Enthusiast System Architecture da NVIDIA

Enthusiast System Architecture da NVIDIA

ESA, Enthusiast System Architecture, è la nuova piattaforma sviluppata da NVIDIA per la comunicazione tra i componenti di un PC per utenti appassionati

di pubblicata il , alle 17:54 nel canale Sicurezza
NVIDIA
 

ESA: questa la sigla che identifica una nuova serie di specifiche sviluppate da NVIDIA per tutti quei componenti che tipicamente fanno parte di un sistema di classe enthusiast, rivolto cioè agli utenti più appassionati. Enthusiast System Architecture, questo il significato della sigla ESA, è una serie di specifiche che permettono a vari componenti presenti nel sistema di interagire tra di loro, fornendo informazioni utili a verificare il corretto funzionamento del sistema nel suo complesso.

Sino a qui sembrerebbe non si tratti di nulla di nuovo: nei PC moderni sono presenti vari sistemi che verificano il corretto funzionamento dei vari componenti tra di loro, in modo sia da massimizzare le prestazioni che ottimizzare il consumo e/o il rumore di funzionamento. La novità di ESA è data dal fatto di interessare componenti che sino ad ora non sono mai stati visti nell'ottica di una interconnessione reciproca.

Lo standard ESA si pone l'obiettivo di verificare le interdipendente esistenti, all'interno di un sistema, tra componenti quali il case, l'alimentatore e il sistema di raffreddamento. Informazioni quali i voltaggi applicati in un determinato istante dall'alimentatore, la velocità di rotazione delle ventole del case o la temperatura del liquido di raffreddamento di un sistema a liquido possono ora venir tenute sotto controllo grazie a questo nuovo standard.

NVIDIA ha basato ESA su due elementi base fondamentali: da una parte l'utilizzo dell'interfaccia USB per la comunicazione dei vari dati tra le periferiche, sfruttando in questo uno standard di mercato presente in ogni PC in commercio. Dall'altra, la volontà di rendere aperto a qualsiasi azienda il nuovo approccio: ESA, di conseguenza, non richiede alcun tipo di royalty ai produttori che sviluppano soluzioni certificate, a patto ovviamente che le specifiche vengano rispettate pienamente.

esa_logo.jpg (15421 bytes)

Alcuni produttori hanno già iniziato la commercializzazione di proprie soluzioni certificate ESA, dotate quindi di un logo identico a quello mostrato qui sopra. Una volta implementate le specifiche tecniche ESA per i propri prodotti, i produttori dovranno sviluppare dei supporti software con i quali poter elaborare i dati forniti dalle varie periferiche.

esa_2.jpg (32694 bytes)
alimentatore, case e sistema di raffreddamento a liquido sono ora monitorati
via ESA dal pannello di controllo NVIDIA

NVIDIA ha ovviamente provveduto a modificare il proprio control panel inserendo all'interno anche il supporto a componenti certificati ESA presenti nel sistema. E' evidente che per gli utilizzatori sarà particolarmente importante avere a disposizione del software, fornito dai vari produttori, che permetta di interfacciarsi con le periferiche ESA presenti nel proprio sistema. Il fatto che questo nuovo standard sia di tipo open permetterà alla comunità open source di sviluppare applicazioni che possano sfruttare le potenzialità di ESA.

L'iniziativa ci pare essere nel complesso molto interessante, in quanto permette di meglio monitorare e quindi far funzionare componenti estremamente importanti in un sistema che spesso vengono sottovalutati. Ci riferiamo in particolare all'alimentatore, la cui qualità è sempre più fondamentale per garantire un corretto funzionamento del sistema nel suo complesso. NVIDIA ha anticipato come numerose aziende taiwanesi abbiano già sviluppato prodotti che sono compatibili con le specifiche ESA: più elevato sarà il loro numero, maggiori probabilità vi saranno che questo standard possa diventare di fatto quello da utilizzare per il monitoraggio delle periferiche nei PC desktop, quantomeno per quanto riguarda quelli destinati agli utenti più appassionati.

