SpaceX Starship SN8 un successo spettacolare: decollo perfetto ma atterraggio col botto

SpaceX Starship SN8 un successo spettacolare: decollo perfetto ma atterraggio col botto

Una missione esplosiva, quella di Starship SN8, ma può essere considerata un successo spettacolare. I motivi del successo sono tanti, e il fallimento dell'atterraggio solo un piccolo aspetto secondario

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

E' stato probabilmente l'esperimento aerospaziale più spettacolare dal debutto di Falcon Heavy del 2018 il lancio a 12,5Km di altitudine da parte del primo prototipo di Starship a grandezza naturale. Potrebbe sembrare un insuccesso per via dell'esplosione in seguito all'atterraggio, ma Elon Musk e vari dirigenti della compagnia hanno confermato che si è trattato di un "successo spettacolare". Basta vedere il video per capire di cosa SpaceX si è dimostrata capace.

Dopo il rinvio dei giorni scorsi per via di problemi ai motori Raptor, l'azienda aerospaziale di Musk ha infatti eseguito manovre in precedenza impensabili su un razzo delle dimensioni di Starship, operate in maniera perfetta per quasi tutta la missione. La Starship SN8 ha però fallito durante le operazioni di soft landing che SpaceX aveva già testato con successo con SN5 e SN6. Secondo quanto dichiarato dallo stesso Musk su Twitter il problema nell'atterraggio è stato provocato da un malfunzionamento in un serbatoio secondario del razzo.

Starship SN8, spettacolare successo per SpaceX

Per motivi non ancora precisati, il serbatoio o forse l'impianto idraulico associato non sono stati in grado di mantenere la pressione necessaria per alimentare un propulsore Raptor con il carburante sufficiente per portare a termine l'operazione. La mancanza di carburante e un surplus di ossigeno hanno trasformato il motore Raptor in una gigantesca torcia a ossigeno, che ha sciolto le pareti di rame della camera di combustione e ha reso impossibile il soft landing. Se il serbatoio secondario avesse mantenuto la pressione corretta, SN8 avrebbe probabilmente perfezionato un atterraggio più morbido, e avrebbe raggiunto terra intatto (o comunque in condizioni migliori).

Anche i vertici di SpaceX, e non solo Elon Musk, si sono detti entusiasti del risultato del test, nonostante il finale apparentemente fallimentare. Nel contesto dell'approccio di sviluppo iterativo mantenuto da SpaceX sin dagli albori, però, l'essere riusciti a mantenere in aria la navicella Starship in una missione di diversi minuti eseguendo manovre avanzate e fallendo solo negli ultimi istanti prima della fine può essere considerato uno "spettacolare successo".

Starship SN8, le varie fasi della missione

I tre motori Raptor sono rimasti attivi per 100 secondi dopo il decollo (l'accensione più lunga per il razzo di SpaceX, prima usato solo in configurazione singola), dopo i quali uno dei tre razzi si è spento con i restanti due che si sono stabilizzati per mantenere il controllo della navicella. In seguito, dopo circa 2 minuti si è spento un secondo motore Raptor, lasciando solo l'ultimo razzo attivo, il quale ha prodotto una spinta sufficiente per mantenere l'altitudine dell'astronave e realizzare una particolare manovra di "slide orizzontale" (particolarmente bizzarra su un mezzo come SN8).

Dopo poco meno di cinque minuti dal decollo si è spento anche l'ultimo Raptor, iniziando la discesa sul suolo terrestre con l'attesissima manovra definita "skydiver" o "belly-flop". Il razzo è letteralmente caduto a pancia in giù per circa due minuti utilizzando quattro flap per mantenere la stabilità. Infine, la Starship SN8, mentre "cadeva" parallelamente al suolo, ha acceso nuovamente prima un razzo, poi il secondo, per eseguire una manovra ancor più bizzarra della precedente, ruotando grazie alla spinta dei propulsori di circa 90° in maniera aggressiva.

Non è chiaro quanto ci sia stato di voluto nelle varie manovre di SN8, tuttavia da questo momento in poi è chiaro che qualcosa è andato storto, con uno dei due motori Raptor che ha iniziato ad emanare una fiamma di colore verde (causata probabilmente dal rame della camera di combustione) e il razzo che ha raggiunto il terreno ad una velocità troppo elevata. Un finale col botto, per una missione che può essere definita comunque un incredibile successo.

