Roscosmos Amur: il design definitivo del razzo riutilizzabile sarà pronto a Settembre 2021

Roscosmos Amur: il design definitivo del razzo riutilizzabile sarà pronto a Settembre 2021

Il razzo riutilizzabile Roscosmos Amur potrebbe essere mostrato nella sua versione definitiva (quantomeno per quanto riguarda il design) per Settembre 2021. I primi lanci sono invece previsti per il 2024.

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Scienza e tecnologia
Roscosmos
 

Avevamo scritto di Roscosmos Amur sul finire del 2020: si tratta di un razzo riutilizzabile che dovrebbe sostituire (almeno in parte) le Soyuz e che "si ispira" a quanto da SpaceX con Falcon 9. Secondo la roadmap dovrebbe essere disponibile per i lanci a partire dal 2024 e, stando alle ultime notizie, il design definitivo potrebbe essere già mostrato a Settembre 2021.

roscosmos amur

Roscosmos Amur: sulla via del riutilizzo dei razzi

A parlare è stato Alexander Bloshenko (direttore esecutivo di Roscosmos) che ha dichiarato come la fine del programma di sviluppo è fissata per la seconda metà dell'anno in corso. La corsa contro il tempo è serrata perché sempre più realtà si stanno avvicinando a questo genere di soluzioni, oltre a società come SpaceX, che ormai hanno una solida base.

Bloshenko, parlando di Roscosmos Amur ha detto "la fase di progettazione preliminare terminerà approssimativamente a Settembre, cioè in Autunno capiremo l'aspetto del vettore e l'aspetto dell'infrastruttura di terra. Anche in questo caso, abbiamo in programma di renderlo leggero, semplice, affidabile e, non lo faremo diciamo a buon mercato, ma economicamente giustificabile, conveniente".

razzo riutilizzabile russo

Le prime stime parlano di prestazioni inferiori rispetto al Falcon 9 Block 5, ma un passo avanti in termini di abbattimento dei costi e un maggiore carico utile rispetto alle Soyuz. Per esempio Roscosmos Amur potrà portare in orbita LEO 12 tonnellate nella versione non riutilizzabile e 10,5 tonnellate nella versione riutilizzabile. Falcon 9 Block 5 può portare in orbita LEO fino a 22,8 tonnellate (non riutilizzabile) e 16,8 tonnellate (riutilizzabile). Infine la Soyuz-2 può arrivare fino a 8,5 tonnellate ed è solo in versione non riutilizzabile.

Interessante come Bloshenko abbia fatto notare che il nuovo razzo avrà meno della metà delle componenti (circa 2000) rispetto a una Soyuz-2 (circa 4500). Questo porterà a un minor costo e minori componenti che potrebbero guastarsi rendendo anche più semplice la manutenzione. Per il 2030 ci dovrebbero essere circa 13-14 lanci con vettori riutilizzabili di questo tipo all'anno.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sp3cialFx08 Aprile 2021, 11:10 #1
La Roscosmos fa i 30 anni l'anno prox.
Il programma spaziale sovietico è nato negli anni '50.
Arriva uno che non sa un razzo di razzi e rivoluziona l'intero settore.
Ora, tutti sono a incensare Musk ma guardatela da un punto di vista:
sono Roscosmos, ESA, NASA, eccetera ad essere totalmente inadatte.
Lo spazio è una potenziale risorsa illimitata e soprattutto è dove l'umanità ha la possibilità di espandersi e prosperare (certo, nel lungo periodo).
Rendere lo spazio accessibile non è una questione commerciale o politica o militare;
rendere lo spazio accessibile è una missione per il bene dell'umanità intera.
Musk ha reso chiaro che le agenzie spaziali hanno fatto il minimo indispensabile, pensando alle cagate ma senza avere una visione. E questo è un tradimento nei confronti dell'umanità intera.

Forse tutti saranno d'accordo perché non tutti riescono a vedere le conseguenze di aver tardato decine di anni ad abbattere i costi di accesso allo spazio.
Tra 15/20 anni vedrete dove saremo arrivati e da lì tireremo le somme, poi mi direte come sarebbe cambiata la storia se non fossimo stati in ritardo di quei 20/30 anni.

I programmi spaziali / le agenzie spaziali sono capaci di fare cose grandi solamente quando c'era da giocare a chi ce l'aveva più lungo durante la guerra fredda.
silviop08 Aprile 2021, 11:27 #2
Musk e' arrivato al momento giusto, ha saputo cogliere l'occasione, oggi si puo' risolvere in software una montagna di problemi di volo che prima si dovevano PREVENIRE in hardware, ormai hai abbastanza potenza di calcolo e sensori cosi miniaturizzati e precisi che puoi fare cose prima impossibili , vedi ad esempio accendere tre motori raptor e scegliere di utilizzare quello piu' prestante "al volo".
Notturnia08 Aprile 2021, 11:42 #3
Musk è arrivato al momento giusto e non ci piove.
purtroppo l'esplorazione dello spazio degli anni '50-'70 era vista solo come una corsa a chi lo aveva più grosso e non per quello per cui serve oggi..
la popolazione è in continua crescita e solo un cretino non capisce che più gente cresce e più il mondo viene depredato e se vogliamo mantenere la crescita della popolazione e il mondo dobbiamo cercare risorse e queste ci sono ma sono li fuori.. o spostiamo la popolazione fuori o portiamo le risorse dentro il mondo.. siamo in ritardo, come sempre, ma per fortuna le cose possono cambiare.