Resta ora da capire in che forma i vari produttori implementeranno le specifiche ESA: oltre a segnalare i parametri di funzionamento, infatti, le varie periferiche dovrebbero anche riportare al sistema, e quindi all'utente via un'interfaccia da sistema operativo, eventuali malfunzionamenti. Un esempio pratico di questo è dato da un sistema di raffreddamento a liquido per il processore certificato ESA, che non solo fornisca informazioni sulle temperature di esercizio ma possa operare in modo da evitare surriscaldamenti del processore. Alla stessa stregua un tool di monitoraggio dell'alimentatore implementato via specifiche ESA dovrebbe, per essere particolarmente interessante ed utile, anche fornire informazioni circa instabilità dei voltaggi, avvertendo l'utente di questo così che si possano evitare blocchi del sistema e rischi sia di rotture hardware, che di perdite di dati.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dexther05 Novembre 2007, 18:12 #1
il monitoring dell'ali mi pare un'ottima cosa ...
Pier de Notrix05 Novembre 2007, 18:16 #2
se si mette il sistema di raffreddamento in mano ai drivers, se si blocca il sistema? Se c'è un conflitto o un errore? In sintesi, se siamo in ambiente Windows???

Fritture in arrivo!
Vorrei due di quelle schede lì ben cotte, grazie.
Talpa200005 Novembre 2007, 18:32 #3
Direi che è una buona idea anche se la vedo più come una mossa per rubare qualche cliente a Intel, comunque in un pc overclokkato dove sei estremo nei consumi e nelle potenze è importante avere un monitoraggio dei componenti, anzi secondo me possono aiutare a guadagnare qualche "cavallo" in più.

ciao


_Aenea_05 Novembre 2007, 18:36 #4
E' vero! Ottima osservazione, Pier...
The_misterious05 Novembre 2007, 18:47 #5
Originariamente inviato da: Talpa2000
Direi che è una buona idea anche se la vedo più come una mossa per rubare qualche cliente a Intel, comunque in un pc overclokkato dove sei estremo nei consumi e nelle potenze è importante avere un monitoraggio dei componenti, anzi secondo me possono aiutare a guadagnare qualche "cavallo" in più.

ciao

in che senso per rubare qualche cliente a Intel?
Ratatosk05 Novembre 2007, 18:51 #6
Così l'enthusiast può comprare un nmila-core in modo da avere sufficiente potenza per fare girare tutti i monitor possibili e avere la restante potenza a disposizione per giochi/applicativi, cosa equivalente a prendere un pc "performance" senza queste vaccate e avere la stessa potenza risultante.

Geniale!

La realtà è che nVidia cerca in qualche modo di sviluppare una propria piattaforma, visto che i clienti intel tendono da sempre a scegliere una piattaforma intel mentre quelli AMD son sempre stati quasi esclusivamente su piattaforma nVidia in assenza di piattaforma AMD, cosa destinata a cambiare, e quindi nVidia deve trovare contromisure.
WarDuck05 Novembre 2007, 18:54 #7
Originariamente inviato da: Pier de Notrix
se si mette il sistema di raffreddamento in mano ai drivers, se si blocca il sistema? Se c'è un conflitto o un errore? In sintesi, se siamo in ambiente Windows???

Fritture in arrivo!
Vorrei due di quelle schede lì ben cotte, grazie.


Credo che in quel caso come da diversi anni a questa parte, intervenga il bios o per prendere il controllo delle ventole o per spegnere il pc, francamente non vedo il problema.

Se si blocca il sistema al 99% è per un errore legato all'hardware o cmq ai drivers, se nVidia non fa drivers fatti con i piedi forse non ci sarebbe neanche il problema di eventuali blocchi.
Vodka05 Novembre 2007, 19:16 #8
Se si mette il raffreddamento in mano ai drivers (cosa che in parte già adesso avviene), è solitamente comunque presente via bios un sistema che rileva le temperature e, in caso siano eccessive, provvede a regolarne la velocità minima o a spegnere il computer.
Al3ego05 Novembre 2007, 19:19 #9
Sarebbe stato meglio chiamarlo MSA:
Marketing System Architecture
Talpa200005 Novembre 2007, 19:26 #10
X The_Misterious

Secondo me Intel negli ultimi tempi ha sfornato ottimi chipset, col p35 ci hanno fatto tutti i tipi di combinazione possibile , non ultimi X38 e il futuro X48 che promette prestazioni eccelenti senza contare che ha gia i supporti ddr3, Nvidia per ora è ancora ferma col 680-sli (e che è un ottimo chipset) ma non si sente parlare di nulla di nuovo per il futuro. Con questa soluzione Nvidia Promette ai clienti più sfrenati una nouvo tipo di controller per l'overclock (sui sistemi attuali) perciò sono convinto che molti opteranno per questa soluzione vuoi per curiosità o per certezza del prodotto.

ciao

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^