Starship SN8 distrutta, ma poco importa

Parlando di numeri, la Starship SN8 ha raggiunto il suolo da 10 a 20 secondi prima del previsto, ad una velocità superiore di 30m/s secondo i piani della società (108 km/h). C'è da dire che lo scopo del test non era quello di riportare la navicella sana e salva sulla Terra, ma di dimostrare le capacità del mezzo con più di un motore in uso, la stabilità in caduta libera, la gestione dei serbatoi, la riaccensione dei razzi e la manovra finale di "flip-over". Tutto è andato secondo i piani, con un successo quasi insperato dai vertici della compagnia aerospaziale americana.

L'intera missione ha avuto una durata di circa 400 secondi, molto oltre le aspettative di SpaceX, dal decollo all'esplosione, e per la maggior parte del tempo sembra che tutto sia andato secondo le migliori previsioni. In seguito alla missione SpaceX non ha raccolto solo un successo mediatico, ma anche e soprattutto una mole enorme di dati dal valore inestimabile da analizzare in vista dei test successivi. Con il debutto di successo di SN8 è rimasta intatta gran parte delle strutture di test e di lancio, che richiederanno solo piccoli interventi di riparazione. Starship SN9 è inoltre già completa, e attende di essere utilizzata a pochi chilometri di distanza non appena SpaceX avrà analizzato tutti i nuovi dati in possesso per eseguire una nuova missione.

68 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tallines10 Dicembre 2020, 11:47 #1
Se atterra cosi non è proprio un successo spettacolare ehhhh......d' altronde Musk ci ha abituati ai suoi incidenti...........
maxsona10 Dicembre 2020, 11:58 #2
Originariamente inviato da: tallines
Se atterra cosi non è proprio un successo spettacolare ehhhh......d' altronde Musk ci ha abituati ai suoi incidenti...........

I prototipi si fanno per questo, il successo della missione sta nell'aver completato ascesa, belly-flop e discesa come programmato.

Nel frattempo il Falcon 9 ha completato le 100 missioni.
jepessen10 Dicembre 2020, 12:02 #3
Originariamente inviato da: tallines
Se atterra cosi non è proprio un successo spettacolare ehhhh......d' altronde Musk ci ha abituati ai suoi incidenti...........


Un commento tipico di chi non capisce niente di come avanza un progetto del genere...
massidifi10 Dicembre 2020, 12:09 #4
@jepessen
Ma vaaaaaaa... non avra letto nemmeno due righe dell'articolo...
kirylo10 Dicembre 2020, 12:21 #5

tutti i progetti ingegneristici innovativi avanzano così

Quando si fa ingegneria innovativa è inevitabile andare attraverso vari fallimenti ed errori, è una cosa intrinseca del processo altrimenti non stai facendo innovazione bensì copiando quello che qualcun altro ha già fatto ed esperimentato prima di te.
blobb10 Dicembre 2020, 12:35 #6
Originariamente inviato da: kirylo
Quando si fa ingegneria innovativa è inevitabile andare attraverso vari fallimenti ed errori, è una cosa intrinseca del processo altrimenti non stai facendo innovazione bensì copiando quello che qualcun altro ha già fatto ed esperimentato prima di te.


Cosa ha di innovativo?
RaZoR9310 Dicembre 2020, 12:50 #7
L'intero progetto è altamente innovativo (e rischioso).

SpaceX sta letteralmente cercando di costruire il vettore più potente mai realizzato al mondo (e di molto) usando nuovi materiali, nuovo profilo di volo e motori di nuova generazione (methalox criogenici FFSC).
Il tutto completamente riutilizzabile, incluso il secondo stadio.
E con trasferimento criogenico di carburante in orbita.
E a basso costo.

Se questo non è "innovativo", nulla lo è.
niky8910 Dicembre 2020, 12:58 #8
Originariamente inviato da: RaZoR93
L'intero progetto è altamente innovativo (e rischioso).

SpaceX sta letteralmente cercando di costruire il vettore più potente mai realizzato al mondo (e di molto) usando nuovi materiali, nuovo profilo di volo e motori di nuova generazione (methalox criogenici FFSC).
Il tutto completamente riutilizzabile, incluso il secondo stadio.
E con trasferimento criogenico di carburante in orbita.
E a basso costo.

Se questo non è "innovativo", nulla lo è.


blobb è in prima linea sotto gli articoli di Tesla, SpaceX e Starlink per scrivere che è tutta fuffa, lui a casa progetta di meglio.
tallines10 Dicembre 2020, 13:00 #9
Originariamente inviato da: jepessen
Un commento tipico di chi non capisce niente di come avanza un progetto del genere...

Se migliorano l' atterraggio anche..........
Piedone111310 Dicembre 2020, 13:12 #10
Originariamente inviato da: tallines
Se migliorano l' atterraggio anche..........


Se avessi mai progettato qualcosa bsapresti che anche per un cartone di scarpe bisogna fare i prototipi e modificarlo dopo i test.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^