Windows 10 20H1, RTM con tre mesi di anticipo e nuova strategia di rilascio

Windows 10 20H1, RTM con tre mesi di anticipo e nuova strategia di rilascio

Secondo alcune indiscrezioni potrebbe cambiare drasticamente l'iter di rilascio delle nuove versioni di Windows 10, con la prossima major release prevista in RTM già a dicembre

di pubblicata il , alle 20:01 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

A partire da quest'anno Microsoft ha modificato il modo in cui prova e consegna gli aggiornamenti con feature di Windows 10. A febbraio il canale Skip Ahead (quello con le build più acerbe) ha iniziato a ricevere le build della versione 20H1 (della prima metà del 2020), il tutto mentre la versione 19H1 (prima metà del 2019) era ancora in fase di test. Per la prima volta gli Insider potevano provare la build successiva a quella in dirittura d'arrivo.

Surface Neo

Pare, inoltre, che Microsoft fosse intenzionata a sincronizzare le tempistiche dello sviluppo di Windows 10 con quelle di Azure. Pertanto, anche con il SO abbiamo avuto un aggiornamento "minore" nella seconda metà del 2019 (1909, 19H2 o November 2019 Update, che dir si voglia), con quello "maggiore" che arriverà nella prima metà del 2020.

Windows 10 20H1 è previsto al debutto per la prossima primavera, ma sincronizzando i due iter di sviluppo potremmo attenderci la prima RTM della 20H1 già a partire dal prossimo mese di dicembre. A dirlo è un nuovo report di Windows Central, che sottolinea come Microsoft intenda far slittare tutto l'iter di rilascio delle successive versioni di Windows 10: tutti gli aggiornamenti della prima metà dell'anno saranno pronti già a dicembre in versione RTM, mentre le RTM della seconda metà dell'anno arriveranno a giugno.

Questo avverrà già dalle prossime versioni: Windows 10 20H1 a dicembre, Windows 10 20H2 a giugno, e questo significa che Windows 10X (la versione specifica per dispositivi dual-screen) sarà pronto prima della prossima estate. La fonte parla comunque della versione RTM dei sistemi operativi, e non è chiaro ad oggi quando saranno distribuite le versioni finalizzate per il grande pubblico. Nel ciclo di sviluppo attuale dalla RTM all'avvio del roll-out finale passano circa due mesi, ma non è detto che Microsoft mantenga l'attuale strategia.

Infine, Microsoft aveva dichiarato in passato che Windows 10 avrebbe avuto una pianificazione nei rilasci identica a quella di Office 365 ProPlus, quindi in teoria cambiando l'iter di sviluppo del sistema operativo dovrebbe cambiare il piano di rilascio anche della suite di produttività.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LukeIlBello29 Ottobre 2019, 21:01 #1
Evvai! non vedo l'ora di far ravanare il mio ssd con le ultime "piccole" patch MS (3GB l'una) perchè è giusto aggiornare per tenere il pc a riparo dagli ackari che infestano la rete e gli armadi (si dice addirittura che si riproducono dentro ai rack del pc)
Stefanowps30 Ottobre 2019, 00:20 #2

win x

Domandone agli esperti ma quali sono le reali differenze tra windows 10x e windows 10 pro? Saluti
s0nnyd3marco30 Ottobre 2019, 08:14 #3
sincronizzare le tempistiche dello sviluppo di Windows 10 con quelle di Azure


Ma perche??!?!?!?
jepessen30 Ottobre 2019, 09:33 #4
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Ma perche??!?!?!?


Perche' molte macchine azure sono macchine windows, quindi se patchi quelle puoi patchare anche la versione desktop. Perche' quando crei macchine virtual windows o docker windows non utilizzi il windows destktop, utilizzi windows server. Se c'e' un problema che scoprono su azure lo fixano prima dato che potrebbe avere molto piu' impatto rispetto ad una rete di computer da ufficio… In questo modo rilasciano la patch e l'update solamente una volta invece di farlo due volte, con ottimizzazioni sulle strategie di rilascio e sui tempi.