dubito però che ci sia la volontà di farlo visto che ad oggi siamo a poco più che al gioco dei costi per portare cose nello spazio e non altro.
avevamo i razzi per andare sulla luna e al posto di migliorare quelli stiamo ripartendo da capo.. sono passati 50 anni e siamo messi peggio di quando si andava sulla luna con i calcoli fatti a mano..

è bellissimo riciclare i vettori ma sono poca cosa confronto agli immensi sprechi dei settori normali sulla terra e stiamo perdendo un sacco di anni a fare cose in ritardo.
50 anni fa camminavamo sulla luna, mezzo secolo e non sappiamo tornarci.. pare di essere tornati indietro e intanto la popolazione è raddoppiata e le esigenze sono decuplicate e stiamo svuotando il mondo per mangiare e costruire e siamo sempre sullo stesso sasso di prima solo che più rovinato.. abbiamo un sistema solare a disposizione e non abbiamo fatto niente
Ago7208 Aprile 2021, 11:44 #4
Originariamente inviato da: Sp3cialFx
sono Roscosmos, ESA, NASA, eccetera ad essere totalmente inadatte.


In realtà, SpaceX, come altre società private americane, sono nate sulla spinta della Nasa. Che le ha finanziate per sviluppare e produrre nuovi razzi da usare per le sue missioni spaziali.
Percui in un certo senso è stata la NASA che ha creato la SpaceX. Inoltre la NASA ha anche dato indicazioni per lo sviluppo del falcon.
Merito della SpaceX è quello di aver puntato su qualcosa di avveniristico e di esserci riuscita. Ma senza la Spinta e il finanziamento della NASA non vi sarebbe riuscita.
Roscosmos è quella più in difficoltà. Anche perchè il mercato dei lanci conto terzi si sta riducendo. Ha perso la Nasa come Cliente (mezzo miliardo di dollari l'anno) e SpaceX è diventata più economica nel lancio dei satelliti.
ESA è vittima della divisone che vi è in Europa.
voodooFX08 Aprile 2021, 12:27 #5
Originariamente inviato da: Sp3cialFx
Lo spazio è una potenziale risorsa illimitata e soprattutto è dove l'umanità ha la possibilità di espandersi e prosperare (certo, nel lungo periodo).
Rendere lo spazio accessibile non è una questione commerciale o politica o militare;
rendere lo spazio accessibile è una missione per il bene dell'umanità intera.
Musk ha reso chiaro che le agenzie spaziali hanno fatto il minimo indispensabile, pensando alle cagate ma senza avere una visione. E questo è un tradimento nei confronti dell'umanità intera.

Forse tutti saranno d'accordo perché non tutti riescono a vedere le conseguenze di aver tardato decine di anni ad abbattere i costi di accesso allo spazio.
Tra 15/20 anni vedrete dove saremo arrivati e da lì tireremo le somme, poi mi direte come sarebbe cambiata la storia se non fossimo stati in ritardo di quei 20/30 anni.



Espanderci e prosperare?

- La luna e un sasso morto, polveroso, senza atmosfera, senza gravita e con temperature estreme
- Marte e un pianeta morto, con una gravita pari circa ad 1/3 di quella terrestre ed un filo di atmosfera non sufficiente a bloccare la radiazione cosmica che ti condanna ad una morte certa ed orribile
(sul resto dei corpi celesti del nostro sistema solare non ci possiamo manco mettere piede, per un motivo o l'altro)

Ora, qualsiasi tipo di habitat che puoi creare (tipo capsule sotto il suolo o cose del genere) su questi due posti infernali sarebbe infinitamente peggiore e piu costoso che farlo in Artide/Antartide, nel Sahara o chesso, su una piattaforma in mezzo all'oceano se proprio vogliamo "espanderci" e continuare a violentare ed avvelenare il pianeta meraviglioso che ci ospita...

O forse il futuro roseo di espansione e prosperita a cui ti riferisci e quello di nascere, vivere e morire per centinaia di generazioni in una scatola di metallo e plastica sparata verso Apha Centauri?

E non fraintendermi, non sono uno di quelli che abolirebbero le missioni spaziali per usare i soldi per <tema-a-scelta>, solo mi danno fastidio queste cose compate per aria e slegate dalla realta e dalle possibilita vere che ci sono.

