SpaceX Starship SN8: secondo static fire in attesa del salto a 15 km

SpaceX Starship SN8: secondo static fire in attesa del salto a 15 km

SpaceX Starship SN8 ha eseguito il primo static fire con il nosecone installato sulla sua sommità. Si tratta di un passo d'avvicinamento al salto a 15 km d'altezza che avvicinerà Elon Musk al completamento del suo progetto.

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

SpaceX Starship SN8, l'ultimo prototipo completato e posizionato sulla piattaforma di prova, ha eseguito nelle scorse ore uno static fire. Lo scopo era quello di testare le funzionalità di motori e della nuova sistemazione dei serbatoi. Questa unità dovrebbe essere anche la prima a riuscire a compiere "il salto" a 15 km di quota nel corso delle prossime settimane.

spacex starship

SpaceX Starship SN8: le prove prima del grande evento

Nello static fire di queste ore avvenuto in Texas, SpaceX Starship SN8 ha acceso solo uno dei suoi tre motori Raptor, probabilmente per capire se il nuovo serbatoio nella zona superiore (nosecone) e il sistema di collegamenti fosse correttamente configurato. Nei prossimi giorni ci potrebbe essere poi un'ulteriore prova con due o tre motori accesi contemporaneamente.

Quello che si vedrà compiere il primo "salto" a 15 km sarà un modello più completo rispetto ai precedenti, dove si vedeva più che altro quello che sembrava un silos. Ora invece con il nosecone (la zona superiore) e i flap la navicella sta prendendo pian piano la sua configurazione definitiva, anche se ancora mancano molti passaggi.

Durante le prove di SpaceX Starship SN8 sono anche stati notati alcuni detriti lanciati in aria dalla zona alla base della navicella. Non sembra attualmente che questo possa aver pregiudicato la sua funzionalità ma bisognerà attendere informazioni più complete e chiare prima di trarre tutte le conclusioni.

Nel frattempo sono già in fase di completamento i nuovi SN9, SN10 e SN11 oltre al lanciatore Super Heavy. Quest'ultimo non è mai stato visto nella sua forma definitiva e sarà un'altra delle fasi più complesse in termini di assemblaggio e test considerando le sue dimensioni complessive (circa 70 metri d'altezza e 9 metri di diametro).

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mackillers11 Novembre 2020, 18:50 #1
non me ne vogliate, ma a me continuano a sembrare dei silos fatti di stagnola..

sono le proprio come ci aspettavamo le astronavi negli anni 50-60..solo che pure quelle avevano delle saldature meno in vista!

estetica a parte spacex ha dimostrato di saperci fare e quindi non metto in dubbio le qualità tecniche, mi fa solo un pò ridere guardarli e pensare...dai quello è il modellino per il laboratorio di scienze di uno dei figli degli ingegneri.. mica sarà vero!
frankie12 Novembre 2020, 10:15 #2
Probabilmente perchè "Less is more" è quantomento vero in questo caso.
calabar12 Novembre 2020, 13:04 #3
@mackillers
Non avrebbe senso spendere soldi per dargli quello che sarà l'aspetto finale, questi sono prototipi per i test, quindi si fa il minimo necessario per poter fare le verifiche di funzionamento.
Le versioni finali saranno molto più simili a come immagini dovrebbero essere.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^