Produttori di chipset perplessi su Intel VIIV

Produttori di chipset perplessi su Intel VIIV

L'introduzione delle piattaforme VIIV, sebbene inizialmente con un costo non troppo basso, potrebbero avere ripercussioni sugli affari di compagnie come VIA e SiS

di pubblicata il , alle 10:34 nel canale Schede Madri e chipset
Intel
 

I produttori taiwanesi di PC e chipset si aspettano prezzi piuttosto alti per le piattaforme Intel VIIV, che verranno lanciate il prossimo anno, che potrebbero rendere difficile l'iniziale diffusione delle stesse sul mercato.

I produttori hanno notato che Intel sta incontrando alcuni problemi per portare il mercato all'adozione delle piattaforme VIIV, tra i quali un supporto software non sufficiente per le funzionalità digital audio e video. Il prezzo di vendita delle piattaforme VIIV dovrebbe essere compreso tra US$1000 e i US$1500, quando un sistema PC tipicamente mainstream ha un prezzo di mercato compreso tra i 300 e i 500 dollari.

Sebbene i produttori di chipset come VIA e SiS rischieranno di venire danneggiati in qualche modo dalla strategia di Intel di proporre uno standard-piattaforma gli analisti credono che il vero target di Intel sia la fascia più alta del mercato, ovvero quella relativa al segmento digital-home e che, per questo motivo, i produttori taiwanesi di chipset assisteranno ad effetti negativi comunque limitati.

Intel ha inoltre deciso di togliere dal mercato la serie di chipset 915PL/GL: gli attuali problemi di fornitura della compagnia non si risolveranno almeno fino alla metà del 2007, mettendo quindi gli altri produttori di chipset e schede video in una situazione avvantaggiata.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
deggial30 Agosto 2005, 10:54 #1
Ammesso che l'introduzione Intel VIIV sia una mossa commerciale sbagliata, quel che Sis e Via perderanno in quel segmento lo riguadagneranno da altre parti, magari vendendo più piattaforme AMD.
Dopotutto, se una persona ha bisogno di un pc e non prende un VIIV, qualche altro pc deve pur comprarlo.
Lucrezio30 Agosto 2005, 10:55 #2
...
D'altra parte intel, per quel che riguarda i chipset per i propri processori, ha sempre fatto il bello e il cattivo tempo...
Boh, visto il successo che ha avuto la piattaforma "centrino" dubito che VIIV sarà un fallimento...
Nemios30 Agosto 2005, 11:06 #3
Originariamente inviato da: Lucrezio
...
D'altra parte intel, per quel che riguarda i chipset per i propri processori, ha sempre fatto il bello e il cattivo tempo...
Boh, visto il successo che ha avuto la piattaforma "centrino" dubito che VIIV sarà un fallimento...

Mi sembra un contesto molto diverso. Nell'area portatili non c'è moltissima scelta. Pochi assemblatori sui quali fare pressioni più o meno lecite hanno avvantaggiato la diffusione di Centrino. Sul mondo desktop, appassionati a parte che si assemblano il PC da solo e comprano ciò che vogliono, esistono i singoli negozi e distributori oltre ai classici PC di marca tipo Dell, HP e così via. Nel mondo Desktop i consumatori hanno più potere decisionale.
sirus30 Agosto 2005, 11:35 #4
VIIV non interesserà tutti i chipset/processori intel ci saranno comunque altrnative intel non aderenti alla piattaforma
quindi intel rimarrà un'alternativa anche in campo "normale" per i pc
DevilsAdvocate30 Agosto 2005, 13:34 #5
Visto che col prossimo Windows (dovrebbe uscire il prossimo anno anche lui) ci
vorranno monitors certificati per riprodurre i contenuti digitali e ci saranno nuove
protezioni per questi ultimi, dubito che il mercato digital/home si espandera'
(e difficilmente sentira' l'esigenza di spendere queste cifre).
Casomai penso che questa piattaforma sara' rivolta alla nicchia del digital/pro...
xrem2030 Agosto 2005, 14:11 #6
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
Visto che col prossimo Windows (dovrebbe uscire il prossimo anno anche lui) ci
vorranno monitors certificati per riprodurre i contenuti digitali e ci saranno nuove
protezioni per questi ultimi, dubito che il mercato digital/home si espandera'
(e difficilmente sentira' l'esigenza di spendere queste cifre).
Casomai penso che questa piattaforma sara' rivolta alla nicchia del digital/pro...


[SIZE=4][SIZE=2]Visto che col prossimo Windows (dovrebbe uscire il prossimo anno anche lui) ci
vorranno monitors certificati per riprodurre i contenuti digitali
[/SIZE] [/SIZE] cioé c'è il rischio ke il mio lcd preso una settimana fa pagato 360€ tra un anno nn mi farà visualizzare alcune parti dell'os
zoboliluca30 Agosto 2005, 15:01 #7

x xrem20

Scusami xrem20 ma il post di DevilsAdvocate mi sembra chiaro:
> ...per riprodurre i contenuti digitali ...

si sta parlando di musica e soprattutto di film. Con l'introduzione del Blue-Ray verranno introdotti nuovi sistemi a livello hardware (lettori), di S.O., di applicativo (player) e a ancora a livello hardware (mobo e video) per la protezione dei suddetti, per impedire la duplicazione dei supporti, di intercettare in alta qualità il segnale video ecc.ecc.
Io non conosco bene l'argomento quindi non entro nei dettagli, l'unica cosa certa è che coinvolgera tutte le parti hardware e software coinvolte sia dei computer sia dei lettori-registratori da tavolo compresi i monitor.

Non sono molto contento.....
xrem2030 Agosto 2005, 16:30 #8
ah ve be nn fa nulla alla fine i prezzi dei software andranno alle stelle il mercato sia hardware sia software si fermerà e amen tutti con il pentium 2 a giocare a doom ....

ma il blue ray nn è un nuovo supporto tipo un dvd da 50 gb???

il sistema per bloccare l'esecuzione di software ppirata nn si chiamava palladium ???
deggial30 Agosto 2005, 16:37 #9
Originariamente inviato da: xrem20
ah ve be nn fa nulla alla fine i prezzi dei software andranno alle stelle il mercato sia hardware sia software si fermerà e amen tutti con il pentium 2 a giocare a doom


veramente i prezzi dei software sono già alle stelle.
e in teoria quando ci sarà una lotta efficace alla pirateria diminuiranno (naturalmente di poco), o almeno non aumenteranno. il punto è che poi i software si DOVRANNO pagare, al contrario di ora. Questo indipendentemente dal prezzo che avranno.

Per fortuna (o sfortuna, dipende dai punti di vista) non è molto facile fermare la pirateria, indipendentemente dalle tecniche utilizzate, anche hardware. Un modo per aggirare o controlli lo si trova sempre.

Oppure, come dici tu, la scelta migliore sarà tenersi l'hardware odierno e windows xp, e campare con questi più tempo possibile
schwalbe30 Agosto 2005, 18:05 #10
xrem20 con Vista il tuo monitor funzionerà perfettamente, ma ti sarà impossibile vedere i contenuti HD (High Definition) solo se protetti.
Ribaldando il discorso, solo chi vorrà vedere gli HD, dovrà prendere un monitor con protezione hardware.
In pratica viene estesa la protezione, che esiste già, sull'uscita video RF o S-Video dele schede video.
Poi se si troverà il modo di bypassare il tutto è un altro discorso, anche se le protezioni son sempre più aguerrite.
Queste protezioni NON sono volonta di Microsoft, ma delle major che detengono i diritti dei film, e valgono per tutti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^