Originariamente inviato da: LukeIlBello
Evvai! non vedo l'ora di far ravanare il mio ssd con le ultime "piccole" patch MS (3GB l'una) perchè è giusto aggiornare per tenere il pc a riparo dagli ackari che infestano la rete e gli armadi (si dice addirittura che si riproducono dentro ai rack del pc)


Lo sai che si sta parlando di beta vero? E che se non ti piace la politica windows puoi sempre passare ad alphawinux...
jepessen30 Ottobre 2019, 09:37 #5
Originariamente inviato da: Stefanowps
Domandone agli esperti ma quali sono le reali differenze tra windows 10x e windows 10 pro? Saluti


A livello di backend credo nulle. Al massimo ci potrebbe essere qualche alleggerimento se si pensa di dedicare i sistemi dual screen a dispositivi portatili con poca potenza elaborativa, ma questa e' solo una mia ipotesi.

A livello di interfaccia ci saranno alcune modifiche per sfruttare al meglio due schermi: ad esempio in uno schermo ci puo' stare il menu' start modificato full-screen. Inoltre ci saranno delle API che potranno utilizzare le applicazioni per sfruttare la configurazione; ad esempio se ingrandisco a tutto schermo un'applicazione su uno schermo solo va come nel desktop, se ingrandisco in tutti e due gli schermi in uno possono comparire delle finestre, tipo il canvas per disegnare con i programmi di fotoritocco, mentre nell'altro schermo comandi ed altre informazioni.
Marko_00130 Ottobre 2019, 09:42 #6
visto che mantenere occupate per lungo tempo parti dell'SSD
alla lunga degrada l'SSD più velocemente
(dato che le rimanenti vengono scritte e riscritte in modo più intenso
delle prime e verso fine vita potrebbe diventare difficile,
se non impossibile, rioccuparle)
avere lo spostamento dei file del SO, nel tempo, in parti differenti
spalma le scritture in modo più uniforme.
io lo faccio anche con i file dei programmi (quelli di grande dimensione)
Ginopilot30 Ottobre 2019, 10:57 #7
Magari che comincino a pensare di aspettare un paio d'anni prima di sconvolgere tutto con una nuova versione.
Donagh30 Ottobre 2019, 11:32 #8
Originariamente inviato da: Marko_001
visto che mantenere occupate per lungo tempo parti dell'SSD
alla lunga degrada l'SSD più velocemente
(dato che le rimanenti vengono scritte e riscritte in modo più intenso
delle prime e verso fine vita potrebbe diventare difficile,
se non impossibile, rioccuparle)
avere lo spostamento dei file del SO, nel tempo, in parti differenti
spalma le scritture in modo più uniforme.
io lo faccio anche con i file dei programmi (quelli di grande dimensione)


non serve
puoi usare l ssd continuamente senza problemi e senza cambiare posto
il mio sistema da 5 anni accesso e che lavora 24h è arrivato al 50% di celle usate.
basta cambiare ssd ogni 7-8-9 anni e non vedo il problema.

non gestite mica server
emiliano8431 Ottobre 2019, 19:27 #9
Originariamente inviato da: LukeIlBello
Evvai! non vedo l'ora di far ravanare il mio ssd con le ultime "piccole" patch MS (3GB l'una) perchè è giusto aggiornare per tenere il pc a riparo dagli ackari che infestano la rete e gli armadi (si dice addirittura che si riproducono dentro ai rack del pc)


mi fai uno screenshot di tutte, vabbe mi accontento di 10, di patch da 3gb che hai ricevuto? naturalmente sulla versione ufficiale e non insider, perche' naturalmente a qualle insidere uno decide di partecipare di sua spontanea volonta', sapendo a cosa va' incontro
LukeIlBello31 Ottobre 2019, 21:17 #10
Originariamente inviato da: emiliano84
mi fai uno screenshot di tutte, vabbe mi accontento di 10, di patch da 3gb che hai ricevuto? naturalmente sulla versione ufficiale e non insider, perche' naturalmente a qualle insidere uno decide di partecipare di sua spontanea volonta', sapendo a cosa va' incontro


le patch tipo creators update, quelle semestrali (dette anche features update)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^