Vulnerabilità nelle connessioni 4G LTE favorisce il furto di conversazioni e dati

Vulnerabilità nelle connessioni 4G LTE favorisce il furto di conversazioni e dati

Un ricercatore di Qihoo 360 ha dimostrato un exploit che consente di intercettare il traffico voce e dati da uno smartphone. Si tratta di una vulnerabilità di vecchia data che la 3GPP non intende correggere

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Sicurezza
 

Un ricercatore cinese di Qihoo 360, Zhang Wanqiao, ha dimostrato una vulnerabilità sulle reti 4G LTE ancora oggi attiva che consente di intercettare chiamate e messaggi di testo, oltre che individuare la posizione di un utente. L'hack è stato mostrato negli scorsi giorni alla conferenza di sicurezza Ruxcon nella città di Melbourne, in Australia, e si basa su uno stato "fail-safe" poco noto che viene normalmente usato per supportare gli utenti in eventuali situazioni di emergenza che provocano un sovraccarico nei ripetitori cellulari. La vulnerabilità è attiva da tempo e ancora oggi non ci sono piani per risolvere il problema.

L'organizzazione responsabile per la gestione e il rispetto degli standard di rete mobile, la 3GPP, ha riconosciuto il problema nel 2006 scegliendo di non intervenire al riguardo. Alcuni ricercatori hanno dimostrato la vulnerabilità nel 2015 e nello stesso anno la ACLU ha ottenuto documenti nei quali si poteva individuare una certa correlazione fra la vulnerabilità e il dispositivo di sorveglianza definito Stingray utilizzato ampiamente negli scorsi anni da diverse forze dell'ordine statunitensi, sia locali che di stato. Ad agosto 2016 lo stesso Wanqiao Zhang di Qihoo 360 continuava a parlare della vulnerabilità, dimostrandola in funzione estensivamente negli scorsi giorni al Ruxcon.

Inizialmente il ricercatore ha mostrato l'attacco mentre veniva operato sfruttando le reti TDD-LTE, ma ha confermato al Register che in realtà l'exploit può essere sfruttato in tutto il mondo. L'aggressione mostrata da Zhang funziona solo dopo aver effettuato un downgrade della connessione LTE ad una connessione 3G, per poi spostarsi su una connessione 2G insicura. È in questo momento che avviene l'exploit delle vulnerabilità note. Secondo una diffusa linea di pensiero, non sono previste patch perché la vulnerabilità è ancora oggi sfruttata in quelle aree in cui le forze dell'ordine locali non mostrano alcuna volontà di collaborazione.

Lo smartphone si basa nello specifico su una vulnerabilità sulle reti 4G LTE che consente a falsi ripetitori di rete LTE di forzare la connessione ad una rete 2G compromessa da cui è possibile effettuare una serie di atti malevoli particolarmente utili ai fini della sorveglianza. Fra questi Denial of Service, reindirizzamento di chiamate e messaggi, intercettazioni di traffico voce e dati. Un attacco possibile non solo su un ristretto numero di reti, ma virtualmente su tutte le reti 4G LTE ad oggi disponibili a livello globale. Rimane sospetta la volontà del 3GPP di mantenere la vulnerabilità a circa 10 anni di distanza dalla scoperta, ma rimaniamo in attesa di una risposta ufficiale.

Per chi vuole mantenere il proprio traffico al sicuro, l'unica soluzione è l'uso di una VPN, magari via OpenVPN su protocollo TLS. Le VPN che utilizzano i metodi di connessione PPTP/L2TP/SOCKS rimangono invece vulnerabili agli attacchi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wikkle26 Ottobre 2016, 17:37 #1
Intendono le chiamate classiche o quelle con voip?
Sandro kensan26 Ottobre 2016, 21:12 #2
Penso intendano tutto il traffico che viaggia sulle reti 4G, quindi sia voce che dati purché non cifrato e non soggetto all'attacco MITM.
techsupportupgrade27 Ottobre 2016, 08:09 #3
Intendono le chiamate classiche o quelle con voip?
per traffico voce si intendono quelle tradizionali, quelle dei famosi minuti indicati nelle promozioni, e per dati tutto quel traffico che passa su rete web: voip, volte, streaming, mail, visualizzazione pagine web.
Wikkle28 Ottobre 2016, 07:12 #4
Ma se si disabilita il 4G, le chiamate funzionano lo stesso...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^