibilità di utilizzarli ai vari carrier, in maniera trasparente ed equa.
In Francia, guarda caso hanno fatto proprio così. A quel punto avremmo uno Stato padrone dell'infrastruttura fisica che con i ricavi dagli operatori avrebbe tenuto aggiornata l'infrastruttura stessa che sarebbe stata disponibile per tutti (non come ora che ci sono le zone digital divide perchè economicamente sconvenienti ).

Hermes

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^