chiudi X
God of War in DIRETTA

Segui la diretta sui nostri canali YouTube - Twitch - Facebook

Schede madri Sandy Bridge: le posizioni di Asus e MSI

Schede madri Sandy Bridge: le posizioni di Asus e MSI

Stop alle vendite e pieno supporto ai clienti, con sostituzione di schede oppure restituzione di quanto speso per l'acquisto

di pubblicata il , alle 12:56 nel canale Schede Madri e chipset
ASUSMSI
 

Anche MSI e Asus, dopo quanto comunicato da Gigabyte che abbiamo ripreso in questa notizia, hanno diffuso la propria posizione rispetto al bug dei chipset Intel per piattaforma Sandy Bridge. Entrambe le aziende, al pari del resto di tutti i principali produttori di schede madri e sistemi, hanno da subito sospeso la produzione e commercializzazione di prodotti dotati della release di chipset difettosa.

Asus ha confermato che le proprie schede madri con revision B2 del chipset, quella con bug hardware al controller SATA 3 Gbps, potranno venir sostituite con costi a completo carico di Asus non appena saranno disponibili nuove schede aggiornate con chipset revision B3. Asus non ha indicato un periodo preciso per questo, pertanto riteniamo avverrà nel corso del mese di Aprile stando ad altre informazioni fornite da Intel e da altri produttori.

Una seconda possibilità fornita da Asus ai propri clienti è quella di restituire la scheda madre acquistata ottenendo la restituzione di quanto speso, opzione ovviamente che interesserà chi ha scelto di non utilizzare più del tutto un sistema basato su processori Sandy Bridge.

Politica simile è quella seguita da MSI. Anche per quest'azienda le opzioni sono due: da un lato la possibilità di ottenere la sostituzione della propria scheda non appena le nuove versioni con stepping B3 del chipset verranno rese disponibili sul mercato. Dall'altra, gli utenti potranno richiedere un rimborso immediato del costo d'acquisto della scheda madre.

E' sempre più evidente come l'annuncio di Intel della scoperta del bug nei chipset per processori Sandy Bridge stia causando un richiamo completo di tutti i sistemi basati su questa piattaforma. Ricordiamo nuovamente come il bug riguardi solo il controller SATA 3 Gbps integrato nel chipset e non quello SATA 6 Gbps; alla stessa stregua il malfunzionamento non riguarda in alcun modo eventuali controller SATA 3 Gbps o SATA 6 Gbps di produttori terze parti che siano stati integrati onboard. Chi utilizza un sistema Sandy Bridge bypassando le 4 porte SATA 3 Gbps integrate on board, pertanto, non corre alcun rischio di malfunzionamento.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
card7203 Febbraio 2011, 13:47 #1
OK ma come funziona la sostituzione ? tramite rivenditore che ha venduto oppure direttamente sa ASUS, tempi previsti per la sostituzione ?
Avete notizie in merito ?
Evanghelion00103 Febbraio 2011, 13:47 #2
Porca miseria, mi deve ancora arrivare la MSI che ho ordinato, e già so che (forse già in aprile avrò un mese di blackout senza server. Purtroppo sono tornato a Intel, ma temo che non commetterò nuovamente questo errore.
giovannifg03 Febbraio 2011, 13:47 #3
A me questa notizia del difetto nel chipset fa davvero tanto effetto... Un danno di proporzioni bibliche, che coinvolge tutta l'industria. Questo è uno dei difetti della standardizzazione "imposta" negli ultimi anno da Intel: Suoi sono i chipset, suoi i processori... e se sbaglia qualcosa, le proporizioni sono enormi.
appleroof03 Febbraio 2011, 14:04 #4
Originariamente inviato da: giovannifg
A me questa notizia del difetto nel chipset fa davvero tanto effetto... Un danno di proporzioni bibliche, che coinvolge tutta l'industria. Questo è uno dei difetti della standardizzazione "imposta" negli ultimi anno da Intel: Suoi sono i chipset, suoi i processori... e se sbaglia qualcosa, le proporizioni sono enormi.


non ti seguo...semplicemente è una questione di numeri: se il produttore non fosse stato Intel ma "fanfulla srl", la questione si sarebbe ridotta a 5 mobo e 1 giorno per sostituirle, siccome è Intel e i pezzi sono milioni, ecco che le operazioni sono più lunghe e complicate

la stessa cosa se si trattava di richiamare mobo con chipset Amd, o vga Nvidia o ancora Amd ecc ecc...non vedo cosa c'entri la "standardizzazione"
p4ever03 Febbraio 2011, 14:08 #5
questo succede a buttarsi subito a pesce su una piattaforma nuova appena uscita...ma penso valga per tutto non sono nell'informatica...imho penso sempre abbia senso andarci con calma all'uscita di una nuova serie di cpu o chipset o socket....lasciando il tempo alla cosa di consolidarsi e perfezionarsi, mi domando quanti abbiano venduto il proprio i5 preso 6 mesi fa per montarsi un sandybridge al day one perchè fa fico averlo prima di subito....credo che oggi come oggi l'affarone sia ancora un bel s775 ormai collaudato
demon7703 Febbraio 2011, 14:15 #6
Vabbeh.. ho capito che la fase acquisto PC di febbraio slitta dritta dritta a maggio... uffa..