P.S. scusate la mancanza degli accenti, sto usando una tastira US e non sono attivi.
Axel.vv08 Aprile 2021, 12:35 #6
Più che altro le agenzie spaziali governative devono fare i conti con la politica, perché tutto quello che spendono ricade sulle spalle dei cittadini. Fra burocrazia, e cambi di potere, con relative revisioni del budget, purtroppo molti progetti sono stati mollati e ripresi più volte, con inevitabili ritardi.

Inoltre, NASA ESA e simili, non si occupano solo dei lanciatori, hanno fatto cose tipo il telescopio spaziale Hubble, le sonde Voyager, la MIR prima e la ISS dopo, le sonde Cassini, Venus Express e Rosetta, solo per citarne alcune.

Quello che sta accadendo ora è che c'è una forte spinta da parte di molti governi a privatizzare il settore aerospaziale. Probabilmente perché viviamo in un periodo relativamente stabile, dove nessuno teme che un super heavy sia riempito di testate atomiche, invece che di satelliti Starlink.

Un privato ha certamente una burocrazia più snella e deve dare conto solo ad un consiglio di amministrazione.
Axel.vv08 Aprile 2021, 13:01 #7
Originariamente inviato da: voodooFX
Espanderci e prosperare?


E non fraintendermi, non sono uno di quelli che abolirebbero le missioni spaziali per usare i soldi per <tema-a-scelta>, solo mi danno fastidio queste cose compate per aria e slegate dalla realta e dalle possibilita vere che ci sono.

P.S. scusate la mancanza degli accenti, sto usando una tastira US e non sono attivi.


Ahahhah, anche io a casa litigo con la tastiera, ho una UK e nelle chat è un disastro. Però quando programmi è una goduria!

Sì l'idea di spingerci su altri corpi celesti, allo scopo di restare, è ancora pura fantascienza .. e non è detto che cesserà mai di esserlo. Se siamo fortunati (ma secondo me è una previsione molto ottimistica) nel 2069 lanceremo una sonda verso Alpha Centauri. Si dovrebbe usare una vela solare e potenti laser dalla Terra. Tutte le altre tecnologie necessarie devono ancora essere inventate.

L'idea di dover attendere più di otto anni e mezzo, per inviare un messaggio alla sonda e ricevere la sua risposta, non mi fa ben sperare. Però chissà, magari fra 48 anni avremo riscritto la fisica.
Notturnia08 Aprile 2021, 14:07 #8
Volare era pura fantascienza
Vivere 100 anni era impossibile
I computer non esistevano
Le eclissi erano dettate dagli dei
Il sole girava attorno alla terra che era piatta

Improbabile che si vada a vivere altrove durante la nostra esistenza ma è improbabile che l’uomo finisca la sua esistenza su questo sasso qua..
Se non ci ammazziamo fra di noi è molto probabile che andremo ad esplorare l’universo.. siamo curiosi da sempre e dopo aver toccato l’everest e la fossa delle marianne dubito che la luna o Marte saranno la fine delle nostre esplorazioni
Siamo nati un 200-300 anni troppo presto forse

Se starlink (o skinet) non ci accoppa prima
Axel.vv08 Aprile 2021, 15:34 #9
Vero,
Però dai tempi di Leonardo Da vinci osservavamo gli uccelli e gli insetti volare, cercando di capire come facessero. Poi siamo diventati bravi ad imitarli.

Al contrario, non abbiamo trovato nulla che viaggi più velocemente della luce, anzi, abbiamo trovato delle teorie molto solide che ci dicono che nulla possa viaggiare a quella velocità. Insomma, non sto dicendo che non viaggeremo mai fra le stelle, ma che questa è una possibilità concreta e tutt'altro che remota.

Sp3cialFx08 Aprile 2021, 15:48 #10
Originariamente inviato da: voodooFX
Ora, qualsiasi tipo di habitat che puoi creare (tipo capsule sotto il suolo o cose del genere) su questi due posti infernali sarebbe infinitamente peggiore e piu costoso che farlo in Artide/Antartide, nel Sahara o chesso, su una piattaforma in mezzo all'oceano se proprio vogliamo "espanderci" e continuare a violentare ed avvelenare il pianeta meraviglioso che ci ospita...


Su Luna o su Marte hai un ambiente infernale e siamo d'accordo ma hai risorse pressoché illimitate. In artide / antartide non puoi installare km^2 di pannelli solari, reattori nucleari o altro; non puoi estrarre minerali dove e come vuoi; tutte cose che sulla Luna o su Marte puoi fare liberamente; niente ecosistemi da preservare, niente confini, proprietà e quant'altro;
anche qui sulla Terra sono nate città in posti assurdi perché c'erano risorse (vedi le città della Siberia), se hai le risorse puoi fare e ha senso fare habitat perfino lì... il problema allo stato attuale è tecnologico, ma lo sviluppo di tecnologie se c'è necessità / se è economicamente vantaggioso è solo una questione di tempo.

Cmq secondo me un limite di quando si valutano queste cose è che non è facile individuare i possibili sviluppi. Ad es. dubito che i fratelli Wright immaginassero che la loro invenzione sarebbe stata sfruttata massivamente per andare al mare dall'altra parte del mondo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^