Lati positivi della questione:
- escono (finalmente) le nuove proposte AMD che magari hanno la loro da dire.
- mi prendo un bel ssd sata 6 gbps a prezzo migliore
psychok903 Febbraio 2011, 14:23 #7
Originariamente inviato da: appleroof
non ti seguo...semplicemente è una questione di numeri: se il produttore non fosse stato Intel ma "fanfulla srl", la questione si sarebbe ridotta a 5 mobo e 1 giorno per sostituirle, siccome è Intel e i pezzi sono milioni, ecco che le operazioni sono più lunghe e complicate

la stessa cosa se si trattava di richiamare mobo con chipset Amd, o vga Nvidia o ancora Amd ecc ecc...non vedo cosa c'entri la "standardizzazione"


Io sinceramente penso che Intel non avrà quasi nessun danno di immagine da questo problema, è troppo grossa (putroppo) e consolidata nell'immaginario delle persone... mentre se fosse successo ad AMD sarebbe stata una catastrofe... per molto meno, un bug ininfluente delle sue prime cpu Phenom, c'era stato molto più clamore.
La cosa più antipatica per gli utenti, oltre lo stress di andare spedire hardware nuovo e fiammante, è che ci vorrà del tempo per riavere i sistemi completamente funzionanti, quindi chi non ha un sistema di riserva rimarrà senza computer... uno psicodramma per fanatici
Capozz03 Febbraio 2011, 14:29 #8
Originariamente inviato da: psychok9
Io sinceramente penso che Intel non avrà quasi nessun danno di immagine da questo problema, è troppo grossa (putroppo) e consolidata nell'immaginario delle persone... mentre se fosse successo ad AMD sarebbe stata una catastrofe... per molto meno, un bug ininfluente delle sue prime cpu Phenom, c'era stato molto più clamore.
La cosa più antipatica per gli utenti, oltre lo stress di andare spedire hardware nuovo e fiammante, è che ci vorrà del tempo per riavere i sistemi completamente funzionanti, quindi chi non ha un sistema di riserva rimarrà senza computer... uno psicodramma per fanatici


Beh, nel caso si scegliesse di mandare la mobo in rma ora, avere un computer nuovo e potente inutilizzabile per due mesi non è simpatico per nessuno
appleroof03 Febbraio 2011, 14:35 #9
Originariamente inviato da: psychok9
Io sinceramente penso che Intel non avrà quasi nessun danno di immagine da questo problema, è troppo grossa (putroppo) e consolidata nell'immaginario delle persone... mentre se fosse successo ad AMD sarebbe stata una catastrofe... per molto meno, un bug ininfluente delle sue prime cpu Phenom, c'era stato molto più clamore.
La cosa più antipatica per gli utenti, oltre lo stress di andare spedire hardware nuovo e fiammante, è che ci vorrà del tempo per riavere i sistemi completamente funzionanti, quindi chi non ha un sistema di riserva rimarrà senza computer... uno psicodramma per fanatici


non lo so, più che altro quello che veramente mi importa, per ovvie ragioni se uno guarda la mia firma, è che Intel si è comportata bene ed in maniera fulminea, pur trattandosi anche qui di un bug praticamente ininfluente (puoi usare le sata3, se cmq, per esigenze o per scelta, usi anche le sata2 c'è dal 5 al 15% di possibilità che dopo più di tre anni di uso intensivo potrebbe degradarsi il controller)

non ricordo, ma nel caso del bug dei proci, Amd lo fece il richiamo?

Originariamente inviato da: Capozz
Beh, nel caso si scegliesse di mandare la mobo in rma ora, avere un computer nuovo e potente inutilizzabile per due mesi non è simpatico per nessuno


non ha senso mandare la mobo in rma ora, non c'è la sostituta; poi non avete letto bene, praticamente tutti i brand hanno ammesso che uno possa mandare in rma la propria mobo quando saranno pronte le nuove (insomma, continuare ad usare adesso la mobo difettata, io ho messo tutto su sata3 e tanta pace), le operazioni potrebbero essere molto più veloci (sopratutto se fatte tramite rivenditore)

ad ogni modo, uno che ha bisogno di molte porte sata2 prende una schedina pci-ex ed è finito il dramma, potrebbe pure decidere a quel punto di non farlo proprio l'rma.
keroro.9003 Febbraio 2011, 15:22 #10
il danno non è tanto relativo a cosa riguarda ovvero il malfunzionamento dei sata 2 tra qualche anno, riguarda piu che altro che tra una settimana e fino ad fine marzo (ottimsimo)..non ci saranno schede madri in vendita...e a meno che tu non voglia usare una cpu come sopramobile, è come dire che non vendi piu cpu...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^